Utente 399XXX
Salve,
sono un paio di giorni che ho una tosse stizzosa e non riesco a capire se è ansia, se è una normale tosse secca o se è un sintomo da monitorare relativamente al coronavirus. L'incertezza mi crea parecchia agitazione.

Relativamente a quest'ultima opzione devo specificare che vivo in provincia di Salerno. In Campania i contagi sono diversi, ma nella mia zona per adesso non ce ne sono. Non sono stata recentemente al Nord. Razionalmente mi dico che le probabilità sono basse, ma so anche che il rischio zero non esiste. Sono indubbiamente preoccupata, se ci penso mi viene da piangere.

Sono generalmente una persona ansiosa, anche se non mi sono mai rivolta ad uno specialista per avere una diagnosi in questo senso. Ho anche da dire che vivo un periodo non facile e, oltre all'ansia dell'epidemia, vivo anche l'incertezza della situazione circa la laurea che dovrei conseguire tra poco più di 15 giorni.

La domanda che vorrei porre è: questa tosse potrebbe essere una manifestazione ansiosa?
Ho un metaforico piccolo agglomerato al centro del petto, che risulta maggiormente presente quando provo ad espirare a pieni polmoni. È un solletico che mi fa tossire.

Non posso andare dal medico di famiglia per poter capire di cosa si tratti, quindi non so bene come comportarmi.

[#1]  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
ALESSANDRIA (AL)
VIGEVANO (PV)
MILANO (MI)
BRESCIA (BS)
ROMA (RM)
PISA (PI)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Gentile utente,

"Razionalmente mi dico che le probabilità sono basse...". Razionalmente non uscirà mai da una preoccupazione se è ansiosa, specie se entra in un meccanismo ossessivo.
Men che meno attraverso un consulto rispetto ad una visita potrà ricevere una risposta "ragionata", ma non è questo il punto.
In realtà è il punto di partenza che non è chiaro. Se uno ha una tosse stizzosa, che c'entra che pensi di avere ansia. Che sia preoccupata o in ansia per la tosse è una cosa, dire che non capisce se è tosse "o ansia", farebbe pensare che non riesce più a dare un senso al sintomo perché il pensiero ansioso e il sintomo si confondono.
Non capisco però cosa vuol dire che non può andare dal medico. Anche fosse ansia, da chi dovrebbe andare per farsi vedere ?
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#2] dopo  
Utente 399XXX

Non so se posso andare dal mio medico di base a causa dell'emergenza sanitaria; è opportuno? Generalmente consigliano a chi ha un qualsiasi sintomo di stare a casa per prudenza.
In secondo luogo, mi hanno parlato della possibilità che la tosse abbia come causa anche nervosismo o agitazione, al posto di una causa organica. Mi chiedevo se potesse essere possibile, data la mia attuale situazione di agitazione.

[#3]  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
ALESSANDRIA (AL)
VIGEVANO (PV)
MILANO (MI)
BRESCIA (BS)
ROMA (RM)
PISA (PI)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
No, consigliano di non andarci direttamente ma intanto di comunicarglielo, poi valuterà lui.
Il nervosismo e l'agitazione sono organiche anch'esse in ultima analisi, ma il punto non è solo questo, cioè sapere se ha una tosse nervosa. Il punto è anche che ci soffre di ipocondria valuta la propria "tosse" come strana o eccessiva, o addirittura fa continuamente prove di tosse per verificare.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it