Utente cancellato
Buonasera Egregi Dottori.
Dal 2015 soffro di Depressione Maggiore resistente ai farmaci.
Ho provato 4 SSRI, il litio, i triciclici,gli antipsicotici atipici ecc ma senza beneficio.
Ho fatto anche 3 ricoveri (l'ultimo di 1 mese) l'anno scorso ma senza miglioramenti.
Ora mi è stata proposta una terapia con Daparox più Depakin Chrono.
Potrebbe essere una terapia valida per un caso refrattario ai farmaci come il mio?
Grazie per una Vostra risposta
Cordiali Saluti

[#1] dopo  
Dr. Paolo Carbonetti

28% attività
20% attualità
16% socialità
VITERBO (VT)
TERNI (TR)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2008
A giudicare dalle terapie che le sono state prescritte sembra di capire che si tratti di una Depressione Maggiore nell'ambito di un disturbo bipolare o di una ciclotimia.
L'associazione Depakin e Daparox è congrua.
Dr. Paolo Carbonetti
Specialista in Psichiatra
Specialista in Psichiatria Forense
Viterbo-Terni-

[#2] dopo  
483054

dal 2018
Grazie Dott.Carbonetti per la Sua risposta.
Io avevo dubbi sulla paroxetina in quanto ho già provato senza successo 4 antidepressivi sempre SSRI (sertralina,fluoxetina,citalopram ed escitalopram).
Che differenza c'è tra paroxetina e gli altri SSRI? Non sarebbero meglio farmaci con differente meccanismo d'azione come venlafaxina,bupropione,reboxetina,vortioxetina?
L'acido valproico si usa nella depressione resistente?
Grazie ancora
Cordiali Saluti

[#3] dopo  
Dr. Paolo Carbonetti

28% attività
20% attualità
16% socialità
VITERBO (VT)
TERNI (TR)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2008
Non ha torto. Sembra che alla categoria degli SSRI la sua sintomatologia non risponda, così sarebbe razionale passare ad antidepressivi differenti. Oltre a quelli da lei citati non dimentichiamoci i triciclici, uno dei quali è efficacissimo per via endovenosa.
Tenga conto comunque che la molecola va scelta in base al tipo di sintomi. Ad esempio il buproprione incrementa soprattutto la dopamina, ed è in teoria indicato per le forme con apatia-anedonia e rallentamento psicomotorio, e, sempre in teoria, controindicato per le forme con molta ansia/agitazione. E così via. Vanno poi considerate le associazioni tra antidepressivi a diversa farmacodinamica. Questo per dire che prima di etichettare una depressione come "farmaco-resistente" occorre aver usato tutte le armi a nostra disposizione.
Dr. Paolo Carbonetti
Specialista in Psichiatra
Specialista in Psichiatria Forense
Viterbo-Terni-

[#4] dopo  
483054

dal 2018
Grazie ancora Dr.Carbonetti per la Sua risposta.
In effetti, da quando ho iniziato a stare male, l'unico periodo di benessere è coinciso con il secondo dei 3 ricoveri che ho fatto durante il quale mi hanno fatto delle flebo di clomipramina.
Purtroppo, con il passaggio alla terapia orale con lo stesso farmaco, il beneficio è sparito.
Infine, qui in Puglia, ho notato che gli psichiatri sono restii ad abbinare antidepressivi a diversa farmacodinamica.
Inoltre hanno fortissimi pregiudizi verso la terapia elettroconvulsivante che invece io penso possa essere una valida opzione terapeutica in certi casi.
Secondo Lei, a chi mi potrei rivolgere per essere aiutato(anche fuori dalla mia regione)?
Grazie ancora
Cordiali Saluti

[#5] dopo  
Dr. Paolo Carbonetti

28% attività
20% attualità
16% socialità
VITERBO (VT)
TERNI (TR)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2008
Infatti mi riferivo proprio all'Anafranil. Può succedere che via sia riduzione o perdita di efficacia nel passaggio dalle fleboclisi alla somministrazione orale. Questo avviene perchè, per via orale, il fegato trasforma la molecola in un metabolita che ha caratteristiche diverse. A questo si può ovviare con una fase intermedia di terapia intramuscolare.
Per quanto riguarda la Tec, i pregiudizi vengono dalla ignoranza (in senso di non-conoscenza). La Tec risulta efficace nel 50% dei casi di depressione maggiore resistente.
Tenga naturalmente conto che quanto scrivo è per informazione generale, non conoscendo direttamente il suo caso.

Riguardo al dove rivolgersi,non possiamo dare informazioni specifiche.
Dr. Paolo Carbonetti
Specialista in Psichiatra
Specialista in Psichiatria Forense
Viterbo-Terni-

[#6] dopo  
483054

dal 2018
Grazie ancora Dr.Carbonetti per la Sua risposta.
Purtoppo, la clinica dove mi hanno fatto le flebo di Anafranil non mi ha permesso di continuare le fiale(neanche per le iniezioni) fuori dalla struttura.
Ma tutte le mie considerazioni servono a poco perché qui dove abito io curano cosi.
O ti va bene o niente.
Cordiali Saluti