Utente 277XXX
Salve,
a causa di un problema di gastroduodenite in cui c’è anche una componente ansiosa mi è stata fornita una cura tra cui c’è il levopraid,

Il farmaco funziona bene per carità, ma l’ultimo gastroenterologo da cui sono andato mi ha consigliato di sospendere tutto perché il levopraid a suo dire se preso a lungo potrebbe farmi venire il Parkinson, etc.

Vorrei sapere se esiste un farmaco simile al Levopraid ma più sicuro ( x il fatto del parkinson), il medico di base mi ha consigliato il Domperidone dicendo che non è in grado di passare la barriera ematoencefalica dunque non può farmi danni...

Comunque dato che si tratta di NEUROLETTICI preferisco fare questo consulto in psichiatria piuttosto che in gastroenterologia perché pensò abbiate una maggiore conoscenza di questi principi attivi...

[#1] dopo  
Dr. Francesco Saverio Ruggiero

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
AVELLINO (AV)
ISCHIA (NA)
TARANTO (TA)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2003
Prenota una visita specialistica
"Parkinson" è diverso da "sintomi parkinsoniani" che sono quelli che si presentano con l'uso continuativo dei neurolettici ma non si tratta di morbo di Parkinson vero e proprio.

Il farmaco può trovare un razionale nell'uso sporadico per problematiche di cinetica gastrointestinale e sensazioni di tipo neurovegetativo.


Dr. F. S. Ruggiero

http://www.francescoruggiero.it
Dr. Francesco Saverio Ruggiero
http://www.francescoruggiero.it
http://www.psichiatra-psicoterapeuta.it

[#2] dopo  
Utente 277XXX

Grazie dottore per la celere risposta.

Io volevo solo sapere se la paura dell'ultimo gastroenterologo è fondata: ovvero quella dose MINIMA che mi prendevo (dodici gocce a pranzo e 12 a cena) equivalenti a meno di 50 mg giornalieri sono sufficienti a creare una discinesia perenne o sintomi parkinsoniani e a ridurmi a uno storpio per tutta la vita.

A prescindere darò ascolto al'ultimo specialista sospendendo il farmaco, volevo inoltre sapere se posso elminarlo di "botto" come ha detto di fare l'ultimo gastroenterologo oppure è meglio scalare 4 gocce al giorno o roba simile.

Premetto che ho riportato la cosa anche al mio psichiatra che mi ha detto che il rischio di sviluppare una discinesia tardiva con un dosaggio così basso quando per la depressione viene usato a 300mg e per i disturbi psicotici ad un dosaggio ancora più elevato è semplicemente impossibile.

Volevo solo la conferma se posso eliminarlo molto rapidamente senza effetti di rimbalzo o sindromi astinenziali e se c'è la possibilità che possa avermi già fatto danni irreparabili.

Io quando me l'hanno prescritto non avevo idea che avrebbe potuto farmi danni simili, non c'era scritto nel bugiardino, altrimenti col cavolo che l'avrei preso... E quando mi hanno detto questa cosa e sono andato a cercare su internet casi di discinesia, parkinsonismo e roba varia causati dalla levosulpiride sono andato nel panico e adesso avendolo preso per tre mesi temo le conseguenze di questa cosa.

[#3] dopo  
Dr. Francesco Saverio Ruggiero

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
AVELLINO (AV)
ISCHIA (NA)
TARANTO (TA)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2003
Forse non ha letto bene la mia risposta, nè ascoltato il suo psichiatra.

Per la sospensione deve avere un riferimento diretto.
Dr. Francesco Saverio Ruggiero
http://www.francescoruggiero.it
http://www.psichiatra-psicoterapeuta.it

[#4] dopo  
Utente 277XXX

Allora, un gastroenterologo e lo psichiatra mi hanno già risposto dicendo di eliminarlo di colpo e che non ci saranno conseguenze, e che non mi ha fatto alcun danno tipo discinesie,danni cerebrali etc.

Volevo solo la conferma da un paio di altri medici in più per dormire sonni più tranquilli.

Comunque ho deciso sotto consiglio di un neurologo di scalare la dose di 4 gocce al giorno per evitare fenomeni di nausea di rimbalzo etc. così sto facendo e sono arrivato a 8 gocce a pranzo e 8 a cena. Domani 7 +7 e così via fino a levarlo.

Comunque il contraccolpo ce l’ho eccome infatti mi è tornata la nausea, mangio di meno, e inoltre ho avuto due scariche di diarrea....

Sono dovute all’ansia o è una sindrome astinenziale dal farmaco o è la gastroduodenite cronica che sta peggiorando perché non prendo il farmaco?

P.S siccome l’ultimo gastroenterologo ha detto che non c’è un Helicobacter pilory o una cosa autoimmune a causarlo rimane solo l’ansia e le allergie alimentari, dunque devo eliminare l’ansia somatizzata sullo stomaco, dunque devo trovare uno psicoterapeuta che si occupi di questo, quale scuola psicoterapica(cognitivo comportamentale,dinamica,analit trasazionale,etc) mi consigliate per questo tipo di patologia?

[#5] dopo  
Dr. Francesco Saverio Ruggiero

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
AVELLINO (AV)
ISCHIA (NA)
TARANTO (TA)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2003
Se ha l’ansia la deve far curare da uno psichiatra in modo appropriato
Dr. Francesco Saverio Ruggiero
http://www.francescoruggiero.it
http://www.psichiatra-psicoterapeuta.it

[#6] dopo  
Utente 277XXX

Dottore una curiosità, negli ultimi esami del sangue sono usciti dei valori sballati

Cortisolo 31 ug/dl

ed

FT4 1,82 ng/dl

Volevo sapere se magari la mia ansia fa aumentare il cortisolo che magari provoca problemi digestivi

Oppure ho un problema fisico che fa alzare il cortisolo e mi provoca sia problemi digestivi sia ansia...