Utente cancellato
Salve Egregi Dottori.
Soffro di Depressione Maggiore con idee di morte dal 2016 nonostante i vari tentativi terapeutici(diversi farmaci,psicoterapia,TMS) fatti.
Scrivo per farVi 3 domande.
I farmaci che ho preso più a lungo sono il Citalopram 40 mg/die per 4 mesi e l'Anafranil 25 mg 2 cp x 3 volte al dì per 5 mesi senza nessun beneficio da ambedue i farmaci.
Ricordo poi che mi fu proposto il passaggio da Anafranil ad Adepril ma non tollerai quest'ultimo per la sonnolenza che mi dava.
Mi fu anche prescritta l'asenapina come "agumentation" (questo fu il termine usato dallo psichiatra) ma non la presi perché non capivo perché mi fosse stato dato un antipsicotico nonostante io non abbia mai avuto sintomi psicotici.
1)Non avendo risposto alla terapia orale con Anafranil ed Citalopram, potrei rispondere alle fleboclisi di Anafranil o di Elopram?
2)Che differenze ci sono tra l'Anafranil e l'Adepril?
3)L'asenapina potrebbe togliere le idee di morte che ho?
Grazie per una Vostra cortese risposta
Distinti Saluti

[#1] dopo  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
PISA (PI)
VIGEVANO (PV)
ROMA (RM)
ALESSANDRIA (AL)
BRESCIA (BS)
LUCCA (LU)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
" non capivo perché mi fosse stato dato un antipsicotico nonostante io non abbia mai avuto sintomi psicotici."

Appunto, come augmentation, cioè uso di un farmaco per potenziare la risposta ad un altro farmaco. Il fatto che non sia indicato per la depressione non c'entra, sono modi per ottenere una risposta in forme resistenti o particolari.

Le flebo consentono di evitare problemi di assorbimento intestinale.

Adepril è l'amitriptilina, molecola diverda dalla clorimipramina che è l'Anafranil.

Resta da capire quali terapia in toto abbia provato, ovverosia oltre ai due farmaci citati quali altri ? Oltre alla TMS anche la TEC ?
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#2] dopo  
516193

dal 2019
Grazie Dott.Pacini per la Sua risposta.
Quindi l'asenapina mi era stata prescritta per potenziare l'antidepressivo che prendevo allora.
1)Non ha risposto però alla mia domanda: l'asenapina può togliere i pensieri/propositi suicidari?
2)Non avendo risposto alla terapia orale con Anafranil e Elopram, potrei rispondere alle flebo di uno dei 2 farmaci perché si evitano problemi di assorbimento intestinale?
3)Le flebo si possono fare anche a casa(mia madre è infermiera) oppure solo in ambiente ospedaliero?
4)Le fiale di Anafranil o Elopram possono essere iniettate intramuscolo? Con le iniezioni intramuscolo si evitano problemi di assorbimento intestinale?
5)Che differenze ci sono tra amitriptillina e clorimipramina?
Ho provato la rTMS senza beneficio mentre non ho ancora provato la TEC.
L'asenapina non era il primo antipsicotico che mi fu prescritto ma non lo presi perché fu dato in una visita ambulatoriale mentre gli altri mi sono stati dati nei vari ricoveri in psichiatria che ho fatto in cui era più difficile non prenderli.
I farmaci che ho provato dal 2016 ad oggi sono i seguenti:
-Entact 10 mg per oltre 5 mesi
-Zoloft 100 mg per 2 mesi
-Zarelis 150 mg per 3 mesi
-Cipralex 20 mg più Deniban 50 mg per 2 mesi
-Citalopram 20 mg più Zyprexa 10 mg per 2 mesi
-Anafranil 150 mg(75x2) più Amisulpride 100 mg più Depakin Chrono 300 mg per 2 mesi
-Anafranil 150 mg(2 cp da 25 mg x 3 volte al dì) più Seroquel 200 mg RP per 4 mesi
-Prozac 60 mg più Resilient 1 cp la mattina e 1/2 la sera(litiemia 0,45) per 2 mesi
-Prozac 10 mg più Abilify 15 mg per 2 mesi
-Efexor 225 mg più Carbolithium 750 mg(litiemia 0,45) più Depakin Chrono 750 mg per 1 mese e mezzo
-Daparox 50 mg(iniziato con 20 mg ed aumentato velocemente) più Depakin Chrono 750 mg per 1 mese
-Citalopram 40 mg più Zyprexa 10 mg più Depakin Chrono 500 mg per oltre 2 mesi
-Citalopram 40 mg più Clozapina 75 mg più Depakin Chrono 500 mg per un mese
-Noritren 25 mg(1 cp da 25 mg x 3 volte al dì) più Depakin Chrono 300 mg più Resilient 1 cp (litiemia 0,45) più Risperdal 1 mg/die per 3 mesi
-Sereupin 40 mg più Abilify 20 mg per 2 mesi
-Adepril 25 mg(1 cp da 25 x 3 volte al dì) più Fluvoxamina 50 mg( 1/2 cp ore 14)(QUESTA E' LA TERAPIA ATTUALE).
Non ho mai tratto beneficio da nessuno dei farmaci che ho preso.
Cosa ne pensa?
Grazie per una Sua risposta
Cordiali Saluti

