Utente 441XXX
Buonasera dottori prendo sereupin da 6 mesi. Ora devo sospenderlo solo che non ho seguito le indicazioni del famoso 10% e l'ho tolto di colpo (evitate giudizi). Sono 5 giorni che non lo prendo più domani è il sesto e va tutto bene. Zero sintomi collaterali a parte l'aumentata libido (riaumentata) e però adesso ho dei giramenti di testa discontinui nel tempo. Indipendentemente dal fato che quello che ho fatto è sbagliato posso danneggiare la mia salute così? Non intendo in modo sintomatico (sopporto) ma dico danni reali

[#1] dopo  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
PISA (PI)
VIGEVANO (PV)
ROMA (RM)
ALESSANDRIA (AL)
BRESCIA (BS)
LUCCA (LU)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Gentile utente,

Danni reali in che senso ? La sospensione graduale si consiglia per evitare i sintomi da sospensione.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#2] dopo  
Utente 441XXX

ah ok perfetto grazie mille. No intendevo dire se causasse danni al sistema nervoso o simili toglierlo del tutto così ma se è solo questione di sintomi di questo tipo del tutto sopportabili va benissimo. Ancora grazie

[#3] dopo  
Utente 441XXX

Dottore le chiedo di scusarmi torno a disturbare. Avrei una domanda e una pura e semplice curiosità:

1)premesso che sono 7 giorni che non assumo più la paroxetina, settimana prossima devo togliere un dente del giudizio. Mi chiedevo se un paziente che assume quotidianamente 20mg di sereupin (non più il mio caso perchè ho smesso) può fare questo tipo di intervento odontoiatrico senza problemi. In chirurgia maxillofacciale mi hanno detto che il farmaco potrebbe aumentare gli effetti dell'anestetico ma niente a riguardo della coagulazione ecc. Voglio dire se qualcuno ha veramente bisogno di questo farmaco e non può sospenderlo dal punto di vista psichiatrico è comunque possibile togliere il dente in tranquillità?

2)questa è una domanda molto ipotetica. Se uno assume paroxetina dall'età di 20 anni (non è il mio caso) se è necessario può assumerla per tutta la vita o è un farmaco che prima o poi va abbandonato? Perchè mi lasciano qualche dubbio gli effetti collaterali sulla glicemia, fra l'altro in famiglia c'è qualche problema a riguardo.
La ringrazio infinitamente per la sua attenzione egregio dottore

[#4] dopo  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
PISA (PI)
VIGEVANO (PV)
ROMA (RM)
ALESSANDRIA (AL)
BRESCIA (BS)
LUCCA (LU)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile utente,

Sul punto 1 deve sentire i medici, anche se non capisco che problema si pone se NON sta assumendo il farmaco. Sul piano psichiatrico non so a cosa di preciso si riferisca.
Sul punto 2, dipende da cosa ha letto e cosa ha capito degli effetti, perché da come ne parla non si evince quali effetti teme e cosa abbia letto in proposito.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#5] dopo  
Utente 441XXX

Per il punto uno è vero che non lo sto più prendendo ma dovrei ricominciarlo prima o poi e siccome non mi hanno ancora chiamato all ospedale...
Per il punto 2 mi preoccupano un po’ glaucoma glicemia e cuore ma non per motivi specifici. Diciamo che se ipoteticamente una persona lo prendere per 30 anni potrebbe anche non avere mai problemi no? Grazie gentilissimo

[#6] dopo  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
PISA (PI)
VIGEVANO (PV)
ROMA (RM)
ALESSANDRIA (AL)
BRESCIA (BS)
LUCCA (LU)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
"Per il punto uno è vero che non lo sto più prendendo ma dovrei ricominciarlo prima o poi "

Quindi non lo sta prendendo.

