Utente 428XXX
Buonasera cari dottori per tre farmaci che ho dismesso senza riduzione - sertralina daparox citalopram - non ho avuto sintomi da astinenza ... e’ un problema , e’ probabile che ne avessi poca in corpo ?

Ora prendo Daparox c è un test per vedere quanto daparox ho nel sangue ?

Scusate le domande magari inutili

Grazie

[#1] dopo  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
PISA (PI)
VIGEVANO (PV)
ROMA (RM)
ALESSANDRIA (AL)
BRESCIA (BS)
LUCCA (LU)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Gentile utente,

Ha smesso quei farmaci e non ha avuto astinenza. Presumo in tre occasioni diverse, non che li prendesse insieme.
Quindi dove sta la questione ?
Se non l'ha avuta, non l'ha avuta.

E a che serve vedere la paroxetina nel sangue se l'ha smessa scusi ? Fa un esame per vedere quanto è una cosa che non assume ?
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#2] dopo  
Utente 428XXX

Dottor Pacini le occasioni erano diverse , la paroxetina la sto utilizzando adesso ma vedo che è un mese che la prendo e nn ho grandi effetti per ora , da qui il dubbio che magari ne immagazzino poca non avendo avuto sintomi da astinenza per gli altri .

Dott Pacini per le recidive avendo anche un disturbo d ansia concomitante mai avuto prima conviene anche una psicoterapia oltre che mantenimento ?

Grazie mille

[#3] dopo  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
PISA (PI)
VIGEVANO (PV)
ROMA (RM)
ALESSANDRIA (AL)
BRESCIA (BS)
LUCCA (LU)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Ora ho capito il senso. La dose che assume quale è ?
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#4] dopo  
Utente 428XXX

Ho iniziato da 10 20 30 40

A 40 sono arrivato ieri e questa mattina il dottore ha spinto a 50 non per aumentare risposta ma in fase successiva come mantenimento .
Premetto che ho avuto due anni fa una ricaduta curata con daparox che poi ho interrotto io senza medico e dovevo stupidamente tenerla più lunga .
Ora ho il dubbio che la terapia nn funzioni più anche se il mio medico dice il contrario , L ansia e’ andata via ma c è depressione . (Prendo tavor e en per dormire anche se nn benissimo ) .
Il medico ha anche detto che nn essendo la prima volta magari ci mette una settimana in più .
Questi due anni li ho vissuti di alto stress lavorativo con disturbo d ansia per quello volevo iniziare la psicoterapia e tenere fisso L antidepressivo .
Grazie dott

[#5] dopo  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
PISA (PI)
VIGEVANO (PV)
ROMA (RM)
ALESSANDRIA (AL)
BRESCIA (BS)
LUCCA (LU)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Se è questione di un po' di tempo in più, essendo i tempi di 1-3 mesi, non ne farei una questione.

Volendo, si può dosare la quantità di farmaco nel sangue per verificare se la dose fosse bassa rispetto alla media, ma dato il suo passato non direi che questo sia plausibile, cioè aveva risposto a dosi normali.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#6] dopo  
Utente 428XXX

Si ho sempre risposto a tutti gli antidepressivi .
1 - 3 mesi mi sembra molto senza avere risultati validi . Spero in questa settimana .
Il mio medico e’ per la monoterapia è la psicoterapia , perché nn riesco a chiudere un disturbo d ansia che è nato durante la deprex .
Personalmente ho voglia di rientrare a lavoro .
Dottore per le recidive come la vede la cognitiva comportamentale e per ridurre il gad ?
E potenziare i miei aspetti più deboli e magari parlare un po’ degli episodi depressivi che sono molto invadenti


Mi perdoni per L ora

[#7] dopo  
Dr. Francesco Saverio Ruggiero

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
AVELLINO (AV)
ISCHIA (NA)
TARANTO (TA)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2003
In presenza di permanenza di sintomi depressivi o di ricadute continuative, le attuali indicazioni prevedono l’uso di altre classi di farmaci e non più di antidepressivi.

