Utente 475XXX
Buona sera, avrei bisogno di un Vostro cortese consulto sul mio problema.
Nel 2011 mi è stata diagnosticata una depressione di tipo maggiore e da allora porto avanti una cura con Elopram.
Ho iniziato con 5, poi ho aumentato nel tempo, fino ad arrivare a 12 gocce che prendo da circa 3 anni.
Ho ottenuto un netto miglioramento sia dal punto di vista depressivo che dal punto di vista dei pensieri ossessivi.
Il mio problema attuale è che soffro di un'ansia che sfocia in veri e propri attacchi di panico piuttosto invalidanti.
Faccio degli esempi: dopo mangiato ho terrore di salire in macchina per paura di vomitare (emetofobia), i viaggi intesi come spostamenti mi mettono agitazione,tanto da assumere comportamenti evitanti. Inoltre a volte l'attacco di panico mi viene anche senza motivo apparente.
In quei momenti, per calmarmi, e solo al bisogno, ricorro alle gocce di EN (dalle 5 alle 8 gtt max). Sarei contraria agli ansiolitici ma per ora è l'unico modo che mi aiuta.
La domanda da porvi è la seguente: prendendo, come precedentemente scritto, 12 gocce di elopram e sapendo in generale che questo farmaco cura anche gli attacchi di panico, aumentandone la dose, potrei risolvere il mio problema dell'ansia (intendo anche quella anticipatoria) e degli attacchi di panico? Oppure ci sarebbe qualche soluzione farmacologica diversa (p.es. l'escitalopram)?
Vi ringrazio.

[#1]  
Dr. Mario Savino

40% attività
4% attualità
16% socialità
MILANO (MI)

Rank MI+ 60
Iscritto dal 2008
Prenota una visita specialistica
L'escitalopram è un derivato del citalopram (Elopram), difficile che si dimostri più efficace (anche se la risposta del Panico varia da individuo a individuo)
Se il citalopram non controlla a sufficienza questa sintomatologia di solito si passa ad un altro SSRI come la Paroxetina, oppure ad un doppia azione vista anche la diagnosi di Depressione Maggiore.
Ne parli col suo Psichiatra.
Mario Savino
medico
Specialista in Psichiatria

[#2]  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
ALESSANDRIA (AL)
VIGEVANO (PV)
MILANO (MI)
BRESCIA (BS)
ROMA (RM)
PISA (PI)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile utente,

Di soluzioni diverse ce ne sono diverse. Quella attuale non è a dose massima.Il suo medico non è dell'idea di usare dosi maggiori di elopram ? O di cambiare medicinale ? C'è un motivo ?
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#3] dopo  
Utente 475XXX

Vi ringrazio per le Vostre risposte.
Per rispondere alle domande del Dr. Pacini, premetto che è da due anni e mezzo circa che non vado dallo psichiatra perchè ansia e panico sono peggiorati nell'ultimo anno, quindi non è ancora a conoscenza dell'evoluzione del mio problema. Ma ovviamente andrò.
Volevo semplicemente sapere, visto e considerato che sono già curata con 12 gocce di Elopram, se prima di cercare altre soluzioni farmacologiche, sarebbe corretto, in linea generale, aumentare la dose dello stesso farmaco per cercare di risolvere i problemi di ansia e attacchi di panico oltre che mantere il risultato abbastanza buono ottenuto relativamente all'aspetto depressivo.
Un'ultima domanda a titolo di semplice curiosità.
A quanto corrisponderebbe la dose massima in gocce di elopram per la mia patologia: depressione, ansia e panico?
Grazie

[#4]  
Dr. Mario Savino

40% attività
4% attualità
16% socialità
MILANO (MI)

Rank MI+ 60
Iscritto dal 2008
si arriva a 16 gtt controllando il tratto Q-T dell'elettrocardiogramma
Mario Savino
medico
Specialista in Psichiatria

[#5] dopo  
Utente 475XXX

Grazie per la risposta. Gentile Dott. Pacini, per cortesia, potrebbe rispondermi anche Lei alla mia prima domanda? Ripeto: sarebbe corretto, in linea generale,
aumentare il dosaggio dell'elopram per curare meglio gli attacchi di panico, prima di cercare altre strade? Grazie infinite

[#6]  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
ALESSANDRIA (AL)
VIGEVANO (PV)
MILANO (MI)
BRESCIA (BS)
ROMA (RM)
PISA (PI)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Sarebbe corretto chiederlo al medico, da solo non faccia mosse.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it