Utente cancellato
Buongiorno, sono una ragazza di 24 anni, vorrei chiedervi delle informazioni.
Recentemente ho cominciato a soffrire di ansia, penso di aver avuto anche degli attacchi di panico. Tuttavia sono episodi assolutamente circoscritti, non generalizzati... si presentano in situazioni particolari, come ad esempio esami universitari (non sempre) o stare in compagnia soprattutto a mangiare. Sembra un problema da poco ma per me è molto fastidioso. Ho deciso che voglio fare qualcosa.
Vorrei solo chiedere se avrei bisogno di una psicoterapia oppure di ansiolitici al bisogno, o entrambi, o nessuno dei due. Io vorrei fare qualcosa per cambiare, magari iniziare a parlarne col mmg, ma anche per questo vorrei sapere se ne vale la pena.
Premetto che non soffro di insonnia, ho sempre dormito benissimo. Se dovessi aver bisogno di ansiolitici, magari al bisogno e non in dosi massicce, questo si ripercuote sulla patente di guida? Io guido molto spesso la macchina e mi piace anche, ho preso la patente a 18 anni e ho sempre rigato dritto, mai un incidente, mai una multa, niente.... e mi dispiacerebbe davvero dover rinunciare a guidare (anche perché ne ho bisogno). Se il medico dovesse prescrivermeli dovrebbe segnalarmi all'autorità e magari dover rinnovare la patente più spesso di ora (ogni 10 anni per me, non la ho ancora mai rinnovata...)? Se la situazione è questa mi verrebbe da rinunciare in partenza...
Grazie mille per la risposta

[#1] dopo  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
PISA (PI)
VIGEVANO (PV)
ROMA (RM)
ALESSANDRIA (AL)
BRESCIA (BS)
LUCCA (LU)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Gentile utente,

Innanzitutto, per sapere di che cura ha bisogno serve una diagnosi. In secondo luogo, perché dovrebbero esistere solo psicoterapia e ansiolitici ? E tutto il resto ?
Terzo: il medico segnala all'autorità ? Ma chi le ha detto che mai funziona così ?
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#2] dopo  
499222

dal 2018
Lo so che ci vuole una diagnosi... la mia non è presunzione, mi spiace se è passato questo, volevo solo delle informazioni.
Dato che non ho mai fatto nulla del genere, volevo capire se è giusto iniziare a rivolgermi al medico di base.
In che senso tutto il resto? Come terapie
E poi ho sentito dire che per chi assume psicofarmaci di qualsiasi tipo la prima cosa a risentirne è la patente ... È vero?
Può prescriverli anche il medico di base o solo lo specialista? Solo per sapere..

[#3] dopo  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
PISA (PI)
VIGEVANO (PV)
ROMA (RM)
ALESSANDRIA (AL)
BRESCIA (BS)
LUCCA (LU)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
"chi assume psicofarmaci di qualsiasi tipo la prima cosa a risentirne è la patente ... È vero?"

Secondo quale meccanismo ?

La prescrizione la può materialmente fare anche il medico di base, spesso è materia che gestisce lo specialista.

Certo, si può anche inizialmente chiedere al medico di base, e farsi orientare da lui. Però, se appunto il risultato fosse una non-diagnosi e un ansiolitico in mano, come spesso accade, sarebbe allora il caso di rivolgersi ad uno specialista.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#4] dopo  
499222

dal 2018
Intendevo che comunque sono farmaci che alterano le capacità di guida.. e che se mi fermano i controlli e ne ho anche una piccola quantità in circolo, possono ritirarmi la patente (come a una persona che si mette alla guida in stato di ebbrezza, per intenderci)
Poi ovviamente non so se posso averne bisogno, spero di no.
Grazie mille

[#5] dopo  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
PISA (PI)
VIGEVANO (PV)
ROMA (RM)
ALESSANDRIA (AL)
BRESCIA (BS)
LUCCA (LU)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Non è detto che le alterino, e su molti di essi nessuno ha mai compiuto studi. Il fatto che lo mettano sistematicamente nei foglietti, e non solo per questi farmaci, è un discorso diverso.

Scusi, se la fermano a un controllo dovrebbero poter stabilire che ha una piccola quantità in circolo di che cosa ? Cioè stiamo ragionando senza il nome di una molecola.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#6] dopo  
499222

dal 2018
Ok, ora credo di aver capito. Grazie mille