Dr. F. S. Ruggiero

http://www.francescoruggiero.it
Dr. Francesco Saverio Ruggiero
http://www.francescoruggiero.it
http://www.psichiatra-psicoterapeuta.it

[#8] dopo  
Utente 428XXX

Dottore tra un episodio è L altro nn ho sintomi depressivi se nn un disturbo d ansia e purtroppo avevo smesso i farmaci .
Per quello inizierò anche un percorso di psicoterapia e continuerò i farmaci .



Grazie mille

[#9] dopo  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
PISA (PI)
VIGEVANO (PV)
ROMA (RM)
ALESSANDRIA (AL)
BRESCIA (BS)
LUCCA (LU)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
1-3 mesi infatti è il termine entro cui ci si attende di avere una risposta, oppure si apportano modifiche.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#10] dopo  
Utente 428XXX

Messaggio compreso , le altre volte ho avuto una risposta più veloce per quello mi sembravano 3 mesi molti tutto qui .
Dalla prima alla terza ricaduta ci può volere più tempo a fare effetto o dipende dal grado di stress passato antecedentemente e dalla tempestività delle cure .
Tre mesi mi spaventerebbe un po’ visto che ho una azienda da portare avanti ma il cervello e’ il cervello .

[#11] dopo  
Utente 428XXX

Dottor Pacini e Dott Ruggiero se la depressione si chiama Ricorrente presumo si possa guarire vero ?
Quando diventa cronica ? E soprattutto la psicoterapia e il mantenimento mi danno percentuali più basse di ricaduta ?
Ho una agenzia Immobiliare che mi crea stress , dovrò cambiare lavoro o con farmaci e psicoterapia migliorerò fino non avere o avere poche ricadute ?
Non c è l obbligo di avere ricadute per forza con mantenimento psicoterapia e cambi di vita

[#12] dopo  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
PISA (PI)
VIGEVANO (PV)
ROMA (RM)
ALESSANDRIA (AL)
BRESCIA (BS)
LUCCA (LU)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Se la depressione è ricorrente, tende appunto a ripresentarsi già se gli episodi sono stati due, come previsione. Poi si valuta a seconda della frequenza, della tipologia etc. In generale esistono terapie preventive, si. Non sempre è necessario che siano complicate. Se abbia senso la psicoterapia significa parlare di un eventuale tipo specifico, non così in generale.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#13] dopo  
Utente 428XXX

Dott Pacini non ho capito il punto sulla psicoterapia chiedo scusa?

Scegliere la psicoterapia giusta intende ?

[#14] dopo  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
PISA (PI)
VIGEVANO (PV)
ROMA (RM)
ALESSANDRIA (AL)
BRESCIA (BS)
LUCCA (LU)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Dico che non esiste un discorso di "fare della psicoterapia", sarebbe come dire "prendere un farmaco":... sì ma quale ? Mica uno in generale, idem per la psicoterapia, non è che c'è la psicoterapia in generale, e poi eventualmente si specifica.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#15] dopo  
Utente 428XXX

Dott Pacini non ho capito il punto sulla psicoterapia chiedo scusa?

Scegliere la psicoterapia giusta intende ?

Le depressioni sono state 3 , il disturbo d ansia sotto che nn aiuta che vorrei lavorarci in psicoterapia e separazioni ma avevo dismesso le pastiglie

[#16] dopo  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
PISA (PI)
VIGEVANO (PV)
ROMA (RM)
ALESSANDRIA (AL)
BRESCIA (BS)
LUCCA (LU)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Scegliere la psicoterapia giusta mi pare ovvio.
Stavo solo puntualizzando che quando uno dice che farà una psicoterapia, non ha senso dirlo in generale, prima va stabilito cosa è utile e in che sequenza in quella diagnosi, poi uno si indirizza su quello, che sarà non "una psicoterapia" in generale, ma una tecnica psicoterapica precisa.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#17] dopo  
Utente 428XXX

