Utente
Buonasera, sono la mamma di una ragazza di 17 anni che da fine gennaio soffre di attacchi di panico, sono iniziati in maniera insolita: lei si è praticamente accasciata a terra, ma non aveva del tutto perso i sensi perché ci sentiva e rispondeva molto debolmente, poi ha iniziato a piangere convulsamente dicendo che si sentiva soffocare.... Gli attacchi si verificavano praticamente ogni giorno, anche due volte al giorno... L'abbiamo subito portata da uno psichiatra che le ha prescritto daparox 10gg, noritren 1 cp, mutabon mite1 cp.. Verso metà febbraio sembrava che stesse meglio ma abbiamo cambiato psichiatra perché lei non si trovava bene, non riusciva a parlare liberamente con lui, abbiamo cambiato medico e il nuovo psichiatra ha modificato un po' la terapia : 20 gg daparox, sospeso il noritren e lasciato il mutabon; dopo il 20 febbraio gli attacchi hanno cominiciato a cambiare: la fase dello psudo svenimento durava anche 20 minuti, poi una sera ha Iniziato a straparlare, diceva che vedeva draghi neri, e che si trovava in un posto dove non riusciva a uscire, era come in preda ad allucinazioni, la sera dopo stessa cosa, poi ha detto che voleva disegnare, all'inizio quasi strappava i fogli con i suoi scarabocchi, poi piano piano con noi che cercavamo di tranquillizzarla ha disegnato un viso, poi un fiore e poi si è come risvegliata e ha pianto tanto, chiedendoci scusa perché lei di ricordava tutto quello che le era successo ,; nei giorni seguenti per 2 volte addirittura non ci riconosceva più, diceva che non eravamo la sua famiglia e che avevamo delle maschere, parlava con un'altra Giulia che era dentro di lei, sono stati momenti terribili per noi che non sapevamo cosa fare.... Dimenticavo di dire che per 2 volte ha avuto anche difficoltà di parola, aveva la lingua come paralizzata, e scriveva che era come se si trovasse in un posto dal quale non poteva uscire.. Lo psichiatra che la sta curando ci ha tranquillizzato dicendoci che sono tutti fenomeni che riguardano il suo disturbo di attacchi di panico, che tra un pochino, quando la terapia avrà raggiunto il suo effetto, dovrebbero cominciare a diminuire.... Effettivamente da domenica non ne ha più avuti, e mi sembra di vederla tornata come prima, anzi ora mi sembra più serena di come lo era prima che iniziasse tutto questo incubo. Vorrei un vstro parere su tutta la questione, mi fido molto del nostro psichiatra, ma effettivamente questi attacchi di panico mi sembrano molto fuori della norma... Potreste farmi sapere cosa ne pensate e se vi sono capitati casi simili a quelli di mia figlia?
Saluti e grazie

[#1]  
Dr. Francesco Saverio Ruggiero

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
AVELLINO (AV)
ISCHIA (NA)
TARANTO (TA)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2003
Prenota una visita specialistica
Questi fenomeni non appartengono a disturbi di panico e vanno valutati ed inquadrati con differente considerazione.

Va in primis capito se non siano effetti iatrogeni dipendenti dalla terapia attuale ed eventualmente va rivalutata anche la diagnosi per poi cambiare il trattamento.
https://www.instagram.com/psychiatrist72/

https://wa.me/3908251881139

[#2] dopo  
Utente
Buongiorno dottore, prima di tutto grazie per aver risposto subito, in effetti io temevo che lei mi rispondesse cosi, come può capire non è facile dire allo psichiatra che ho chiesto un consulto su internet che diverge dalla sua diagnosi, avevamo anche sentito uno altro psichiatra che aveva confermato la stessa diagnosi, ma al momento i casi di sdoppiamento di personalità e le altre anomalie non si erano ancora verificate, solo l'afasia si era già verificata... Secondo lei di cosa si puoi trattare? Premetto che quegli episodi non si sono più verificati in maniera così eclatante: per esempio domenica ne ha avuto uno in cui diceva solo che non riusciva ad uscire da dove si trovava, ma ci riconosceva ed era più tranquilla, poi si è come risvegliata da una trance e da allora non è piu successo nulla...
Non so cosa fare dottore, anche perché in famiglia tutti mi dicono che mi devo fidare del nostro psichiatra e di smetterla di cercare conferme altrove, noi abitiamo a La Spezia, mi può indicare qua vicino a chi mi posso rivolgere? Ha qualche centro specializzato da consigliarmi? Ma la cosa più importante: lei cosa pensa di tutto ciò? Potrebbe essere una forma psicotica o qualcosa di simile? In questi due mesi non faccio altro che cercare su internet una qualche corrispondenza con i sintomi di mia figlia relativamente agli attacchi di panico, ma non ne trovo... Ora lei mi conferma i miei dubbi, ed io non so più cosa fare...
La ringrazio e la saluto.