Utente 510XXX
Salve a tutti gentili medici di medicitalia, volevo porvi una domanda sui miei malesseri che da due settimane a queste parti sto avvertendo. Premetto che ho 31 anni soffro di ansia ed attacchi di panico da quando avevo 11, si a quanto pare anche ad 11 anni si può soffrire di queste cose. Ad aggiungere al quadro mi si è sviluppata una forma di ipocondria abbastanza forte. Il mio problema è che da un po' di tempo sto soffrendo di rialzi pressori che mi portano malesseri ma non riesco a capire se siano conseguenze di attacchi di panico o viceversa. Ho avuto varie misurazioni da parte del mio medico di famiglia e anche in guardia medica e si aggiravano sui 145 70 sino a 150 90 (lievemente agitato ma prima avevo avuto una crisi), mentre a casa durante una crisi misurandola è arrivata anche a 169 110. Le crisi si scatenano con tremori e brividi di freddo, senso di sangue che scorre nelle vene, bruciori alla pelle, giramenti di testa e sensazioni di morte imminente, in più ultimamente sto avendo caldo notturno con sensazioni di calore soprattutto al volto. Volevo sapere come si può comportare da ansioso nella gestione di questi picchi visto che sto entrando in un circolo vizioso più mi si alza la pressione più mi aumenta l'ansia, ovviamente mi rivolgerò anche al mio psichiatria per una cura visto che l'avevo interrotta di comune accordo a giugno di quest'anno visto che stavo meglio. Aggiungo che sono sotto terapia con folina 5 mg per l'omocisteina alta. Vi ringrazio per l'attenzione.

[#1] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2009
Mi pare che sia necessario che il suo psichiatra riprenda la sua situazione in mano prescrivendole una terapia idonea.

Arrivederci

cecchini
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza

[#2] dopo  
Utente 510XXX

Grazie mille dottore per la sua rapida risposta, sicuramente mi rivolgerò allo specialista al più presto.

[#3] dopo  
Utente 510XXX

Gentile dottor Cecchini la volevo aggiornare riguardo la mia situazione di ansia e pressione alta, finalmente ho iniziato la cura psichiatrica dopo però una corsa al pronto soccorso con pressione alta 170 90 e dolori al petto con conseguente monitoraggio con prelievi ematici per escludere danni d'organo, dai rilievi si è appurato che era tutto apposto ma la pressione si è mantenuta tutto il tempo sui 150 90 ma non mi hanno dato niente per calmarmi, cmq dimesso dopo una notte in osservazione vado dallo psichiatra per iniziare una cura ansiolitica ma ancora permangono i sintomi (soprattutto pesantezza alla testa, capogiri e anche bruciori agli occhi di notte) ed ho paura di avere la pressione alta che non misuro per terrore. Il mio medico dice che l'holter per me è inutile visto che sto in ansia tutto il tempo e sono semplicemente dei rialzi pressori da stati d'ansia e mi ha prescritto Lobivon 5 mg mezza compressa la mattina visto che mi si alza la frequenza e agisce sul sistema adrenergico. Ho notato che però questo problema si presenta con il primo freddo perché l'anno scorso a dicembre ho passato un mese d'inferno con gli stessi sintomi e rialzi pressori mentre con un clima più mite e in estate sono tendenzialmente ipoteso con massima che arriva anche a 90 e minima addirittura a 50. Volevo fare un ecocardiogramma ma il cardiologo dell'ospedale mi ha detto che non era necessario. Per adesso sono sotto Xanax e lyrica come cura per l'ansia. Adesso cerco di reagire ma non so come comportarmi. La ringrazio anticipatamente di avermi dedicato una piccola parte del suo prezioso tempo.

[#4] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2009
Xanax e Lyrica certo non le curano il problema psichaitrico.
Sposto il suo consulto ai Colleghi specialisti nel settore.

arrivederci
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza

[#5] dopo  
Dr. Francesco Saverio Ruggiero

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
AVELLINO (AV)
ISCHIA (NA)
TARANTO (TA)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2003
Prenota una visita specialistica
La terapia andrebbe personalizzata con una terapia più efficace nel tempo sui disturbi ansiosi in modo da poter ridurre considerevolmente questi sintomi.

Dr. F. S. Ruggiero

http://www.francescoruggiero.it
Dr. Francesco Saverio Ruggiero
http://www.francescoruggiero.it
http://www.psichiatra-psicoterapeuta.it

[#6] dopo  
Utente 510XXX

Grazie ad entrambi i gentili dottori di avermi risposto, si lo so che non curano l'ansia infatti questa cura è solo temporanea in attesa che il livello di ansia scenda per inserire l'ssri come cura a lungo termine ed evitare un ulteriore peggioramento visto che neanche lo xanax ad alte dosi riusciva a calmarmi del tutto. A quanto ho capito pare necessario l'antidepressivo visto che é quello che cura. Comunque il mio disturbo di base è un disturbo ansioso con ossessioni principalmente di tipo ipocondriaco ma non solo, spero solo che lo psichiatra scelga la molecola giusta per me e di uscirne definitivamente da questa situazione. Grazie per la vostra cortese attenzione.

[#7] dopo  
Dr. Francesco Saverio Ruggiero

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
AVELLINO (AV)
ISCHIA (NA)
TARANTO (TA)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2003
Tutta questa attesa mi pare un poco strana. Non si ragione clinicamente in questo modo sebbene la terapia adatta va inserita al più presto.
Dr. Francesco Saverio Ruggiero
http://www.francescoruggiero.it
http://www.psichiatra-psicoterapeuta.it