Utente 515XXX
Salve dottori,
già sono svariati mesi che scrivo e vi elenco il punto della situazione. Sono in cura con Entact 20mg e xanax 2 volte al 10 gocce per sintomi di depressione ansiosa, voglia di fare le cose pari a zero, paura di tutto , mi hanno diagnosticato disturbo ossessivo di incapacità.
Nonostante ad oggi sono circa 3 mesi che ho riassunto entact da 20 mg, noto pochi effetti positivi, ovvero l'umore è sempre molto basso , le paure dell'incerto e la poca stima di me stesso. Sotto consiglio dello specialista ho iniziato anche un percorso di terapia comportamentale anche se è poco appena 2 sedute, ma in riferimento al mio passato ricordo che entact mi aiutò tantissimo e ci mise tanto tempo, ovvero più ho avuto ricadute e più ha agito lentamente.
Sicuramente ci sono anche fenonemi stressori, come il divorzio con la mia ex dopo 9 anni di fidanzamento, paura di ritornare a frequentare e avere relazioni, acquisto prima casa ecc...ma sento e sottolineo di avere forti sbali di umore dove da che vedo tutto nero e insignificante la sera vedo tutto bello e sotto il mio controllo, questo non so se si addice all'incompleta efficacia di azione del farmaco o non sapreoi.
Assumo entact al risveglio a volte anche verso le ore 12.00 (non so se sia tardi come orario) e xanax verso le 13 e prima di andare a letto verso le 24,00
In tutto ciò ho fatto una visita cardiologica dove si e evidenziata una perenne tachicardia con 1 episodio sopraventricolare e 1 episodio ventricolare abbinato ad un intervallo pq pr corto, il cardiologo mi ha somministrato un calcio antagonista che non ho ancora assunto.
Ma oltre tutto sento dentro di me , che ho paura ,mi sento a terra e quando ci si sente cosi sembra di non vivere.
CHiedo un consulto se pazientare ancora per entact, o optare per un altro tipo di terapia e/o approccio. Dottori la vita è 1 e io voglio vivere l'eccesso di paure e responabilità mi hanno bloccato.
grazie buona pasqua e pasquetta

[#1]  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
PISA (PI)
VIGEVANO (PV)
ROMA (RM)
ALESSANDRIA (AL)
BRESCIA (BS)
LUCCA (LU)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Gentile utente,

Quindi sta ri-assumendo entact nel senso che in passato aveva funzionato, ora invece a 3 mesi non trova giovamento. La diagnosi sarebbe disturbo ossessivo (disturbo ossessivo di incapacità è una dicitura che non significa niente).
Il medico ha deciso di abbinare la psicoterapia comportamentale.
Lei ricorda che entact in passato ci aveva messo più di 3 mesi ? Quanto più o meno ?
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#2] dopo  
Utente 515XXX

salve dottor pacini grazie per la risposta,
purtroppo a causa di bruschi scali,sono ricaduto gia un paio di volte, ricordo che la prima volta dopo 2 3 mesi ho cominciato a sentirmi un altra persona, successivamente ci ho messo anche piu mesi ma non ricordo esattamente le tempistiche,in quanto non credo di essere mai stato al 100% , addirittura l'ultima volta che ho preso entact dopo 1 anno ho iniziato a sentirmi davvero bene, poi appena scalato a 10mg dopo pochi mesi ho riavvertito dei malesseri. La psicoterapia credo mi possa aiutare ma so che anche una terapia giusta ti aiuti anzi io credo piu nella terapia che nell'analisi. Sta di fatto che ora non so se la molecola potrebbe metterci tempo ad agire o magari chiedere per optare ad un alternativa.
grazie auguri

[#3]  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
PISA (PI)
VIGEVANO (PV)
ROMA (RM)
ALESSANDRIA (AL)
BRESCIA (BS)
LUCCA (LU)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
A 3 mesi, per quanto alcuni rispondano lentamente, val la pena di riconsiderare o la dose o la composizione della cura.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it