Dottore chiedo scusa ma il mio italiano e’ molto più ridotto , la mia domanda visto che nn è la prima ricaduta e sono molto spaventato da tutte le scelte che possa fare da qui in futuro e molto bloccato in questi momento , perché oltre la confusione ho dei blocchi veri e propri .
Le chiedo se con la terapia adatta farmacologica e la psicoterapia posso sbloccarmi , se posso migliorare la mia vita è se la psicoterapia può aiutarmi a battere il gad ( che ho solo in campo lavorativo economico ) venuto fuori in un momento difficile dopo la depressione , soprattutto in una botta d ansia terribile perché pensavo di avere una malattia incurabile .
E se la psicoterapia può aiutarmi a prevenire insiene ai farmaci le ricadute ... grazie mille

[#18] dopo  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
PISA (PI)
VIGEVANO (PV)
ROMA (RM)
ALESSANDRIA (AL)
BRESCIA (BS)
LUCCA (LU)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
A questo punto mi ripeto, ma stiamo ripetendo una cosa banale che forse non sarà chiara. non capisco.

Sto solo dicendo che così come quando uno riceve una cura non è che va a chiedere "un farmaco", semplicemente esistono opzioni farmacologiche con un nome per certe diagnosi, così anche per la psicoterapia. Non ha senso che uno vada a dire "voglio fare un po' di psicoterapia", e poi si decide quale. Se esistono opzioni psicoterapiche per quella diagnosi, se ne ragiona eventualmente così come si ragiona sulle opzioni farmacologiche o su quant'altro.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#19] dopo  
Utente 428XXX

Ha completamente ragione dottore. Ho sbagliato a fare la domanda , in base alla diagnosi si sceglie una o L altra psicoterapia .vado a fare psicoterapia e’ un po’ come andare al bar .
Le riformulo la domanda alla diagnosi giusta di deprex ricorrente con disturbo d ansia , Scegliendo la terapia giusta , ho più possibilità di stare meglio e allungare le recidive . La mia domanda sembra chiara così .
Il mio medico valutando la mia situazione tenendo una terapia farmacologica tipo 50 daparox più psicoterapia mi dice che le recidive sono inferiori rispetto a non fare nessuno delle due .(ovviamente farmaco compreso)
Visto che dopo la depressione a seguito di ansia e paura per malattia mi è venuto fuori un disturbo d ansia con i farmaci e la psicoterapia si può combattere o guarire o devo vivere lavorando ai 1000 con paura che se nn guadagno vado in deprex .

Grazie mille

[#20] dopo  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
PISA (PI)
VIGEVANO (PV)
ROMA (RM)
ALESSANDRIA (AL)
BRESCIA (BS)
LUCCA (LU)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Tecnicamente il punto è se valga la pena fare due interventi anziché uno. RIspetto a niente sì. La prevenzione farmacologica è documentata.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#21] dopo  
Utente 428XXX

Dottore mi sembra che lei non sia favorevole alla psicoterapia nella depressione . Diciamo che tra un episodio è L altro non riesco a fare le scelte giuste in quanto ho avuto dei blocchi dati da questo disturbo .
Il gad a cui non ho avuto risposta ancora e’ guaribile con psicoterapia e farmaci si riesce a ridurre o togliere .
Con la terapia di mantenimento sarei più forte alle ricadute in che modo e in che percentuale

Grazie

[#22] dopo  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
PISA (PI)
VIGEVANO (PV)
ROMA (RM)
ALESSANDRIA (AL)
BRESCIA (BS)
LUCCA (LU)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
No, non si tratta di essere favorevoli alle cure, non è un orientamento morale, è un discorso tecnico.
E comunque vedo che non ci capiamo, continua a parlare di "psicoterapia" così, in generale, e non significa niente.
Se non stabilisce cosa eventualmente utilizzare, sarebbe come dire se uno crede in un farmaco per la depressione. Quale ?
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#23] dopo  
Utente 428XXX

