Utente 500XXX
Salve, sto letteralmente impazzendo, se già non ci sono cascato, sfioro la depressione. Vi racconto la mia storia mi chiamo claudio ed ho 29 anni, sono fidanzato da 8 con una ragazza che sto perdendo a causa di questo problema perché non mi riconosce più. Credo e spero veramente tanto di soffrire di doc omosex. Ho questo problema da quando avevo 21 o 22 anni in seguito ad una persona che mi disse che in quella discussione avevo avuto un atteggiamento effeminato. Iniziai allora a rimuginare a ricercare indizi e mi ricordai che intorno agli 11 o 12 anni ho avuto una attrazione per un amico. Ricordo che sua cugina piu grande di noi, che io ritenevo bella e donna lo ha sbaciucchiato tutto, io un Po mi sono invidiato, anche perché io mi sono ritenuto sempre molto brutto a causa di un difetto fisico assai evidente. Quando arrivai a casa ho pensato alla scena che avevo visto e invece di pensare a lei mi sono eccitato pensando al mio amico. Ho pianto tutta la notte e dicevo a me stesso ma che sono gay? io il sesso opposto lo vedevo troppo lontano perché ero visto sempre come uno dei più brutti. Alle elementari ero infatuato di una compagna che tutti sceglieva, compreso il mio amico, tranne me. Poi alle scuole medie mi sono innamorato pazzamente di una ragazza, anche molto carina, che stranamente per me, ricambiava, ma sono stato tre anni solo di sguardi, ricordo che ero follemente innamorato. Non ho mai osato andare oltre per paura che finisse tutto e mi bastava sapere che lei mi amava. Poi finì tutto e mi ricordo che sofrii molto. Nel periodo della ragioneria, liceo, uscivo con gli amici, bevevo, fumavo, mi divertivo, cose che si fanno a qurll età, avevo altre infatuazioni ma non osavo mai perché avevo quella paura dovuta a quel mio sentirmi brutto. Sono stato sempre un tipo ansioso e da bambino ero molto nervoso dovuto forse anche a quel difetto. Addirittura all' etå di 6 o 7 o forse 8 anni per un forte nervosismo che si localizzava nelle mani miei genitori mi portarono dallo psicologo che non ha saputo dare risposte chiare ed io non ne ricordo il motivo. Poi verso i 17 anni ho dormito con una mia cugina più grande di me, di poco, e mi ricordo che ero molto eccitato e mi avvicinavo con il pene turgido a lei è sentivo che le piaceva, però non abbiamo fatto niente, e poi io mi mastirbavo pensando alla scena, ancora oggi mi attrae questa mia cugina. In quel periodo mi masturbavo pensando alle professoresse, quelle carine, ma anche qualche masturbazione a sfondo omosessuale che non ci davo peso. Poi mi sono conosciuto con la mia ragazza a 20 anni, ero troppo preso e inmamorato. Ho avuto una forte ansia da prestazione la prima volta, non sono riuscito per un paio di volte, anche perché io le avevo inventato che non ero vergine, ed invece lo ero.Comunque, grazie ad una fantasia che avevo visto in un video sono riuscito.cerco continumente rassicurazioni più mi autoanalizzo,e più ci credo non mangio piu e tutti mi scrutano
Vi prego aiutatemi
Distinti saluti

[#1] dopo  
Dr. Francesco Saverio Ruggiero

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
AVELLINO (AV)
ISCHIA (NA)
TARANTO (TA)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2003
Prenota una visita specialistica
Sarebbe giunto il momento di poter trattare questi sintomi che sembrano molto mossi dall’ansia.

Un corretto trattamento la può aiutare dal punto di vista sintomatologico.

Dr. F. S. Ruggiero

http://www.francescoruggiero.it
Dr. Francesco Saverio Ruggiero
http://www.francescoruggiero.it
http://www.psichiatra-psicoterapeuta.it

[#2] dopo  
Utente 500XXX

Buongiorno dottore, la ringrazio per l'immediata risposta. Sto già cercando una figura che mi aiuti. Ma in merito alla mia storia cosa ne pensate? Passo tutto il tempo con il cell in mano a cercare rassicurazioni per sedare l' ansia, mi faccio video con il cell per vedere come cammino, foto per vedere se sembro gay e mi sembra di trovare conferme che scaturiscono panico, forte ansia ed allontanamento dalla gente. O mi sono troppo suggestionato, Sono uno che si suggestiona facilmente, quando vedo, per esempio, n tv programmi tipo di malattie, me le sento addosso. Le racconto, forse può capire meglio, due casi di ansia fortissime: una volta la mia ragazza, dopo pochi mesi di fidanzamento parti per una gita ed io, terrorizzato per gelosia, tutta la notte non riuscivo a deglutire, ero molto ansioso tanto che per distrarmi sono andato a passare una settimana a Bologna da mio fratello. Poi una volta mi toccavo una pallina nell inguine e per 2 anni ho creduto di avere un tumore, cercavo di internet come faccio ora. La prego mi dia un parere.
Distinti saluti

[#3] dopo  
Utente 500XXX

Un altra cosa, stamattina mi sono svegliato più tranquillo, forse perché vi ho scritto, ed ho pensato, ma come faccio ad avere questo pensiero, ed una vocina mi dice, c' è l hai perché sei gay. L altra notte mi era calmata l ansia poiché ritenevo quei pensieri assurdi, e per non perdere e godermi il momento di serenità non mi sono addormentato per tutta la notte, per poi ritornare fino ad essere distruggenti. Mi fanno sembrare le cose reali, la attrazioni, e ho molta paura che lo siano, ma anche se mi fanno sembrare le attrazioni fisiche reali, non potrei mai innamorarmi di qualcuno del mio stesso sesso, lo sento che mi farebbe senso. Non ho nemmeno attrazione per la mia ragazza, forse dovuto all ansia , Non lo so sto impazzendo.
Ps. Non ho niente contro i gay
Scusate se mi dilungo

[#4] dopo  
Utente 500XXX

Non risponde nessuno?vi prego sono preso da attacchi di panico incredibili, ansia, sento che la vita non ha più senso, mi ci rivedo nei tratti somatici, negli atteggiamenti, è doc o è omosessualità repressa. E suggestione o realtá? A cosa puo arrivare la mente? Sto impazzendo, vi prego aiutatemi, un parere in base a ciò che ho scritto, non so più cosa cercare, ho letto di un medico psichiatra che diceva che il doc omosex è solo un etichetta diagnostica, sento qualcosa di strano, tipo solletico nella parte bassa.

[#5] dopo  
Utente 500XXX

Buon pomeriggio dottori! Torno a scrivere perché mi è stato diagnosticato da uno psicologo psicoterapeuta il doc.
Dopo la prima seduta stavo bene, poi di nuovo i pensieri ossessivi che mi impediscono di vivere tranquillamente. Aspetto la seconda seduta. Lo psicologo mi ha detto che non può prescrivere farmaci, io prendo Lexotan la sera per calmare l ansia ma i pensieri ossessivi rimangono. Dovrei prendere antidepressivi?