Utente cancellato
Salve
Il mio specialista mi ha prescritto da due settimane Risperdal 1 mg al giorno.
La diagnosi non è ne' schizofrenia ne' disturbo bipolare.
Ho ansia, pensieri ossessivi e a volte scatti di aggressività che peggiorano prima del ciclo mestruale.
Ho provato molti farmaci prima di approdare a questo...ssri triciclici stabilizzatori dell'umore..sospesi o per mancanza di effetto terapeutico o per effetti indesiderati.
Devo dire che col risperdal mi sto trovando bene anche prima del ciclo sono meno tesa.
Lo specialista dice che ha azione anche sul sistema serotoninergico oltre che dopaminergico.
Tuttavia sul sonno non noto miglioramenti.
Prima lo prendevo di sera ma mi è stato spostato alla mattina per tentare di ovviare all l'insonnia.
Dunque lo specialista a detta sua, per ottenere effetti terapeutici più completi di solo 1 mg ha aumentato il dosaggio a 2 mg al giorno. Non di più dice per non incappare in troppi effetti collaterali tipo sulla prolattina e della discenisia ma io x timore ancora non inizio con questo dosaggio.
Vorrei un parere di un altro specialista per saperne se effettivamente 1 o 2 mg sono un dosaggio sicuro....sia x la prolattina che per la discenisia.
E se è corretto aumentare x ottenere maggiori benefici.

Grazie in anticipo a chi mi risponderà

[#1]  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
ALESSANDRIA (AL)
VIGEVANO (PV)
MILANO (MI)
BRESCIA (BS)
ROMA (RM)
PISA (PI)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Gentile utente,

Mi scusi ma che senso ha chiedere se un dosaggio è sicuro rispetto a degli effetti collaterali ? Non è chiara la domanda.
Se sono riportati degli effetti, è chiaro che sono delle possibilità elencate dalla a alla z, quindi chiedere se possono capitare o si può escludere è una domanda priva di risposta.
Se nessuno le ha detto di aumetarlo, perché si pone il problema ?
La diagnosi dice Lei non è nessuna di quelle due. Quindi quale è ?
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#2] dopo  
463027

dal 2017
Salve.
Forse non mi sono spiegata bene.
Lo specialista che mi segue mi ha detto di aumentare a 2 mg per avere un maggiore effetto terapeutico dato che con 1 mg mi sento meno tesa ma ho ancora disturbi sul sonno.
Le ripeto che la diagnosi non è ne' schizofrenia ne' disturbo bipolare.

Ho ansia pensieri ossessivi e scatti di aggressività che si accentuano prima del ciclo mestruale.
Ho provato altri farmaci ma sospesi o x inefficacia o x effetti collaterali.
Quindi lo specialista ha voluto provare con una classe mai provata prima cioè un antipsicotico. Dice che a basso dosaggio ha indicazione anche per ansia pensieri ossessivi e scatti di aggressività.
Sono io che ho timore ad assumere 2 mg per gli effetti collaterali di tipo che alza la prolattina e discenisia.
Volevo solo un altro parere di uno specialista tutto qui.

[#3]  
Dr. Francesco Saverio Ruggiero

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
AVELLINO (AV)
ISCHIA (NA)
TARANTO (TA)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2003
[#4] dopo  
463027

dal 2017
Salve . Ho provato tutti gli ssri. Qualcuno era efficace qualcuno meno ma sospesi per disturbi sessuali e insonnia.
Presi a dosaggi terapeutici x periodi di quasi un anno.
TriciclicI. Stabilizzatori dell'umore in particolare tegretol che non mi dava sollievo prima del ciclo. E poi benzodiazepine.
Ho provato di tutto e cosi lo specialista ha optato per un antipsicotico.
Quindi sono approdata al risperdal che devo dire mi fa sentire meno tesa anche prima del ciclo meno aggressiva e non mi da disturbi sessuali però non dormo molto bene.
Quindi lo specialista vuole che aumento il dosaggio a 2 mg al giorno per avere maggiori effetti terapeutici e magari un miglioramento sul sonno.
Oltre 2 mg dice che non serve perché non ho le patologie menzionate sul foglietto illustrativo come psicosi e mania bipolare. E che poi aumentando troppo il dosaggio potrei essere esposta ad avere effetti collaterali tipo aumento prolattina e discenisia. Secondo lui a bassi dosaggi è meno probabile che si verificano.
Ho già esposto al mio curante la paura di assumere 2 mg.
Io volevo solo sentire un altro parere tutto qui.
Se è come afferma lui nella vostra esperienza.
Grazie

[#5]  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
ALESSANDRIA (AL)
VIGEVANO (PV)
MILANO (MI)
BRESCIA (BS)
ROMA (RM)
PISA (PI)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile utente,

Ma quindi la sua diagnosi deve restare un mistero o ha un nome ? Stiamo e state, col suo medico, facendo ragionamenti probabilmente corretti sui farmaci da prendere e quindi presumibilmente si saprà quale è la malattia che si sta curando.
Suona strano che uno sappia cosa "non è" ma non cosa è.

Detto questo, il suo medico le ha fornito praticamente le informazioni che sono oggetto della domanda. Presumo quindi che la domanda che ripete qui sia frutto della preoccupazione di tipo ossessivo, altrimenti non avrebbe senso, perché la risposta l'ha già avuta, ma del resto è una risposta piuttosto ovvia e che non dice niente di che (minori dosi, minor incidenza di effetti...).
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#6] dopo  
463027

dal 2017
Non ho nessuna preoccupazione ossessiva. Penso sia normale avere timore di poter avere un effetto collaterale come la discenisia !!!!
Detto questo io cercavo solo un altro parere che male c'è?
La diagnosi che mi è stata data è disturbo di ansia con pensieri ossessivi e discontrollo degli impulsi con peggioramento prima del ciclo mestruale.
Questo mi è stato detto.
Io non capisco perché accettate di fare consulti online e poi avete tutta questa rigidità e criticità.


Cordiali saluti

[#7]  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
ALESSANDRIA (AL)
VIGEVANO (PV)
MILANO (MI)
BRESCIA (BS)
ROMA (RM)
PISA (PI)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
D'accordo, non le sta bene ricevere pareri. La rigidità e la criticità ce l'ha Lei.
Le si dà un parere, non le piace e protesta. Faccia come crede.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it