Credo che il mio Dottore sia per La cognitivo comportamentale ma domani sera ne parliamo bene al colloquio .
Per la depressione ricorrente immagino non c’è ne sia una meglio di un altro ma sarà in base alla storia del paziente .
Dottore le ripeto la solita domanda che a lei parrà stupida , psicoterapia cognitivo e i farmaci curano il disturbo d ansia fino ad azzerarlo o renderlo vivibile . Io nn me ne intendo il mio psichiatra dice che sono apprendimenti che si fanno in psicoterapia . Io ho avuto il gad solo dopo la reazione depressiva ma nn sono un tipo ansioso .
Lei crede nella cognitivo comportamentale ?

[#24] dopo  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
PISA (PI)
VIGEVANO (PV)
ROMA (RM)
ALESSANDRIA (AL)
BRESCIA (BS)
LUCCA (LU)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Ma come non ce n'è una meglio ? Ma scusi, tutti i farmaci curano la depressione, o esistono farmaci specifici ?

E continua a dirmi prima se credo nella psicoterapia, ora se credo nella cognitivo-comportamentale...

Ma che c'entra crederci ?
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#25] dopo  
Utente 428XXX

Buonasera dottore La psicoterapia cognitivo comportamentale per i disturbo depressivo e’ la psicoterapia migliore ?

[#26] dopo  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
PISA (PI)
VIGEVANO (PV)
ROMA (RM)
ALESSANDRIA (AL)
BRESCIA (BS)
LUCCA (LU)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Questo tipo di intervento risulta utile.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#27] dopo  
Utente 428XXX

Grazie mille Dottore , anche per il disturbo d ansia generalizzato quindi ?

[#28] dopo  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
PISA (PI)
VIGEVANO (PV)
ROMA (RM)
ALESSANDRIA (AL)
BRESCIA (BS)
LUCCA (LU)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Lei che diagnosi ha ? Entrambe ?
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#29] dopo  
Utente 428XXX

Buongiorno dottore depressione ricorrente , è una sorta di gad solo relativa al lavoro perché quando sono stato male e’ partito dal lavoro e il mio cervello da lì ha appreso paura .
Tutto è partito pensando di avere una malattia , ero in periodo di forte stress .

Ieri sera ho parlato con il mio dottore e non credo mi farà fare una cognitivo comportamentale conoscendomi ma un tra psicoterapia .

Che nn ricordo il nome ora

Mirco

[#30] dopo  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
PISA (PI)
VIGEVANO (PV)
ROMA (RM)
ALESSANDRIA (AL)
BRESCIA (BS)
LUCCA (LU)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Forse facciamo confusione, "è una sorta di" non è una diagnosi, se la diagnosi è depressione ricorrente, si attenga a quella per ragionare.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#31] dopo  
Utente 428XXX

Ha ragione Dottore, il Gad lo detto io per quel motivo farò psicoterapia , dall inizio la mia diagnosi e’ stata pasticciata perché ho cambiato più medici ognuno aveva la sua diagnosi , fino a trovare un medico competente che mi sta seguendo bene .
1) primo psichiatra nessuna patologia solo una reazione (mi ha fatto interrompere dopo lo stress passato le pastiglie quasi subito
2) disturbo d ansia perché avevo L ansia che prevaleva sulla deprex
3) depressione ricorrente con forte ansia , e obbligo in senso buono prossima volta di psicoterapia per mettere tutto in ordine ciò che mi ha scombussolato lo stare male e continuazione con cura questo L Ultimo Dottore

La seconda volta le ho interrotte per colpa della psicologa via Skype che diceva che nn avevo nulla ,L ansia era nata nell infanZia e parlava sempre della sua vita

Oggi a distanza di 33 gg il daparox ha iniziato a fare effetto ovviamente nn sono al top e ho la testa come se avessi un mattone dentro , ma qualcosa dentro al cervello si è acceso .

