Utente 322XXX
da un mese a questa parte andava tutto bene, ero al mare e ho avuto degli attacchi di panico, tornata a casa sono caduta in depressione, ciò che mi spaventa è che non riesco più a mangiare, ma ciò che mi spaventa di più è che ho sempre il pensiero fisso sulla persona che amo, di non riuscire ad essere più quella persona che ero prima, mi sembra di avere un mostro dentro che mi vuole togliere dalle persone care. è tutto normale? una volta usciti da questo incubo si torna ad avere i soliti sentimenti? perchè questo mi spaventa sempre di più e mi fa cadere ancora di più in depressione in quanto è il mio primo pensiero tutte le mattine.

[#1]  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
ALESSANDRIA (AL)
VIGEVANO (PV)
MILANO (MI)
BRESCIA (BS)
ROMA (RM)
PISA (PI)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
"ho sempre il pensiero fisso sulla persona che amo"

Quale pensiero esattamente ?
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#2] dopo  
Utente 322XXX

Grazie per la risposta, comunque la paura di non riuscire più a trovare quello stato sereno, perchè il mio cuore sa quanto amo questa persona però questa depressione mi sta distruggendo i sentimenti.

[#3]  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
ALESSANDRIA (AL)
VIGEVANO (PV)
MILANO (MI)
BRESCIA (BS)
ROMA (RM)
PISA (PI)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile utente,

Durante gli episodi depressivi si sperimenta un inaridimento emotivo che può creare dubbi riguardo le proprie scelte, di solito in questo caso con sensi di colpa o di fallimento, ma soprattutto di colpa per il fatto di provocare o poter provocare dolore agli altri. Anche nei disturbi ossessivi l'oggetto dell'ossessione può essere un sentimento, in tal caso ci si ritrova a esaminarsi in continuazione per capire se si prova o no un determinato sentimento, e fino a che punto, situazione ovviamente assurda e che porta a coltivare un dubbio angoscioso e sempre più schiacciante di un'assenza di quel sentimento.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#4] dopo  
Utente 322XXX

A me questa cosa sta distruggendo, usciti dalla depressione si torna ad amare? Si ritrovano i propri sentimenti? Ho paura sempre di piu. Questo mi fa cadere ancora di più in depressione è il mio primo pensiero

[#5]  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
ALESSANDRIA (AL)
VIGEVANO (PV)
MILANO (MI)
BRESCIA (BS)
ROMA (RM)
PISA (PI)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile utente,

Questi sono pensieri a fondo cieco. Sarebbe come chiedersi se passata la febbre si torna a star bene. La cosa da fare è intraprendere una cura, che nell'arco di non molto può sollevarla da questo stato.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#6] dopo  
Utente 322XXX

Ho iniziato una cura di daparox da dieci giorni, non ce assolutamente segno di miglioramento, anzi mi fa perdere ancora di più emozioni e sentimenti; e mi aumenta l'ansia al solo pensiero di non tornare a vivere e al ricordo di cone ero.

[#7]  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
ALESSANDRIA (AL)
VIGEVANO (PV)
MILANO (MI)
BRESCIA (BS)
ROMA (RM)
PISA (PI)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
"Ho iniziato una cura di daparox da dieci giorni, non ce assolutamente segno di miglioramento"

Non ci deve essere infatti. All'inizio si peggiora spesso. I tempi di attesa per l'effetto sono di circa un mese, se la dose è di almeno 20 mg.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#8] dopo  
Utente 322XXX

Vedi infatti che ho solo peggioramento soprattutto molta ansia e zero emozioni, ma penso sia nella norma giusto dottore?

[#9]  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
ALESSANDRIA (AL)
VIGEVANO (PV)
MILANO (MI)
BRESCIA (BS)
ROMA (RM)
PISA (PI)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Come dicevo ci sono questi tempi di attesa perché inizi a funzionare la cura.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it