Io sono al terzo giorno e avverto gi tachicardia e ansia

buongiorno ho 39 anni e da tanto tempo soffro di ansia generalizzata e ansia. Ho provato diversi psicofarmaci e avevo trovato un pò di equilibrio,anche se l'ansia non è mai scomparsa con l'efexor. Purtroppo dopo una soffertissima gravidanza tutto è peggiorato,portandomi a provare nuove cure (cipralex, wellbutrin, cymbalta) senza alcun risultato. Alla fine sono arrivata alla paroxetina che mi ha risollevato l'umore, togliendomi un pò d'ansia ma purtroppo eliminando totalmente il desiderio sessuale. Ho esposto il mio problema al mio ultimo psichiatra che vedendomi stare un pò meglio,dopo solo 3 mesi di paroxetina, ha deciso di toglierla totalmente, lasciandomi l'efexor che già prendevo nella cura precedente e dandomi le iniezioni di Centrum,dicendomi che si trattava di un antidepressivo senza controindicazioni. In realtà ho visto che il Centrum viene dato per la memoria e non è un antidepressivo. A questo punto ho molta paura di scalare la paroxetina perchè ho letto che da effetti da sospensione molto forti....lui mi ha detto di scalare i 20 mg che prendo 1/4 ogni 4 giorni . Io sono al terzo giorno e avverto già tachicardia e ansia. Io lo avevo pregato di darmi un altro antidepressivo al posto della paroxetina che nn mi togliesse il desiderio ma lui ha risposto che la paroxetina e quello che lo toglie meno in assoluto. Possibile che debba scegliere tra non aver più nessun tipo di rapporto col mio compagno o crisi di astinenza da paroxetina???
[#1]
Dr.ssa Franca Scapellato Psichiatra, Psicoterapeuta 3.9k 196 21
Tre mesi sono pochi per un beneficio stabile, cioè per non rischiare una ricaduta.
Per quanto riguarda i sintomi da sospensione, con la riduzione progressiva non ci sono problemi, però se la riduzione arriva dopo un periodo accettabile di terapia, almeno 8-12 mesi. Purtroppo il calo del desiderio può verificarsi per tutti i farmaci di questa categoria, anche se non in tutte le persone.

Franca Scapellato

[#2]
dopo
Attivo dal 2013 al 2014
Ex utente
Grazie mille per la risposta rapida dottoressa. Il problema è che sono stata curata per anni con il seroquel per l'ansia e anche quello aveva spento totalmente il mio desiderio. Quindi sono anni che non conduco una vita "normale". Visto che alla fine la paroxetina non è che mi abbia giovato un granchè lo trovo inutile continuare, ma non voglio ripiombare nell'inferno che ho vissuto per quasi tre anni, anche perchè ho un bimbo di due anni che ha bisogno di me. Lei mi parla di categorie, ma ci sono categorie che non hanno o che hanno meno effetti sul desiderio? insisto perchè sò quanto ne soffre anche il mio compagno di tutto questo :(
[#3]
Dr.ssa Franca Scapellato Psichiatra, Psicoterapeuta 3.9k 196 21
Tutti gli SSRI (inibitori della ricaptazione della serotonina) possono dare in alcuni casi riduzione della libido, un effetto reversibile che scompare quando si sospende la terapia, ma che può anche attenuarsi durante la terapia stessa. Anche efexor, che è un SNRI, può dare lo stesso disturbo, per non parlare di ansia e depressione, che spesso incidono pesantemente sulla libido.
Le consiglierei di riparlarne col suo psichiatra e di non aver troppa fretta di abbandonare un farmaco che stava funzionando: il rischio è di perdere tempo cambiando terapie in successione senza aspettare di avere risultati.
[#4]
dopo
Attivo dal 2013 al 2014
Ex utente
grazie mille dottoressa per la sua gentilezza.
Ansia

Cos'è l'ansia? Tipologie dei disturbi d'ansia, sintomi fisici, cognitivi e comportamentali, prevenzione, diagnosi e cure possibili con psicoterapia o farmaci.

Leggi tutto