Mirco

[#32] dopo  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
PISA (PI)
VIGEVANO (PV)
ROMA (RM)
ALESSANDRIA (AL)
BRESCIA (BS)
LUCCA (LU)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Quindi al punto 3 la diagnosi alla fine è stata formulata.
Se non aveva niente, alla fine le sedute a cosa sarebbero dovute servire ?

Intanto il fatto che stia meglio col daparox dopo un tempo del genere torna, e anche la scelta del farmaco rispetto alla diagnosi.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#33] dopo  
Utente 428XXX

A prendermi 400 euro al mese in contanti , Psicotetapeuta trovata su internet no comment .
Insiene al daparox 50 che lo terrò come mantenimento ( anche se nn ho capito perché poi il mantenimento funziona anche se si può ricadere) presumo abbia una percentuale di ricaduta in meno inizio la terapia psicologica più adatta alla mia malattia e alla mia personalità .
Il dottore ha consigliato qualche stile di vita più sano ma immagino valga per tutti sani o non sani .

Il daparox ha funzionato per la seconda volta sono felice .

Se le spiego L inizio della malattia può scriverne un libro intero , se vuole la racconto perché e’ molto interessante

Grazie dott Pacini

[#34] dopo  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
PISA (PI)
VIGEVANO (PV)
ROMA (RM)
ALESSANDRIA (AL)
BRESCIA (BS)
LUCCA (LU)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Su questo sono valutazioni sue, se si effettuano prestazioni un costo ci sarà. Notavo un po' la contraddizione tra il concetto di terapie e il non aver niente. Niente vieta di fare un lavoro psicologico non su una malattia, ma su una funzione, ma non si tratta in tal caso di "cura di una malattia", tutto qui.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#35] dopo  
Utente 428XXX

Infatti la dottoressa doveva togliermi L ansia che io intendevo residua dell episodio depressivo , e lei cercava la soluzione nella mia vita personale o infantile .
Mai sofferto d ansia in vita mia se nn durante L episodio depressivo e mi sono rimaste le paure che lei diceva però nn c entravano con la depressione maggiore perché i dottori nn avevano capito che nn ero depresso .

Scusi dottore ma nn essendo ancora al 100% nn sono a top .

La pscologa era contro lo psichiatra infatti nn ha mai voluto parlarci .

Questo il risultato

[#36] dopo  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
PISA (PI)
VIGEVANO (PV)
ROMA (RM)
ALESSANDRIA (AL)
BRESCIA (BS)
LUCCA (LU)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Posizioni che considero incomprensibili.
Soprattutto poi si generano dei non-senso del tipo appunto che c'è qualcosa da curare, ma non è materia che i medici possono diagnosticare, è patologica ma non è diagnosticabile, etc.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#37] dopo  
Utente 428XXX

Essendo medici mi sono sempre affidato con serenità .
Poi ho notato che il medico di base cura la depressione e dice che la psicoterapia e’ initile In ogni caso .
Il medico di base che cura la depressione mi fa ridere .
La psicoterapia che in base a quella che fai ha un senso oppure no .
Inizialmente la mia depressione e’ iniziata con mal di schiena un po’ d ansia ed ero serio e pensieroso ,poi mi faceva prurito una parte del corpo è boom paura di avere una malattia sla .
Prima di arrivare dal dottore sono arrivato dal prete , da un santone , dal medico di base che nn si è accorto di nulla , a tutti che mi prendevano in giro mentre io avevo anche i sintomi ricreati perfettamente dalla malattia . E’ stato un film - ansia a 2000

No comment per L inizio

[#38] dopo  
Dr. Francesco Saverio Ruggiero

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
AVELLINO (AV)
ISCHIA (NA)
TARANTO (TA)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2003
Praticamente continua a ricercare diverse figure per poter curare ciò che sarebbe curabile con dei trattamenti appropriati.

