Utente 499XXX
Salve a tutti! Sono un ragazzo di 24 anni e vorrei un vostro parere riguardo il mio malessere. 2 anni fa ho sofferto di ansia e crisi di panico. Tanto che ho affrontato un percorso in cui ho seguito una terapia accompagnata da farmaci tipo Paroxetina 1 pillola al giorno e xanax che sono riuscito a rimuovere. Da circa un mesetto la mia specialista mi ha fatto abbassare la Paroxetina a mezza pillola al giorno e 2 giorni fa ho avuto un leggero attacco di panico ma non mi sono più potuto riprendere. Ho ansia, paura e angoscia costante, diarrea ogni giorno (anche se non ho mangiato nulla), bocca secca, stanchezza costante, forte sonno e vampate di calore. Ho perso anche completamente l'appetito, la voglia di uscire e ho paura di fare qualsiasi cosa. Sto iniziando a disperarmi e non so davvero più che cosa fare. Cosa posso fare? E quale è stata la causa scatenante secondo voi?

[#1] dopo  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
PISA (PI)
VIGEVANO (PV)
ROMA (RM)
ALESSANDRIA (AL)
BRESCIA (BS)
LUCCA (LU)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Considerando che la paroxetina è stata ridotta sotto la dose efficace, farei valutare l'idea di riportarla alla dose normale.

La causa "scatenante" è soltanto una causa incidentale, per cui non è la ragione. La ragione è il disturbo di cui soffre, la causa scatenante potrebbe essere la copertura terapeutica non sufficiente.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#2] dopo  
Utente 499XXX

Intanto la ringrazio per la risposta dott. Pacini. Quindi lei pensa che portando la Paroxetina alla dose efficace e seguendo una terapia psicologica adeguata, starei meglio? Mi scusi se le sembro ripetitivo ma come ben sa, è la paura che alimenta le mie paranoie. La ringrazio anticipamente per la risposta

Cordiali Saluti
Angelo Corvitto

[#3] dopo  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
PISA (PI)
VIGEVANO (PV)
ROMA (RM)
ALESSANDRIA (AL)
BRESCIA (BS)
LUCCA (LU)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Le dosi esistono perché la loro efficacia è stata decisa prima di mettere in commercio le medicine, non è che "secondo me" la dose efficace sia 20 mg. E' logico che se i sintomi ricompaiono dopo una riduzione di dosaggio, l'ipotesi probabile è che il farmaco non funzioni più per una dose insufficiente.

Non ho parlato di terapia psicologica mi pare.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#4] dopo  
Utente 499XXX

Faccio tutte queste domande perché purtroppo la mia neurologa è in ferie e non riesco a contattarla e invece il mio psicoterapeuta tornerà a giorni. Mi trovo molto impreparato e spaventato da tutto ciò. Cosa mi può consigliare lei per trovare un po' di sollievo?

[#5] dopo  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
PISA (PI)
VIGEVANO (PV)
ROMA (RM)
ALESSANDRIA (AL)
BRESCIA (BS)
LUCCA (LU)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Consigli sulle cure non se ne possono dare.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it