Non capisco però che senso abbia fare ragionamenti puramente ipotetici, che risposta vorrebbe trovare in questi termini ? nessuna.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#7] dopo  
Utente 441XXX

Buongiorno gentile dottore credo di avere fatto una cosa sbagliata e vorrei sapere se secondo lei è grave. Avevo sospeso sereupin per una settimana e di colpo passando da 20 mg al giorno a 0. ma poi l'ottavo giorno l'ho ripreso. Prima prendevo 20mg ma quando l'ho ricominciato dopo 7 giorni (non le spiego perchè altrimenti diventa troppo lungo per lei) Ne ho presi 60mg perchè volevo recuperare le dosi perse. Dopo il secondo giorno ne ago presi ancora 60 mg e dal terzo giorno sono tornato a 20. Ora il problema è che sento che la dose da 20 ha perso molta della sua efficacia. Tornerà come prima o ho fatto un guaio? Solo per brevità la prego di astenersi da giudizi sul comportamento che suppongo negativi..

[#8] dopo  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
PISA (PI)
VIGEVANO (PV)
ROMA (RM)
ALESSANDRIA (AL)
BRESCIA (BS)
LUCCA (LU)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Non funziona così, prendere una dose maggiore non significa né accelerare l'effetto, né recuperare le dosi perse, non è un integratore.
L'effetto si sviluppa a distanza di 2-4 settimane in relazione alla dose assunta in quel periodo, e ci sono dosi di riferimento che comunque già conosce.

Non è un giudizio, ma non si capisce perché non senta il medico che la segue, anziché prendere queste iniziative potenzialmente rischiose.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#9] dopo  
Utente 441XXX

Ha ragione ma volevo vedere cose era cambiato dopo 6 mesi se lo sospendevo. Comunque pensa che perda l’effetto la dose da 20? (Senza necessità di aumentare a 30 per avere l’effetto di prima intendo)

[#10] dopo  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
PISA (PI)
VIGEVANO (PV)
ROMA (RM)
ALESSANDRIA (AL)
BRESCIA (BS)
LUCCA (LU)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Adesso si attenga alle indicazioni del medico e cestini tutte queste riflessioni che ha fatto chiaramente per evitare di chiedere al medico, o meglio per evitare di sentirsi dire che non era il caso di sospendere, che è quello che si era messa in testa di fare.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#11] dopo  
Utente 441XXX

Gent.mo sono stato visitato e sono ritornato a prendere i miei 20mg.. Volevo solo chiedere se anche lei condivide le affermazioni della mia psic: dice che sono meglio 20mg (dei 30 che volevo io) perchè, ha detto, 30 mi migliorerebbero l'umore rispetto ai 20 ma sarebbero meno efficaci nel combattere l'ansia. Ultima domanda: ho chiesto alla mia psic se il fatto di avere fatto il periodo a 60mg per poi tornare 20 possa avere diminuito l'efficacia della medicina su di me e non mi ha risposto. Lo farebbe lei insieme all'altra domanda per favore?? Grazie ci spero..

[#12] dopo  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
PISA (PI)
VIGEVANO (PV)
ROMA (RM)
ALESSANDRIA (AL)
BRESCIA (BS)
LUCCA (LU)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Si sta ponendo troppe domande. Con il risultato di entrare in dettagli che neanche è in grado di comprendere, come i dosaggi. Ha fatto una cosa giusta a rivolgersi al medico.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#13] dopo  
Utente 441XXX

E va bene ok. Mi dice solo se Eutimil e sereupin sono completamente uguali o no? Perché io ho notato differenze evidenti fra sereup e mylan e il farmacista mi ha confermato che c’è differenza sebbene lui mi abbia sempre proposto il generico. Fra l’altro col generico sono stato male forse gli eccipienti non so e allora la psichiatra mi ha dato uno di marca ma sono stato io a dirle il nome e che volevo sereupin. Mi chiedevo se Eutimil che da quanto ho capito non e generico (mi corregga se sbaglio e importante) è uguale al sereupin cosa che il mylan sicuramente non è

[#14] dopo  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
PISA (PI)
VIGEVANO (PV)
ROMA (RM)
ALESSANDRIA (AL)
BRESCIA (BS)
LUCCA (LU)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gli eccipienti, come appunto diceva. Ma sono cose che appunto sa già Lei, come vede non è questione di porsi domande in eccesso rispetto a ciò che è sensato, ma se le pone al di là delle risposte che già ha.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it