Utente 376XXX
Gentili dottori,
Volevo chiedere a voi esperti una cosa su cui non ho mai capito bene il significato,
Su internet ho letto che l'ansia ha sempre cause organiche ma sinceramente non ho mai capito bene cosa significa questo..
Anche io soffro di ansia e prima di affermare questo ho fatto tutte le visite del caso ed é risultato tutto negativo..l'unica cosa che mi è stata riscontrata è una disfunzione dell'articolazione temporo mandibolare che però mi è stato detto che non può causare ansia..allora la mia domanda è..avendo fatto tutti gli esami del caso cosa significa che l'ansia ha sempre cause organiche ?

[#1] dopo  
Dr. Paolo Carbonetti

28% attività
20% attualità
16% socialità
VITERBO (VT)
TERNI (TR)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2008
Non conoscendo il contesto nel quale lei ha trovato questa asserzione, posso solo dirle che l'ansia, così come tutte le altre nostre emozioni, hanno una base biologica/biochimica.
L'espressione "organico" comincia ad essere antiquata, perché è sempre stata usata in contrapposizione a "funzionale", e, in neuropsicologia, a "psicogeno". La dualità mente/corpo non è più accettabile. Tutto ha una base biologica, quindi somatica.
Dr. Paolo Carbonetti
Specialista in Psichiatra
Specialista in Psichiatria Forense
Viterbo-Terni-

[#2] dopo  
Utente 376XXX

Grazie della riaposta,
Allora se ho capito bene la mia ansia è soloo un sintomo di qualcosa di organico che non funziona bene giusto ?

[#3] dopo  
Dr.ssa Franca Scapellato

Referente scientifico Referente Scientifico
44% attività
20% attualità
20% socialità
PARMA (PR)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2007
L'ansia parte da un pensiero, un'idea, un'immagine.
Questo provoca un'emozione, e l'emozione provoca una risposta organica, fisiologica: l'organismo si prepara alla lotta o alla fuga, quindi vengono prodotti neurotrasmettitori, tipo l'adrenalina, che fanno battere il cuore più forte, il sangue irrora i muscoli degli arti, la pressione arteriosa sale, ecc ecc.
In condizioni normali, passato l'allarme, il cervello segnala che l'emergenza è finita e si torna alla situazione di partenza, senza ansia. Se invece i pensieri ansiogeni continuano l'organismo rimane sollecitato, non si riesce a dormire, non si riesce a mangiare, si avverte una sgradevole tachicardia ecc.
Come dice il collega, non capisco in che contesto ha letto quella frase, ma mi sembra una solenne stupidaggine. Se uno ha l'ansia deve cercare aiuto per gestirla, non andare alla ricerca di qualcosa che non funziona nel suo corpo.
Franca Scapellato