[#3] dopo  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
PISA (PI)
VIGEVANO (PV)
ROMA (RM)
ALESSANDRIA (AL)
BRESCIA (BS)
LUCCA (LU)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile utente,

Ha provato quindi diversi schemi, alcuni con antidepressivi a dose piena, probabilmene per controllare una componente di tipo ossessivo, altre con dosi invece che non raggiungono il valore pieno, e poi evidentemente una serie di associazioni che può darsi siano intese come potenziamento per forme resistenti.

Si pone molte domande ma mi pare che siano domande aperte o semplicemente cose pratiche che deve chiedere al suo medico, non ragionarci come se dovesse decidere Lei il da farsi.

Tipicamente si pone questioni su terapia già provate e accantonate, con il rischio di girare in tondo con modifiche prive di impatto, o ripercorrere schemi già provati.

Adesso sta provando la fluvoxamina ancora dose minima, per cui presumo che sia previsto poi un ritocco della dose nel tempo.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#4] dopo  
516193

dal 2019
grazie dott.pacini per la sua risposta.
-se ho capito bene, il passaggio dalla terapia con clorimipramina/citalopram orale a quella con fleboclisi/intramuscolo delle stesse molecole sarebbe una modifica priva di impatto?
-cosa intende dire quando parla di "ripercorrere schemi già provati"?
-secondo lei, ho commesso un errore a non prendere l'asenapina?
-la tec potrebbe aiutarmi in qualche modo nel farmi perdere la voglia di morire?
lo specialista che mi sta seguendo ora non mi ha parlato dell'aumento della fluvoxamina bensì dell'inserimento del litio al prossimo controllo(mi ha prescritto gli esami della tiroide ed altri da portare alla prossima visita).
infine, mi ha detto che lui non ha nessuna esperienza della terapia elettroconvulsivante in quanto non ha mai seguito/ trattato nessun paziente con tale metodica. mi ha detto che il massimo che può fare è prescrivermi in seguito il parmodalin ma di più non se la sente di andare.
mi ha detto anche che la tec non è passata dal ssn ma che si fa a proprie spese(io invece ho letto sul web che viene fatta in qualche ospedale pubblico e in alcune cliniche private convenzionate).
attendo un suo cortese parere.
cordiali saluti

[#5] dopo  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
PISA (PI)
VIGEVANO (PV)
ROMA (RM)
ALESSANDRIA (AL)
BRESCIA (BS)
LUCCA (LU)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile utente,

Anche il litio è una modalità di approccio che per esempio è nota e ancora più "classica" di altre.
Il problema della valutazione alla TEC non si pone perché quando uno chiede di sottoporsi lo valutano in termini di idoneità e indicazione.

Mi pare però che il medico proponga delle cose sensate, con una sequenza che dipenderà anche da valutazioni specifiche sul caso.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it