Utente 516XXX
Buongiorno , egregi dottori, ho 60 anni e da più di un anno mi è stata diagnosticata una depressione maggiore. Ho seguito varie cure ma senza risultato per cui parrebbe che io sia resistente ai farmaci. L'ultima terapia consiste in: gabapentin, depakin chrono, cymbalta, mirtazapina .
Ma quello che mi preoccupa molto è lo stato della mia mente, infatti si manifestano vari disturbi che proverò a descrivere anche se sarà cosa non facile. A volte sento che la mia mente venga quasi dilaniata, a volte compressa, che non riesca più a fare semplici elaborazioni se non con grande fatica, come anche seguire i discorsi richieda sforzo. Insomma sento che la mia mente è in rovina e mi chiedo quale patologia sia all'origine di tale situazione ,forse una psicosi? cosa si può fare?. Grazie.

[#1] dopo  
Dr. Giuseppe Nicolazzo

Referente scientifico Referente Scientifico
28% attività
20% attualità
16% socialità
REGGIO DI CALABRIA (RC)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2007
gentile utente,
probabilmente i disturbi da lei riferiti fanno parte del quadro clinico psicopatologico, come per esempio il deficit dell'attenzione che determina la difficoltà a seguire un discorso o a concentrarsi su qualcosa, spesso ci vuole del tempo e un pò di pazienza fino a che il medico riesca a impostare la terapia efficace nel suo caso,

saluti
Dr G. Nicolazzo
Specialista in Psichiatria
Psicoterapeuta

[#2] dopo  
Utente 516XXX

molte grazie , quindi la causa di tutto sarebbe sempre la depressione e nient'altro ? vorrei chiarire che non si tratta di deficit di attenzione nei seguire i discorsi ma è come se la mia mente si rifiutasse in qualche modo di farlo.

[#3] dopo  
Dr. Giuseppe Nicolazzo

Referente scientifico Referente Scientifico
28% attività
20% attualità
16% socialità
REGGIO DI CALABRIA (RC)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2007
un disturbo depressivo, se di questo si tratta presumendo che la diagnosi sia stata fatta da medico competente nella patologia, si può manifestare in vari modi uno tra i sintomi è appunto la ridotta capacità di pensare e concentrarsi come anche la distraibilità e la bassa tolleranza alle frustrazioni, il soggetto è di fatto molto più concentrato su se stesso che su gli altri; credo comunque che la priorità nel suo caso sia quella di trovare la terapia soddisfacente,

saluti
Dr G. Nicolazzo
Specialista in Psichiatria
Psicoterapeuta

[#4] dopo  
Utente 516XXX

molte grazie.