Utente 243XXX
Buonasera
sono un ragazzo di 26 anni in cura da uno psichiatra per disturbi d'ansia(da 4 anni assumo il sereupin, inizialmente 20 mg tutti i giorni, dall'estate 2012 10 mg.). Un mese fa (il 25 novembre)il mio psichiatra mi ha fatto diminuire l'assunzione di paroxetina (da 10 mg di sereupin a 15 goccie di dropaxin). Dal 2 gennaio fino al 15 dello stesso mese ho avuto un umore bassissimo, (che ha raggiunto il massimo di intensità il 5 gennaio) che mi ha spavento molto. Su consiglio dello psichiatra sono tornato (il 9 gennaio) a prendere metà pasticca di sereupin, e ho lasciato perdere le 15 goccie di dropaxin. E' vero che sono triste per alcuni motivi (ho cabiato casa e sto per lasciare l'università)ma ora sono solo triste e non di umore bassissimo. Secondo lei è da attribuire all'aumento di paroxetina da 7,5 mg (15 goccie dropaxin) a 10mg di sereupin?oppure, come dice il mio psicoterapetuta, è stato solo un periodo caratterizzato da forte stress psicofisico ( in ordine di avvenimento dal 19 dicembre al 2 gennaio :trasloco di una settimana, con sforzo fisico nel caricare i mobili, festività natalizie, assunzione di augmentin per 6 giorni per otite, virus intestinale (il 30 gennaio) e dal 2 gennaio al 5 ho assunto bentelan per una tosse secca) ?

[#1]  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
BRESCIA (BS)
ROMA (RM)
PISA (PI)
ALESSANDRIA (AL)
VIGEVANO (PV)
MILANO (MI)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Gentile utente,

Francamente la domanda è paradossale. Lei è peggiorato dopo la riduzione della paroxetina, e questa mi sembra una ragione logica per pensare che come conseguenza abbia avuto un peggioramento.
Adesso è ripassato a 10 mg, ma la dose minima efficace di paroxetina è 20 mg, per cui tenendo una dose bassa quando le cose non vanno bene non si prevede che la situazione cambi.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#2] dopo  
Utente 243XXX

Considerando il fatto che nell'estate del 2012 sono passato a metà pasticca di sereupin, cioè da 20mg a 10mg, senza alcun effetto negativo sull'umore (a parte due giorni di umere molto basso) fino al 20 novembre dello stesso anno, in cui c'è stata la riduzione da 10 mg di serupin a 15 goccie di dropaxin, non può essere solo un periodo di umore basso dovuto allo stress per me?

[#3]  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
BRESCIA (BS)
ROMA (RM)
PISA (PI)
ALESSANDRIA (AL)
VIGEVANO (PV)
MILANO (MI)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile utente,

Appunto, l'effetto negativo c'è stato dopo qualche mese, come infatti accade.

"non può essere solo un periodo di umore basso dovuto allo stress per me? "

Come purtroppo capita a molti, sta cercando un motivo per non considerare di aumentare la dose, con l'assurdo risultato che si tiene una dose mediamente inefficace, nonostante la cronologia degli eventi indichi che più l'ha ridotta, peggio è andato a stare dopo.

Lo stress non è un concetto oggettivo, chi è ansioso e depresso è stressato anche dal niente, figuriamoci se ci sono problemi in corso. E comunque, se uno stress esterno determina un malessere che si esprime con certi sintomi, e questi sintomi configurano una depressione o altro, non vedo la differenza. Anche perché nelle diagnosi psichiatriche salvo eccezioni non c'è scritto che se c'è un plausibile fattore esterno allora la diagnosi cambia. Spesso anche il trattamento è lo stesso.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#4] dopo  
Utente 243XXX

Grazie per la risposta dottore. Un' ultima domanda: io non ho mai sofferto di depressione,e sono in cura solo per disturbi d'ansia. La mia psicoterapeuta mi dice che in periodi di forte stress psico fisico l'umore può scendere. non può essere che siano anche sintomi da sospenzione di paroxetina?

[#5] dopo  
Utente 243XXX

Oppure trattasi di problema depressivo di fondo?

[#6]  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
BRESCIA (BS)
ROMA (RM)
PISA (PI)
ALESSANDRIA (AL)
VIGEVANO (PV)
MILANO (MI)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile utente,

Parta da considerazioni semplici: era in cura per un disturbo, che ha un suo decorso e una sua tendenza a recidivare in assenza di trattamento. Ha ridotto la dose e sono ritornati alcuni sintomi. Questo non subito dopo, ma a distanza di tempo.

Riferisca al suo psichiatra che deciderà cosa fare della cura.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it