Utente 515XXX
Salve . Sono un ragazzo di 20 anni ormai arrivato al limite di sopportazione. Da un anno soffro di anginofobia ovvero la paura di deglutire poiché temo di potermi strozzare . Questa fobia mi ha portato a perdere 15 kg che per me sono molti in quanto alto 1.95 ( prima di questo problema mangiavo tantissimo però il peso rimaneva sempre 80) e quindi ora sono arrivato a 65 kg. Inizialmente pensavo di avere cause fisiche che mi impedissero la normale deglutizione ma dopo esami su esami ( sondino , gastroscopia, analisi del sangue ecc ecc) siamo arrivati alla conclusione che è tutta una mia paura mentale . Premetto che nel 2016 ho avuto due mesi pieni di attacchi di panico e ansia costante che per fortuna si sono calmati soli .. Ora questa fobia oltre a farmi perdere chili mi sta facendo perdere tutto . Non vado più in pizzeria con amici , sono molto debole ( anche se prendo integratori il corpo ha bisogno di cose solide ) non esco quasi mai perché appena mi alzo mi sento svenire e per concludere in bellezza sono tornati anche gli attacchi di panico . Ho fatto tre sedute con una psicologa bravissima che mi ha poi indirizzato ad uno psichiatra che ascoltando la situazione mi ha prescritto ALPRAZOLAM In gocce ( 12 goccie ogni 6 ore per tre volte al giorno ). Sono molto spaventato e titubante. Ho solo 20 anni e ho letto gli effetti collaterali di questo farmaco .. non voglio perdere lucidità , non voglio passare tutto il giorno dormendo perché ho letto che porta sonnolenza, non voglio diventare dipendente da farmaci . Insomma come ho già detto sono ancora giovane e non sono pronto . Mi sento molto solo e confuso non so cosa fare . Insomma non esiste un’altra strategia senza l’uso di ansiolitici ? Scusate la lunghezza e grazie in anticipo

[#1] dopo  
Dr. Francesco Saverio Ruggiero

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
AVELLINO (AV)
ISCHIA (NA)
TARANTO (TA)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2003
Prenota una visita specialistica
Il solo uso di ansiolitici nel lungo termine non ha indicazione.


Può essere utile sentire il parere di un altro specialista per un trattamento appropriato.

Dr. F. S. Ruggiero

http://www.francescoruggiero.it
Dr. Francesco Saverio Ruggiero
http://www.francescoruggiero.it
http://www.psichiatra-psicoterapeuta.it