Utente 503XXX
Salve Dottori,

mi rivolgo a voi per un chiarimento visto che non ho intenzione di rivolgere queste domande al mio psichiatra, francamente mi vergogno. Sono in cura per il deficit di attenzione con NaRI e aggiunta di quetiapina per tentare di stabilizzare l'umore, rilascio prolungato 50 mg + 50 rilascio immediato.

E' la seconda volta che prendo il Seroquel e ho la sensazione che aggravi il disturbo alimentare. Più che altro aggrava i comportamenti compulsivi di checking e mi fa ricomparire i pensieri ossessivi riguardo ad igiene personale, grooming, ordine, controllo, dieta e attività fisica. Ho una mente molto tendente alla perseverazione, faccio sempre le stesse cose ed è difficile che riesca a distrarmi da quello che interessa il mio cervello, entusiasmante, angosciante o disgustoso che sia.

Comincio ad uscire ora da una brutta depressione. Non so se l'aggravarsi di ossessioni e compulsioni è dovuto al maledetto punto del bugiardino del Seroquel in cui dice che fa aumentare di peso o ad un effetto positivo del farmaco che mi fa allevia la depressione e l'ansia e mi permette di reagire.

Che ne pensate? Effetto collaterale=chiamo lo psichiatra, paura di aumentare di peso=sento la psicologa.

Grazie e buona giornata.

[#1] dopo  
Dr. Giuseppe Nicolazzo

Referente scientifico Referente Scientifico
28% attività
20% attualità
16% socialità
REGGIO DI CALABRIA (RC)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2007
non mi risulta una formulazione di Seroquel 50 mg se non a rilascio prolungato.
E' probabile, deficit dell'attenzione a parte, che ci sia un qualche disturbo di tipo ossessivo per il quale si è sviluppato quello che si chiama "effetto nocebo" ossia una aspettativa negativa verso un farmaco che poi si avvera.
Penso che comunque valga la pena parlarne al suo psichiatra anche di queste dinamiche,
Dr G. Nicolazzo
Specialista in Psichiatria
Psicoterapeuta

[#2] dopo  
Utente 503XXX

Faccio 25 + 25 mg, mi inquieta che abbia messo in dubbio la veridicità delle mie parole, io dico sempre la verità. Grazie della risposta comunque.

[#3] dopo  
Dr. Giuseppe Nicolazzo

Referente scientifico Referente Scientifico
28% attività
20% attualità
16% socialità
REGGIO DI CALABRIA (RC)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2007
non ho detto che lei affermi il falso ma che, verosimilmente per errore, riferisce posologie non corrette, ora praticamente i 100 mg di Quetiapina sono diventati 50 al giorno, se gli utenti chiedono risposte che possano essere di qualche aiuto devono essere precisi nelle informazioni comunicate,

Saluti
Dr G. Nicolazzo
Specialista in Psichiatria
Psicoterapeuta

[#4] dopo  
Utente 503XXX

Ok, le riepilogo. Deficit di attenzione a parte prendo

50 XR a cena +
25 mg + 25 mg rilascio immediato prima di dormire.
Totale: 100 mg

Mi dispiace veramente tantissimo di non aver riferito l'esatta prescrizione, sono mortificata, non pensavo le servisse così tanto per rispondere alla mia domanda.

[#5] dopo  
Dr. Giuseppe Nicolazzo

Referente scientifico Referente Scientifico
28% attività
20% attualità
16% socialità
REGGIO DI CALABRIA (RC)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2007
Da quanto descrive è evidente che l'attuale terapia non le da risultati soddisfacenti, se il problema principale è la stabilizzazione dell'umore allora ci son altri farmaci adatti allo scopo, la Quetiapina può avere una funzione nello stabilizzare l'umore ma principalmente nel disturbo bipolare non di massima in altre patologie,

Saluti
Dr G. Nicolazzo
Specialista in Psichiatria
Psicoterapeuta

[#6] dopo  
Utente 503XXX

Lo psichiatra ha ritenuto evidentemente prioritario trattare il disturbo dell'umore che effettivamente sembrerebbe di tipo bipolare o con depressioni ricorrenti, visto che avevo ideazione suicidaria piuttosto intensa e che in passato ho avuto scompensi di tipo psicotico, cose non favoriscono esattamente la relazione terapeutica.

Tra l'altro ora che mi ci fa pensare si è anche consultato con un collega, quindi il razionale da qualche parte ci deve essere.

I risultati soddisfacenti ci sono, le sembrerà strano ma sto 100 volte meglio di quando ho cominciato la terapia, almeno non ho più l'ansia da farsela sotto e tutte le somatizzazioni del mondo.

In passato ho fatto fluoxetina e fluvoxamina sempre con l'antipsicotico, rispettivamente risperidone e quetiapina, con gli stessi identici risultati in termini di dimagrimento e aggravamento delle ossessioni per il peso. Evidentemente deve essere la perdita di controllo che mi spaventa, ha ragione lei.

La saluto.