Utente 344XXX
Salve,vi scrivo di nuovo a distanza di pochi giorni,perchè il mio psichiatra di fiducia mi ha effettuato una modifica della terapia con tegretol 400 mg e mirtazapina 30 mg,ebbene vorrei sapere se la mirtazapina è un farmaco diverso dagli ssri,e se è più potente o meno,inoltre vorrei sapere se la sonnolenza che produce è destinata a scomparire con il tempo.
in attesa di un vostro consulto,porgo

Cordiali saluti

[#1]  
Dr. Paolo Carbonetti

28% attività
12% attualità
16% socialità
TERNI (TR)
VITERBO (VT)

Rank MI+ 56
Iscritto dal 2008
La mirtazapina ha un meccanismo d'azione leggermente diverso dagli ssri perchè è attivo sia sulla serotonina che sulla noradrenalina (le risparmio maggiori particolari).
Non possiamo dire che sia più potente degli altri, dipende dalle dosi e dalla risposta individuale.
La sonnolenza di regola scompare.
Saluti
(P.S.: perchè queste domande non le ha rivolte allo specialista di fiducia? )
Dr. Paolo Carbonetti
Specialista in Psichiatra
Specialista in Psichiatria Forense
Viterbo-Terni-

[#2] dopo  
Utente 344XXX

Dott.Carbonetti,la ringrazio della celere risposta,vede il mio specialista,sapendo che sono ipocondriaco,tende a nascondermi gli effetti avversi di certi farmaci,anche se io leggo sempre i bugiardini, e cerco di vedere se ci sono effetti o no.Quello che volevo sapere è se una compressa di mirtazapina da 30 mg è più potente,come risposta antidepressiva, di una da 20mg di sereupin o di una da 100mg di fevarin,i quali sono stati da me usati con successo anni addietro per periodi di 5-6 mesi ciascuno.
So che la mirtazapina è un nssa o nari,ma ho letto che da parecchia sonnolenza e sedazione poichè agisce sulla istamina, al pari di un antistaminico.Vede io ritengo che gli ssri sono i più usati,i più sicuri e più conosciuti,ed ho come il sospetto che il mio psichiatra mi abbia prescritto la mirtazapina come contentino,come pseudo -placebo.
Mi risponda quando può.
grazie

[#3]  
Dr. Francesco Pietrini

24% attività
16% attualità
8% socialità
FIRENZE (FI)
MONTEVARCHI (AR)

Rank MI+ 48
Iscritto dal 2014
La mirtazapina è un farmaco antidepressivo fra i più efficaci e tollerabil (anche sulla base di recenti studi di confronto con gli SSRI).
Ovviamente l'efficacia e la tollerabilità nei singoli casi viene valutata nel contesto di una visita specialistica.
Dr. Francesco Pietrini - medico psichiatra

[#4] dopo  
Utente 344XXX

Dott.Pietrini,grazie per la risposta immediata,vede io sono in cura da 4 anni per depressione ansiosa, ed i soli farmaci con cui sono stato bene,a dosaggio basso sono stati il sereupin 20 mg ed il fevarin 100 mg,che mi hanno fatto stare in modo egregio.La mirtazapina mi preoccupa perchè ho letto che da parecchia sonnolenza e sedazione, ed io che sono sempre stato fin da piccolo attento,sveglio e vigile non voglio essere ridotto a larva,a zombi.Quello che penso è che gli ssri siano i meglio, perchè usati da anni,con pochi effetti collaterali e con effetto entro le 3-4 settimane,anche se molti mi dicono che la paroxetina può dare dipendenza se presa a lungo, ma io l'ho usata solo per 4 mesi, e sono stato sempre sveglio,attivo,uscivo di casa,scherzavo.Dunque, secondo me,squadra che vince non si cambia, anche perchè mi era stata prescritta a Careggi da medici esperti,preparati,comprensivi, a differenza dello psichiatra che mi segue ora, ma che penso di lasciare a giorni per come mi ha fatto stare per 15 giorni con una terapia combinata a base di tegretol 400 mg e seroquel 300 mg.Io ritengo,mi risponda pure,che una dpressione ed ansia si curino con un antidepressivo ed un ansiolitico, non con farmaci che annichiliscono una persona come gli anticonvulsivanti ed i neurolettici,che non prenderò mai più in vita mia,data la terrificante e brevissima esperienza.
Mi risponda quando può

[#5]  
Dr. Francesco Pietrini

24% attività
16% attualità
8% socialità
FIRENZE (FI)
MONTEVARCHI (AR)

Rank MI+ 48
Iscritto dal 2014
Si renderà conto che in questa sede è impossibile pronunciarsi sulle scelte terapeutiche più idonee per un disturbo. Ciò non può prescindere da una visita specialistica ed esula dalle finalità di questo servizio.
Quello che però posso dirle é che alla base di un trattamento proficuo per qualsiasi disturbo sia importante una buona relazione medico-paziente in cui ci sia spazio per i necessari chiarimenti e per un progetto terapeutico il più possibile condiviso.
Dr. Francesco Pietrini - medico psichiatra

[#6]  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
PISA (PI)
ALESSANDRIA (AL)
VIGEVANO (PV)
MILANO (MI)
BRESCIA (BS)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
"La mirtazapina mi preoccupa perchè ho letto che da parecchia sonnolenza e sedazione"

Ma nel suo caso non lo sa ancora, e anche se la desse, qualcosa le impone di tenersela senza segnalarla al suo medico ?
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#7]  
Dr. Francesco Pietrini

24% attività
16% attualità
8% socialità
FIRENZE (FI)
MONTEVARCHI (AR)

Rank MI+ 48
Iscritto dal 2014
Tenga presente che sonnolenza e sedazione vanno progressivamente a diminuire.
Dr. Francesco Pietrini - medico psichiatra

[#8] dopo  
Utente 344XXX

Dott.Pietrini,grazie ancora per la sua risposta,vede io in questi 4 anni ho preso solo due o tre antidepressivi in periodi diversi,ma ho conosciuto altri pazienti che, pur essendo in cura da pochi anni,avevano già fatto il valzer dei farmaci,provando quasi tutti gli antidepressivi ed ansiolitici esistenti;ebbene,io che ho 30 anni,non voglio essere una cavia ed entrare in una giostra di farmaci da cui no se ne esce più.Le ripeto mi sono trovato bene con sereupin 20 mg ed poi con fevarin 100 mg,dunque penso,dopo altro consulto specialistico,di tornare a questi due.Non ho voglia di prenderli a vita,ma per alcuni mesi.

salve

[#9]  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
PISA (PI)
ALESSANDRIA (AL)
VIGEVANO (PV)
MILANO (MI)
BRESCIA (BS)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
"Non ho voglia di prenderli a vita,ma per alcuni mesi."

Cioè non ha intenzione di seguire le indicazioni eventuali del medico che la segue ? La scelta di prenderli per poco tempo che scopo avrebbe ? Non farli funzionare a dovere ?

Mi sembra che consideri i medicinali, anziché uno strumento nelle sue mani, qualcosa che la può legare (per un meccanismo non chiaro) e da evitare finché possibile. Eppure ne ha provati a alcuni l'hanno fatta star bene.

Sarebbe però il caso che chiarisse la diagnosi, perché tegretol non è una terapia per la depressione ansiosa.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it