x

x

Venlafaxina 150mg rilascio prolungato e probabili effetti sulle prestazioni fisiche.

Salve dottori,
sono in cura da circa 3 mesi con venlafaxina 150mg a rilasio prolungato, a causa di una depressione ansiosa. I risultati sono abbastanza soddisfacenti, mi auguro quanto prima di sentirmi al 100 %, un pò di sonnolenza in eccesso ultimamente, a volte qualche cefalea ed un senso di stanchezza, mi provocano qualche fastidio, che mi limita in maniera minima; l'importante è essere riuscito a tornare a vivere di nuovo una vita accettabile. Oltre a chiarimenti su questi sintomi e la loro natura, vorrei chiederVi in particolar modo, se l'uso di venlafaxina, posso incidere sulle prestazioni sportive, ho praticato prima di ammalarmi sport a livello agonistico, poi ho interrotto per motivi personali legati al lavoro, con la malatta mi è stato impossibile anche saltuariamente tornare a fare sport, adesso è da poco che ho iniziato a correre in maniera a volta aanche sostenuta, è vero che sono circa 10 mesi che non facci sforzi del genere, ma avverto un senso di affaticamento mai avvetito prima d'ora, ho subito il fiatone, ma un fiatone mai avuto prima d'ora, anche quando riprendevo dopo i 3 mesi estivi, insomma nota che tendo a stancarmi prima ed il mio corpo a difficoltà ad entrare in forma e sopratutto ad adeguarsi a ceti sforzi. La venlafaxina può incidere sulle mie prestazioni fisiche?
Vi ringrazio.
Cordiali saluti.
[#1]
Dr. Francesco Saverio Ruggiero Psichiatra, Psicoterapeuta 37.7k 898 60
La venlafaxina non incide sulle prestazioni fisiche.

https://wa.me/3908251881139
https://www.instagram.com/psychiatrist72/

[#2]
Dr. Marco Paolemili Psichiatra, Psicoterapeuta, Medico delle dipendenze 233 6
Tornare a fare attività fisica dopo prolungati periodi di inattività porta sempre difficoltà iniziali da mancanza di allenamento della sua muscolatura e anche del suo metabolismo, che si erano settati su una vita più sedentaria, meno dispendiosa in termini di energia. E' vero anche che gli antidepressivi possono portare, come effetto collaterale, della stanchezza, Prima però di dar la colpa al farmaco, provi a non forzare in allenamento, ad aumentare poco per volta il carico e lo sforzo e vedrà che recupererà.

Dott. Marco Paolemili
Specialista in Psichiatria e Psicoterapia Cognitivo Comportamentale
www.mens-sana.biz

[#3]
dopo
Utente
Utente
Vi ringrazio per la celere risposta dottori,
è assolutamente vero che da un punto di vista logico, se si è stati fermi per molto tempo ed in questo caso, circa 10 mesi, con una depressione per giunta, il tono muscolare e la resistenza, calano nettamente. Infatti la mia speranza è tornare ad allenarmi in maniera graduata, cioè misurando gli sforzi, al momento sono preoccupato perchè anche in precedenza dopo lunghi periodi di stop, non ero mai stato così in difficoltà, comunque continuo ancora a sperare, soprattutto nel caso in cui il mio dosaggio dovesse abbassarsi, senza avere poi problemi. Il problema però è che avverto sempre questo senso di stanchezza, una stanchezza psico-fisica, da non equiparare a quella stanchezza devastante che ho provato quando ero in depressione, ma un senso di mancanza di energia quando si affronta uno sforzo, ad esmpio anche sessualmente, ho notato un calo di libido ed una minor capacità erettiva, mi auguro sia merito di questo farmaco, che benedico, ma vorrei un giorno sospendere.
Vi ringrazio.
Cordiali saluti.