Fa lei stesso confusione con le diagnosi e crea un casino tale che anche i suoi curanti si esasperano per accondiscendere alle sue richieste.

Ha fatto una terapia a dosaggio con antidepressivi. In presenza di permanenza di sintomi a dosaggi e tempi corretti è utile pensare altre classi farmacologiche senza troppi giri e senza contrattazioni continue.
Dr. Francesco Saverio Ruggiero
http://www.francescoruggiero.it
http://www.psichiatra-psicoterapeuta.it

[#39] dopo  
Utente 428XXX

Dottore Saverio personalmente riporto ciò che mi hanno detto medici professionisti . Ora che so che è un problema di depressione ricorrente starò più attento e mi curerò con i farmaci adeguati per un periodo più lungo .
Ho sentito 3 medici , il primo nulla di patologico , 2 dag , 3 deprex ricorrente .

Sono d accordo con la terza diagnosi visto che mi si spegne il cervello .

La prima volta quando mi scoppio la depressione con la paura della malattia fu un trauma perché si aprì un vaso di mille paura , curata la deprex tutto pian piano se ne è andato . A parte un ansia persistente per il lavoro che curerò con la psicoterapia .

Mirco

[#40] dopo  
Dr. Francesco Saverio Ruggiero

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
AVELLINO (AV)
ISCHIA (NA)
TARANTO (TA)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2003
Una depressione ricorrente non è curabile inmodo sporadico ma continuativo ed anche l'ansia persistente sarebbe curabile con una terapia farmacologica appropriata.

Secondo me lei vuole gestire la situazione, al di là delle diagnosi che riceve che, tra l'altro, in momenti differenti possono anche essere diverse.
Dr. Francesco Saverio Ruggiero
http://www.francescoruggiero.it
http://www.psichiatra-psicoterapeuta.it

[#41] dopo  
Utente 428XXX

Per la depressione ricorrente mi hanno dato 3 anni di continuità per prendere i farmaci e un anno almeno di psicoterapia .

Dottore oltre il Daparox dice per L ansia ?

Personalmente nn gestisco nulla faccio ciò che dicono ma trovare figure competenti a volte nn è semplice così in tutti i mestieri



Mirco

[#42] dopo  
Dr. Francesco Saverio Ruggiero

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
AVELLINO (AV)
ISCHIA (NA)
TARANTO (TA)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2003
Per me è impossibile che il 90% degli utenti di medicitalia dichiari di essere seguito da colleghi naive che hanno teorie strane sul decorso delle malattie.

Una depressione ricorrente è diagnosticata tale perché ha determinate caratteristiche per cui andrebbe valutato anche altro oltre l'antidepressivo e bastano i controlli stretti e non la psicoterapia a prescindere.
Dr. Francesco Saverio Ruggiero
http://www.francescoruggiero.it
http://www.psichiatra-psicoterapeuta.it

[#43] dopo  
Utente 428XXX

Dottore lei ha ragione , però si metta dalla parte dell utente .
Molti dottori diagnosticano in modo diverso la stessa malattia e somministrano i propri farmaci .
Il mio medico terra’ L antidepressivo per molto tempo e abbiamo deciso visto conunque gli shock e le paure residue un rafforzo psicoterapico oltre che farmacologico .
Posso garantire a Voi medici che inizialmente andai all asl e mi dissero nessuna patologia , e chiedi per accertarmene un ricovero di mia iniziativa . Avendo un ansia molto forte che copriva la depressione e soprattutto trascurata mi dissero di smettere dopo a poco i farmaci .

Purtroppo il forte stress lavorativo così come tutti immagino innesca la depressione , ( probabilmente ) la psicoterapia mi serve per mettere ordine a ciò che mi è successo in quanto spaventato e più bloccato nella vita per questo .