Utente 414XXX
Gentili Dottori,

Sono in cura con una psichiatra da due anni per una forma di depressione ansiosa associata ad insonnia. Ho assunto zoloft 100 mg scalato poi a 75 e ora a 50 mg da luglio scorso. Contemporaneamente assumevo 58 gocce di tavor la sera per dormire. Sto scalando anche il tavor da luglio e sono arrivata lentamente a 35 gocce.
Durante la cura ho sempre accusato molto torpore, astenia e stanchezza fisica soprattutto durante la mattinata. Anche ora che sto scalando i farmaci la situazione è solo leggermente migliorata.
La mia domanda è la seguente? È possibile che l'uso continuativo nel tempo del Tavor mi abbia portato questo effetto? E anche adesso che sto lentamente scalando è possibile che questo disturbo continui per una qualche forma di accumulo delle benzodiazepine? Continuando lo scalaggio dovrei sentirsi meglio? La mia psichiatra propende per questa ipotesi, anche se mi ha prescritto esami ematici di controllo.
Grazie mille a chi vorrà rispondermi

[#1] dopo  
Dr.ssa Franca Scapellato

Referente scientifico Referente Scientifico
44% attività
20% attualità
20% socialità
PARMA (PR)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2007
La stanchezza e l'astenia potrebbero derivare da un sonno di cattiva qualità, da problemi ormonali (per esempio un leggero ipotiroidismo), oppure da anemia o altri problemi internistici, per cui la sua psichiatra ha fatto bene a prescrivere esami ematici.
Le benzodiazepine sono difficili da eliminare, perché danno assuefazione, ma non si accumulano nell'organismo e non portano a una sintomatologia come quella che descrive.
Franca Scapellato

[#2] dopo  
Utente 414XXX

Grazie mille dottoressa per la risposta.