Disturbo ossessivo nella coppia

salve, vorrei se possibile avere una consulenza, non tanto per me ma per la mia particolare vita di coppia.
Ho 28 anni, da 4 mesi sto insieme a una ragazza di 10 anni più grande che è in cura da una psicoanalista. Dopo 10 anni di convivenza si è lasciata e per lei sono iniziati i problemi. Ha un'ossesione compulsiva per la pulizia della sua casa. Appena vede un alone, un'impronta, una briciola prende subito l'aspirapolvere e si mette a pulire, più volte al giorno, togliendo i suoi spazi liberi. Dice che in questo modo non pensa.
Non mangia quasi niente, e si fa molti problemi sul suo fisico (in realtà è molto bella).

Tra noi ci sono giorni in cui mi dice che mi ama alla follia e che non potrebbe sopportare un'altra delusione. Ore dopo cambia totalmente, si chiude e dice che vuole avere i suoi spazi e che sarebbe meglio finirla. Va avanti così da mesi.
Dormo spesso a casa sua (me lo chiede sempre lei), la vita sessuale va alla grande, mi ha lasciato anche le chiavi di casa. L'altra settimana però ha visto che avevo lasciato delle briciole in cucina, si è innervosita e mi ha letteralmente lanciato i vestiti che avevo lasciato da lei dicendo di andare via. Sono riuscito a calmarla e si è scusata dicendo che non sapeva spiegare la sua reazione.
Spesso mi dice che nella sua testa c'è una confusione incredibile.
Ci sono giorni che mi fa sentire unico, altri giorni che non risponde neache a una mia telefonata.

Sono innamorato di lei ma non so come comportarmi. Sono sempre presente, dolce, rassicurante. In futuro vorrei anche avere dei figli ma al momento la vedo impossibile. Credo che i suoi problemi siano più seri di quel che sembra.
La sua migliore amica mi ha detto di fare l'uomo, di essere un po' duro, di saper dire forzatamente anche di no, anche quando dice di volermi vedere, ma così ho paura di allontanarla, vorrei farle capire invece che le sono vicino.
Cosa dovrei fare, come mi dovrei comportare?
Grazie mille!
[#1]
Dr. Piergiorgio Biondani Psichiatra, Medico di base, Perfezionato in medicine non convenzionali, Psicoterapeuta 1.6k 48
Gentile utente,
la sua confusione è comprensibile data l'altalenanza dei comportamenti della sua ragazza.Penso che il suo attuale comportamento sia adeguato,anche se probabilmente non sufficiente a placare le ansie e le insicurezze della sua partner.Credo che la situazione possa migliorare solo con una adeguata terapia,che,a quanto mi dice è stata iniziata,ma che richiederà indubbiamente tempi piuttosto lunghi per dare appieno i suoi frutti.Cerchi quindi,se sente di nutrire sentimenti profondi, di starle vicino e incoraggiarla nei momenti in cui potrà trovare delle difficoltà nel suo percorso terapeutico.
Cordiali saluti
Piergiorgio Biondani