Utente 283XXX
Buongiorno, scrivo per mia madre. 76 anni a luglio, da qualche anno la sua qualità della vita è notevolmente peggiorata e solo ora ci siamo resi conto in famiglia dei suoi reali problemi.
3 anni e mezzo fa rottura del femore, inserimento della protesi, tutto ok ma a seguito di un lutto di una persona amica sembra rintanarsi in un mondo tutto suo.
Poi si riprende un Po.
Arriva un altro lutto forte e per due volte finisce in ospedale perché fuma 40 sigarette in una sera. Mia madre soffre di bpco. E inoltre per dormire prendeva lexotan ogni sera e solo ora abbiamo capito che esagerava perché dormiva quasi tutto il giorno, noi pensavamo fosse stanchezza, non viviamo con lei quindi non sapevamo quante gocce prendesse finché una vacanza insieme non ci ha fatto rendere conto.
Cmq, si riprende dopo il ricovero.. alti e bassi fino al cambio casa un anno fa perché non riusciva più a salire le scale e ci voleva un ascensore.
Liti con la sua migliore amica.. la perdita della sorella molto recentemente e ansia per un figlio che vive lontano. Da gennaio 2017 praticamente per mia madre c'è stata una preoccupazione dietro l'altra. Quando è giù sta a letto tutto il giorno. Si Alza solo per mangiare e a volte non vuole nemmeno farlo.
Di recente dopo l'ennesimo lutto è di nuovo finita in ospedale per la riacutizzazuone della bpco a seguito del fumo.
Abbiamo fatto fare una visita psichiatrica e dopo 1 ora il responso è stato disturbo bipolare mai curato. La cura sarebbe la sertralina ma il dottore teme la somministrazione in quanto mia madre ha le seguenti patologie:
Diabete da corticosteroidi (assume metformina)
Verosimile arterie di hosting (prende 10 mg di prednisone al giorno e cymbalta da 60 credo)
Bpco
Ha avuto il k alla mammella 18 anni fa
Prende diuretici per l'ipertensione mi pare
Severa osteoporosi
Il dottore ha detto che se proprio va in fase calante di cominciare con 25 mg di sertralina per i primi 4 giorni e poi 1 al giorno.
Io ho paura di tutti gli effetti collaterali ..
Aggiungo che mia madre vive con mio padre e ha una persona che li aiuta ma non per tutto il giorno.
Grazie della vostra disponibilità.

[#1]  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
PISA (PI)
ALESSANDRIA (AL)
VIGEVANO (PV)
MILANO (MI)
BRESCIA (BS)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Gentile utente,

Disturbo bipolare e antidepressivi da soli mi tornano poco. Inoltre c'è il cortisonico, il cui effetto può essere negativo sull'umore in chi soffre di cose del genere.
Quindi dopo la diagnosi di disturbo bipolare la terapia proposta è stata un antidepressivo, il cymblata, e eventualmente il medico diceva di aggiungere la setralina ? Strano.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#2] dopo  
Utente 283XXX

Il cymbalta lo prende da quando è stata diagnosticata la presunta arterite di horton. Ai tempi ci dissero che era data per un'azione rilassante sui centri nervosi impattati dall'arterite.
Lo psichiatra dice di aggiungere la sertralina in quelle dosi.
Lo psichiatra ci ha fatto domande sul passato di mia madre. E sulla base di quello che abbiamo raccontato ha formulato la diagnosi di bipolarismo.
Aggiungo che il lexotan non lo prende più.
Ora halcion 125 più mezza compressa di lactozepam.

[#3]  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
PISA (PI)
ALESSANDRIA (AL)
VIGEVANO (PV)
MILANO (MI)
BRESCIA (BS)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile utente,

Sì, un anti-neuropatia periferica, questo può essere. Di fatto comunque è un antidepressivo, quindi in presenza di una diagnosi di disturbo bipolare la cosa andrebbe riconsiderata.
Idem per l'aggiunta di zoloft, perché con quella diagnosi la terapia sarebbe sostanzialmente diversa, almeno che non si tratti di forme sfumate.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#4] dopo  
Utente 283XXX

Rileggendo la sua risposta mi viene da chiedere quale sarebbe la terapia? So che non si possono dare terapie on line ma mi pare di capire che non sarebbe lo zoloft quindi?

[#5]  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
PISA (PI)
ALESSANDRIA (AL)
VIGEVANO (PV)
MILANO (MI)
BRESCIA (BS)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile utente,

In generale la terapia del disturbo bipolare non si basa su antidepressivi, almeno non da soli.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#6] dopo  
Utente 283XXX

Potrebbe essere più specifico? Intende dire per caso psicoterapia? È praticamente impossibile convincerla ad andarci.
Io voglio capire se è il caso di somministrare la sertralina e coda devo aspettarmi. Crisi suicidarie ... peggioramento dell'ansia...

[#7]  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
PISA (PI)
ALESSANDRIA (AL)
VIGEVANO (PV)
MILANO (MI)
BRESCIA (BS)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile utente,

No, intendo terapie farmacologiche. Non posso dirle se e cosa deve prendere, semplicemente le terapie per il disturbo bipolare non sono le stesse che per la depressione, sono due cose diverse. Si possono usare anche gli antidepressivi, ma da soli in generale no. In questo caso sarebbero due associati.
Senta meglio i medici a proposito di questo eventualmente.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#8] dopo  
Utente 283XXX

Già sentiti. Anche il medico curante. E come le scrivevo prima lo psichiatra.
Entrambi sono in accordo.