Utente 406XXX
Buonasera, vorrei chiedervi un parere in merito a una questione, probabilmente patologica, di ansia. Credo di avere un problema alla pelle... Ho notato che la pelle del dorso delle mani si arrossa subito se tocco qualcosa anche piano (cioè in caso di urti molto molto leggeri), nel punto in cui avviene il contatto con l'oggetto, e poi il rossore svanisce. Ho paura quindi di avere un problema di debolezza alle mani, e l'ansia che la pelle sia debole e che possa tagliarmi senza accorgermene, con l'annesso rischio di infezioni. Sono in cura per un doc da contaminazione in via di guarigione e in passato mi lavavo molto le mani tanto che le avevo tutte screpolate e rosse, ma sono molti mesi che non lo faccio più e mi è rimasto solo un leggero rossore sulle nocche. È normale questa cosa? Credo mi stia tornando l'ansia

[#1] dopo  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
PISA (PI)
VIGEVANO (PV)
ROMA (RM)
ALESSANDRIA (AL)
BRESCIA (BS)
LUCCA (LU)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
"Sono in cura per un doc da contaminazione in via di guarigione "

Che sia in via di guarigione siamo sicuri ? Perché da questo tipo di ragionamenti non parrebbe.

Che cura sta assumendo ?
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#2] dopo  
Utente 406XXX

Innanzitutto grazie per la risposta Dottore. In questo momento anafranil 25 mg la sera. All'inizio prendevo 75 mg la sera più pasaden di giorno. Nel corso dei mesi (a partire da novembre) è stato tolto il pasaden (anche per molta sonnolenza che avevo), e successivamente ridotto l'anafranil prima a 50 mg e poi a 25(attualmente)anche per tachicardia da sospetto effetto collaterale del farmaco. Quest'ultima cosa deve essere ancora confermata, devo ancora vedere il cardiologo...
Fino a qualche giorno fa stavo benissimo, è da una settimana circa che i sintomi sono peggiorati. Inizierò in questi giorni anche un percorso di psicoterapia di supporto...

[#3] dopo  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
PISA (PI)
VIGEVANO (PV)
ROMA (RM)
ALESSANDRIA (AL)
BRESCIA (BS)
LUCCA (LU)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Sta quindi assumendo attualmente il farmaco a dose inefficace.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#4] dopo  
Utente 406XXX

Sì dottore... È stato abbassato per tachicardia da sospetto effetto collaterale. In questi giorni farò la visita dal cardiologo... Intanto ho preso appuntamento anche da uno psicologo, spero che ciò possa aiutarmi a superare la cosa

[#5] dopo  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
PISA (PI)
VIGEVANO (PV)
ROMA (RM)
ALESSANDRIA (AL)
BRESCIA (BS)
LUCCA (LU)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Il punto è trovare un farmaco che tolleri bene, se questo non lo è. La tachicardia di che tipo era, e che frequenza è stata registrata ?
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it