x

x

Alcolismo

Buongiorno,mio marito ,alcolista,in psicotetapia da febbraio,su consiglio della psicologa ,da circa un mese ha cominciato ad assumere etiltox 200 mg,una compressa al dì;la terapia sta funzionando bene,anche grazie alla forte motivazione di mio marito .Il problema è che da quando assume etiltox ha un forte problema di alitosi,uno sgradevole odore di aglio persistente.Si può ovviare a questo inconveniente?magari con dei farmaci?o con qualche altro rimedio?Ringrazio anticipatamente per la gentile risposta.Saluti.
[#1]
Dr. Francesco Saverio Ruggiero Psichiatra, Psicoterapeuta 38.1k 913 63
La psicologa non può aver consigliato farmaci.

Se è un effetto collaterale del prodotto non si può fare nulla.

Eventualmente questo tipo di odori dovrebbe far valutare la funzionalità epatica.

Dr. F. S. Ruggiero

http://www.francescoruggiero.it

https://wa.me/3908251881139
https://www.instagram.com/psychiatrist72/

[#2]
dopo
Utente
Utente
Grazie dottore per la sua veloce risposta.Mio marito è già in cura da anni da un epatologo per l'epatite c cronica ed ogni 6 mesi effettua gli esami di routine del fegato,che fino a 6 mesi fa erano perfetti.Ora a breve dovrebbe rifarli nuovamente.Il problema dell' alitosi si è verificato proprio pochi giorni dopo l assunzione di etiltox,effetto collaterale comunque menzionato nel foglietto illustrativo.Tale effetto però sarebbe transitorio,ma ad oggi dopo un mese è ancora presente.Potrbbe volerci più tempo per scomparire o almeno attenuarsi?
Grazie ancora.
[#3]
Dr. Francesco Saverio Ruggiero Psichiatra, Psicoterapeuta 38.1k 913 63
Non ho ben capito se il farmaco ha avuto una indicazione da parte di un medico o solo della psicologa e se sono state prese in considerazione le problematiche epatiche preventivamente alla prescrizione
[#4]
dopo
Utente
Utente
Il farmaco ci è stato consigliato dalla psicologa ,che conosce comunque il problema epatico di mio marito,poi ne abbiamo parlato con il nostro medico di base che ci ha prescritto il farmaco.Ora attendiamo il nuovo appuntamento con il nostro epatologo per informarlo e sentire il suo parere a riguardo.Ma è un farmaco controindicato in questi casi?Ma se viene prescritto ad alcolisti,spesso hanno problemi al fegato,o sbaglio?Grazie.
[#5]
Dr. Francesco Saverio Ruggiero Psichiatra, Psicoterapeuta 38.1k 913 63
La psicologa non può consigliare proprio un bel niente. Non è un medico e non può consigliare farmaci nè "conoscere" la situazione epatica di suo marito le può consentire di fornire consigli perché conosce la situazione come il mio fruttivendolo conosce la frutta che mi piace.

Ancora peggiore il comportamento del medico di base che prescrive un prodotto su consiglio di una non laureata in medicina.

Il farmaco può avere controindicazioni nel caso di suo marito ed attualmente ciò che descrive come odore di aglio può essere un problema epatico che va indagato.

Non tutti gli alcolisti hanno malattie epatiche ed in ogni caso la situazione è differente da paziente a paziente, ma ovviamente chi prescrive deve avere le capacità di discernere in base alla situazione.