Utente 373XXX
Buonasera. Mi è stato diagnosticata ansia generalizzata con attacchi di panico sporadici e data la terapia di Sereupin 20 mg da iniziare con 1/4 di compressa e proseguire fino a quella intera in circa un mese.
In seguito all'insorgenza di effetti indesiderati molto pesanti (mancata erezione e raggiungimento dell'orgasmo difficile) dopo 15 giorni dall'assunzione sono tornato dallo psichiatra e mi ha detto che tutti i farmaci di questa classe creano questi disagi , ma si potrebbe provare ad utilizzare due antidepressivi che sono Bupropione o Fluvoxamina, se questi due inefficaci per il mio disturbo o mi dessero di nuovo effetti collaterali importanti mi rimarrebbe solo una terapia ansiolitica prolungata nel tempo con xanax r.p.

Ora vorrei capire se effettivamente quei due antidepressivi che mi ha accennato sono privi di questi effetti collaterali e se possono andare bene per ciò che mi è stato diagnosticato.
Inoltre dopo una settimana dalla sospensione di sereupin ancora ho difficoltà a raggiungere l'orgasmo, il che è molto frustrante sia per me che per la mia ragazza con cui sto' da 6 anni che appare molto combattuta da questo fatto. E tutto ciò accresce solo la mia ansia in modo esponenziale.

Ho trovato questo articolo in internet ma risulta molto datato (1997), vorrei capirci un po' più : http://www1.adnkronos.com/Archivio/AdnSalute/1997/06/26/Neurologia/DEPRESSIONE-FLUVOXAMINA-NON-PROVOCA-RITARDO-EIACULAZIONE_121400.php

Grazie mille , distinti saluti

[#1]  
Dr. Mario Savino

40% attività
4% attualità
16% socialità
MILANO (MI)

Rank MI+ 60
Iscritto dal 2008
Prenota una visita specialistica
Gentilissimo
tutti i serotonergici (sereupin etc) possono causare disturbi sessuali reversibili. In effetti fra questi la Fluvoxamina è il farmaco ritenuto meno fastidioso.
Il Bupropione può essere una soluzione ma temo che non sia così efficace nel disturbo da attacchi di panico. Altri farmaci rispettosi della sfera sessuale possono essere considerati la Mirtazapina, basse dosi di Trimipramina, il Gabapentin e pochissimi altri.
Ne parli col suo curante.
Un caro saluto

Mario Savino
medico
Specialista in Psichiatria

[#2] dopo  
Utente 373XXX

Grazie per la completa risposta dottor Savino.
Girando in internet ho letto della PSSD e mi sto' forse suggestionando troppo poiché come ho detto ho ancora disturbi da una settimana..
Questa sindrome è accertata ? Si cura o come dicono in alcuni forum è permanente??
Sono veramente spaventato..

[#3]  
Dr. Mario Savino

40% attività
4% attualità
16% socialità
MILANO (MI)

Rank MI+ 60
Iscritto dal 2008
E' una forma RARA (e questo in medicina vuol dire pressoché inesistente). Le cause sono verosimilmente legate all'induzione di una impotenza psicogena innescata dalle esperienze sessuali insoddisfacenti esperite durante l'assunzione degli SSRI con conseguente sviluppo di ansia prestazionale. In questo caso il disturbo tende a persistere ma può essere trattato con una psicoterapia adatta e/o l'utilizzo di farmaci che favoriscono l'erezione quando il pene è stimolato (viagra, cialis, levitra etc da usare per un certo periodo finché non si riacquista la fiducia e la serenità necessarie ad una vita sessuale soddisfacente.
Stia tranquillo e auguri sinceri
Mario Savino
medico
Specialista in Psichiatria

[#4] dopo  
Utente 373XXX

Grazie dottore.
Mi permetta un ultima domanda.
Se dovessi eventualmente fare una lunga terapia con xanax r.p. come detto dallo psichiatra, questo potrebbe causarmi problemi?
Ho visto che si parla di deficit cognitivi o di amnesie..
Ed anche lo xanax a lungo causa problemi dal punto di vista sessuale.
Insomma volevo chiederLe quali sono gli aspetti negativi oltre alla dipendenza che potrebbe darmi questa benzodiazepina.
Cordiali saluti

[#5]  
Dr. Mario Savino

40% attività
4% attualità
16% socialità
MILANO (MI)

Rank MI+ 60
Iscritto dal 2008
Lo xanax è generalmente ben tollerato e non dovrebbe dare causare disturbi alle dosi suggerite. Le dosi arrivano fino a 6 mg al dì ma suppongo che le abbiano prescritto dosaggi molto inferiori (0,25 per tre o 0,50 per tre). Dovrà poi ridurlo gradualmente.
I problemi cognitivi insorgono di solito a lungo termine (anni) e a dosi medio-alte.

Mario Savino
medico
Specialista in Psichiatria