Utente 493XXX
Buongiorno Dottori,
ho 45 anni, da anni 14 soffro di depressione ansiosa. Sintomi giornalieri: apatia, indolenza, mancanza di interessi, mancanza di motivazioni e obiettivi, stanchezza cronica… adesso ormai perso la voglia di vivere, non riesco più a reggere tutta questa sofferenza.
Il problema è che non riesco a tollerare gli antidepressivi, tutti mi causano (quasi sempre) una fortissima emicrania con dolori insopportabili per 3 giorni consecutivi. Lo psichiatra mi ha detto che non si tratta di un normale effetto collaterale del farmaco, ma che il mio fegato non riesce a metabolizzare queste molecole, e con l’assunzione sono a rischio di epatite fulminante.
Questo è iniziato dopo alcuni mesi dall’assunzione (Efexor). In seguito mi sono stati prescritti: Prozac, Fluoxeren, Daparox e alcuni altri. Ultimamente ho assunto anche il Solian (antipsicotico) che dopo 4 giorni mi ha provocato una fortissima reazione allergica. Poi ho provato dei rimedi alternativi (iperico, rodiola e altro) ma sono troppo blandi. Cosa dovrei fare adesso? Sono disperata, non riesco più nemmeno a lavorare e a uscire da casa, come posso sopravvivere senza l’aiuto dei farmaci? Ho anche seguito delle terapie psicologiche, ma si sono rivelate inefficaci (con il mio stato d’animo è difficile reagire).
Chiedo una vostra gentile opinione, ringrazio anticipatamente
Cordiali saluti

[#1] dopo  
Dr. Francesco Saverio Ruggiero

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
AVELLINO (AV)
ISCHIA (NA)
TARANTO (TA)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2003
Prenota una visita specialistica
Non ha provato tutti i farmaci in commercio di tipo antidepressivo per cui non è possibile acclarare una reale intolleranza.

Sono possibili altre strategie terapeutiche che possono essere percorse qualora sia presente una intolleranza.


Dr. F. S. Ruggiero

http://www.francescoruggiero.it
Dr. Francesco Saverio Ruggiero
http://www.francescoruggiero.it
http://www.psichiatra-psicoterapeuta.it

[#2] dopo  
Utente 493XXX

La ringrazio per la risposta, ma il rischio nel mio caso è alto e lo psichiatra non si assume la responsabilità di prescrivermi altri farmaci. E mi ha scaricato. A questo punto dovrei cambiare psichiatra affidandomi al caso. E altre strategie terapeutiche quali sarebbero? Litio o elettroshock? Io le avevo proposte ma il mio medico non ne vuole sentire...