Utente cancellato
Salve,

Per depressione maggiore e vari disturbi d'ansia (anche sociale), assumo Zoloft 50 mg e Quetiapina la sera.
La quetiapina è andata a salire: ho iniziato con 25 mg, poi 50, 75, 150 e infine 300 mg.

Soffro da 3 anni di un problema di stanchezza cronica; con astenia, apatia, abulia e intorpidimento in tutto il corpo, con questo che non trova mai ristoro; neanche dopo intere giornate passate a letto.

Ho chiesto quindi al mio medico di poter fare dei controlli ematici sulla tiroide e ho trovato il tsh alto a 10,71 e anche i livelli di colesterolo totale e trigliceridi lo erano.

Approfondendo la cosa, sono venuto a sapere che alti dosaggi di quetiapina potrebbero incidere sul sistema metabolico.

Chiedo: è da escludere categoricamente, che la quetiapina possa aver fatto salire il tsh o potrebbe al contrario essere sintomo di ipotiroidismo?

Preciso che molti sintomi compatibili con l'ipotiroidismo non li ritrovo presenti, tranne il discorso della stanchezza persistente.

La prego in una risposta articolata. Vedrò il mio medico la prossima settimana e ho bisogno di un parere immediato di uno specialista. Vorrei ripetere il tsh solo dopo aver smesso di assumere quetiapina; questo, per escludere al 100 % eventuali interazioni col farmaco.

Grazie.

Ultima cosa: dopo quanto tempo aver smesso l'assunzione di quetiapina, il farmaco sparisce definitivamente dal sangue?
Importante saperlo per gli esami ematici.

[#1] dopo  
Dr. Paolo Carbonetti

28% attività
20% attualità
16% socialità
VITERBO (VT)
TERNI (TR)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2008
L'aumento del Tsh, che può corrispondere ad un ipotiroidismo clinico o sub-clinico, è riportato tra gli effetti comuni della quetiapina (per comune si intende una incidenza tra l' 1% e il 10%).
Ne deve discutere con il suo medico.
Dr. Paolo Carbonetti
Specialista in Psichiatra
Specialista in Psichiatria Forense
Viterbo-Terni-

[#2] dopo  
519535

dal 2019
1) Ne ho parlato col mio psichiatra e lui mi ha categoricamente escluso la cosa, ma avendo approfondito anche nel bugiardino elenca questa possibilità.
Qualora fosse responsabilità del farmaco, dovrei comunque curare l'ipotiroidismo, oppure sospendere la terapia?

2) Devo anche chiederle quanto tempo rimane la quetiapina nel sangue, prima di poter ripetere gli esami ed avere quindi la certezza che il tsh alto non sia colpa del suddetto farmaco.

La prego di rispondermi, è molto importante.

[#3] dopo  
Dr. Paolo Carbonetti

28% attività
20% attualità
16% socialità
VITERBO (VT)
TERNI (TR)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2008
1) Ci si regola come con il litio ,che pure deprime spesso la tiroide. Se la terapia sta funzionando conviene correggere l'ipotiroidismo (è facile).

2) La quetiapina , o meglio il suo metabolita, viene eliminata completamente prima di 24 ore. L'eventuale depressione dell'attività tiroidea probabilmente dura più a lungo, ed è difficile quantificarne i tempi.
Dr. Paolo Carbonetti
Specialista in Psichiatra
Specialista in Psichiatria Forense
Viterbo-Terni-

[#4] dopo  
519535

dal 2019
Può spiegarmi una cosa? La mia psichiatra ha escluso al 100 % che sia la quetiapina ad aver fatto salire il tsh. Lei invece mi sta dicendo che ci sono possibilità che sia stato il farmaco ad aver creato questo ipotiroidismo.

Come devo regolarmi e a chi devo credere? Una cosa o è possibile ed oggettiva o non lo è. Secondo la psichiatra il mio ipotiroidismo è dovuto a una malattia della tiroide e non dal farmaco.

Cosa ne pensa lei? La prego di rispondermi.

[#5] dopo  
Dr. Paolo Carbonetti

28% attività
20% attualità
16% socialità
VITERBO (VT)
TERNI (TR)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2008
Come si fa a saperlo? Può essere il farmaco o può essere una coincidenza.
Dr. Paolo Carbonetti
Specialista in Psichiatra
Specialista in Psichiatria Forense
Viterbo-Terni-

[#6] dopo  
519535

dal 2019
Chiarissimo.

Senta dottore, aproffitto per chiederle un'altra cosa: assumo anche Zoloft (50 mg) per depressione maggiore, ansia sociale, pensieri ossessivi, ruminazione.
Il farmaco mi fa rimuginare un po' di meno, ha abbassato leggermente il livello dell'ansia, ma non mi sta restituendo quelle energie nervose-mentali in cui un antidepressivo dovrebbe incidere.

Crede che il dosaggio sia basso?
C'è l'ipotesi che siano i problemi alla tiroide, responsabili di questa astenia?

Qualche mese fa la psichiatra aveva provato a salire sui 75 mg, ma dopo un mese, alla visita di controllo, riferii alla dottoressa di avere più ansia rispetto a prima. A quel punto, siamo tornati al dosaggio di 50mg; il medico sostenne che l'ansia fosse stata determinata dal nuovo dosaggio.

Lei cosa ne pensa?
Grazie.

Mi scuso per le tante domande, ma mi creda, è per fondamentale avere delucidazioni e approfondire la cosa per capire come muovermi.