Utente 494XXX
Gentile comunità,
Ho 23 anni e circa 14 mesi fa ho accusato diverse volte spossatezze, leggeri dolori toracici e forti stati d'ansia, battito accelerato, vuoto allo stomaco, attacchi di panico; mi fu pertanto prescritto del Delorazepam da prendere al bisogno in dosaggi lievi (5 gtt). Nel giro di pochi giorni però mi sono reso conto che gli effetti del dosaggio non erano sufficienti, passando così a circa 10-12 gtt, a volte anche due o tre volte al giorno.
Da allora ho continuato a prendere il Delorazepam quasi ogni giorno, con una media di 3 volte alla settimana in alcuni periodi fino a quasi una volta al giorno, ogni giorno, negli ultimi 2/3 mesi, e 2 volte al giorno, ogni giorno, nelle ultime 2/3 settimane.
Sono solo da poco venuto a conoscenza del fatto che il Delorazepam non va usato per trattamenti a lungo termine e terminato o sostituito già dopo alcune settimane se inefficiente; i miei stati di ansia persistono e provengono sia da cause non ben definite (non ho mai iniziato un percorso psicoterapeutico, neanche una seduta valutativa), sia da sintomi di rimbalzo quando cerco di lasciare il Delorazepam per diversi giorni -- non sono mai riuscito a stare senza per più di 10/15 giorni.
Dopo circa due mesi dall'inizio del trattamento un medico in continuità assistenziale, avendogli fatto presente i persistenti stati d'ansia, mi consiglia di lasciare il Delorazepam per un SSIR (Sereupin) che non ho mai iniziato a prendere conoscendo le conseguenze delle prime settimane di utilizzo e il lungo termine della terapia, non sapendo ancora che non mi sarei liberato così presto neanche del Delorazepam. Ho probabilmente sofferto di depressione in passato nonostante non abbia mai intrapreso il discorso con nessun medico, e tendo a pensare che sussiste una condizione di depressione anche adesso anche se inconsapevole.
Potreste darmi consigli su come dovrei gestire la mia situazione?
Grazie.

[#1] dopo  
Dr. Francesco Saverio Ruggiero

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
AVELLINO (AV)
ISCHIA (NA)
TARANTO (TA)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2003
Prenota una visita specialistica
Dovrebbe rivolgersi ad uno specialista in psichiatria per una valutazione ed in trattamento.

L’uso in questo modo dei farmaci alla sua età è fortemente sconsigliato.

Dr. F. S. Ruggiero

http://www.francescoruggiero.it
Dr. Francesco Saverio Ruggiero
http://www.francescoruggiero.it
http://www.psichiatra-psicoterapeuta.it