Utente 584XXX
salve a tutti. Sono un ragazzo di 29 anni, da due mesi sono in cura da uno psicologo, per sintomi di ansia e depressione che mi portavo dietro da molto tempo. Su consiglio dello psicologo ho consultato uno psichiatra per capire se era il caso di associare alla terapia psicologica anche una terapia farmacologica. Lo psichiatra dopo la visita mi ha prescritto zoloft da prendere 25mg al dì per una settimana, poi 50 mg al dì. dopo venti giorni sono tornato al controllo e mi ha aumentato a 75 mg al dì. Mi ha chiesto come stessi, e gli ho risposto che non ho ancora notato dei gran cambiamenti, nè in positivo ma neanche in negativo. Siccome sono un tipo molto ansioso, anche su consiglio dello psicologo ho evitato di andare a cercare sul bugiardino o su internet notizie al riguardo di questo farmaco, per evitare di farmi suggestionare dai possibili effetti collaterali. Li ho chiesti al dottore al controllo, che mi ha tranquillizzato dicendomi che questo farmaco non ha molti effetti collaterali e si verificano di rado, e i più comuni sono sapore metallico in bocca e ritardo nel raggiungimento dell'eiaculazione. Questo accadeva 3 giorni fa. Io gli ho risposto che non mi sono accorto di nessun effetto collaterale, solo che negli ultimi 3 giorni ho notato che la libido mi è improvvisamente scesa, mentre nelle ultime settimane avevo praticamente sempre voglia. E' possibile che sia un effetto collaterale del farmaco, e nel caso è possibile che si sia verificato così d'improvviso, dopo una settimana di 25 mg/die e 10 giorni di 50 mg/die? Ho evitato di guardare su internet notizie in merito proprio per non farmi suggestionare, vorrei una risposta "tecnica" da voi che siete medici del settore, invece di farmi un autodiagnosi.
Se i sintomi sono riconducibili al farmaco, secondo voi è possibile che siano transitori o vuol dire che li avrò fin quando continuerò la terapia?
Da domani comincio i 75 mg/die come prescritto dal medico.
Grazie a tutti!

[#1]  
Dr. Vassilis Martiadis

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
8% attualità
20% socialità
NAPOLI (NA)
FORMIA (LT)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
Gentile utente,
Gli effetti sulLa sfera sessuale sono abbastanza comuni nella terapia con ssri. Per approfondire la tematica può leggere questo breve articolo:
https://www.medicitalia.it/minforma/psichiatria/219-effetti-sessuali-degli-antidepressivi.html
Cordiali saluti
Dott. Vassilis Martiadis
Psichiatra e Psicoterapeuta
www.psichiatranapoli.it

[#2] dopo  
Utente 584XXX

Grazie per la sua risposta dottoressa. Ho letto che c'è un periodo di tolleranza, cioè che questi effetti collaterali possono diminuire con il proseguo della terapia. Secondo lei quanto dovrei aspettare?
E soprattutto la mia domanda è: i possibili effetti collaterali se sono dovuti al farmaco se ne andranno con la sospensione del farmaco o potrebbero essere irreversibili?

[#3]  
Dr. Vassilis Martiadis

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
8% attualità
20% socialità
NAPOLI (NA)
FORMIA (LT)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2007
Gli effetti vanno in genere incontro a tolleranza nell arco di alcuni mesi. Alla sospensione della terapia, di norma, l effetto rientra completamente.
Per inciso, sono un dottore.
Cordiali saluti
Dott. Vassilis Martiadis
Psichiatra e Psicoterapeuta
www.psichiatranapoli.it

[#4] dopo  
Utente 584XXX

gentili dottori, aspetterò il prossimo controllo per far presente al mio dottore gli effetti collaterali che mi sta dando la sertralina. Secondo voi è possibile che sostituendo il farmaco con un altro possa eliminare questo effetto collaterale, oppure visto che si tratta comunque di ssri tutti i farmaci appartenenti a questa famiglia mi indurranno questo effetto collaterale?

[#5]  
Dr. Vassilis Martiadis

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
8% attualità
20% socialità
NAPOLI (NA)
FORMIA (LT)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2007
Il cambio di molecola può essere una delle strategie per cercare di ovviare a questo tipo di problemi. Infatti la reattività individuale alle molecole può essere molto diversa, soprattutto per quello che riguarda gli effetti collaterali.
Cordiali saluti
Dott. Vassilis Martiadis
Psichiatra e Psicoterapeuta
www.psichiatranapoli.it