Utente 358XXX
Salve dottore
Ho una patologia congenita ,l ipotiroidismo.
La mia terapia con Eutirox va bene e il dosaggio è regolare .
Quello chr non va bene è il mio rumore e un estremo basso livello di autostima chr mi distrugge da 37 anni
Mi sono informato in un laboratorio di analisi cliniche se mai ci fosse un esame clinico dei livelli di serotonina presenti nell organismo onde evitare di prendere psicofarmaci.
Questi esami sono affidabili ?
Potrebbero rivelarmi se questo è legato alla carenza di una sostanza biochimica ?
Sono utili per essere guidato a fare una terapia specifica sempre ovviamente con l aiuto di uno specialista ?
Per favore non rispondetemi semplicemente dicendo di farmi vedere da un medico sorvolando sul discorso esami di laboratorio a cui facevo riferimento prima
Grazie in anticipo
Buongiorno

[#1] dopo  
Dr.ssa Franca Scapellato

Referente scientifico Referente Scientifico
44% attività
20% attualità
20% socialità
PARMA (PR)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2007
Il livello di serotonina nel sangue non ha alcun rapporto col tono dell'umore, non butti via soldi per esami inutili.
Se l'umore basso è dovuto a un problema caratteriale, se davvero è sempre stato depresso, potrebbe avere benefici da una psicoterapia di tipo cognitivo-comportamentale, per imparare a valutare se stesso, gli altri e l'ambiente intorno a sé in modo differente.
Franca Scapellato

[#2] dopo  
Utente 358XXX

Ma quando si assumono dei psicofarmaci non aumentano il livello di serotonina in circolo , quindi perché non ha nessun rapporto con il tono dell'umore ?
La sostanza in oggetto se in carenza o in eccesso non è quella che determina il tono dell'umore ?

[#3] dopo  
Dr.ssa Franca Scapellato

Referente scientifico Referente Scientifico
44% attività
20% attualità
20% socialità
PARMA (PR)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2007
Ci sono molti fattori implicati, non è semplice. L'umore dipende anche, ma non solo, dall'azione della serotonina sul cervello, non da quella circolante. La serotonina cerebrale è una piccola frazione della serotonina totale (il 5 per cento circa), per cui la carenza a livello cerebrale non è pensabile, ma in alcuni casi, per motivi vari (stress, fattori ereditari, cause ambientali e varie combinazioni di queste cose) le cellule cerebrali utilizzano la serotonina e altri, tanti, neurotrasmettitori, in modo meno efficace.
La terapia farmacologica con antidepressivi, specie se associata alla psicoterapia, ripristina la funzionalità cerebrale e stabilizza l'umore. Non sempre, non in tutti i casi, ma spesso.
Franca Scapellato