Utente
Buonasera,
Prendo cipralex da 4 mesi, prima 10 mg poi aumentato a 15 mg da quasi 5 settimane.
Ci sono stati dei miglioramenti ma io continuo ad avere ansia, apatia e a non sentirmi bene.
Qualche hanno fa prendevo la paroxetina 20 mg e dopo 2 mesi i sintomi erano quasi scomparsi.
Ho aggiunta la mattina 8 gtt di alprazolam ma temo accentuino di più lo stato depressivo oltre ad esserci solo una lieve attenuazione momentanea dell ansia.

Che posso fare?
Attendere ulteriormente mi sembra assurdo...
grazie

[#1]  
Dr.ssa Franca Scapellato

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
PARMA (PR)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2007
Se dopo 5 settimane non ci sono cambiamenti la terapia va rivalutata, il cipralex non è a dosaggio massimo.
Franca Scapellato

[#2] dopo  
Utente
Ci sono stati dei miglioramenti rispetto a prima ma ancora non sto bene. La psichiatra non vuole aumentare il
Dosaggio ulteriormente, e attende che io verifichi che la tiroide sia apposto . Ho la tiroidite autoimmune, seguo una terapia combinata con tiche e tiroide secca, i valori sono nella norma adesso, ma lei non si fida di questa terapia non tradizionale.
Secondo lei se ci sono stati dei miglioramenti e possibile che dopo 4 mesi la situazione possa migliorare ulteriormente o i risultati ottenuti sono questi osservati fino ad ora e basta?
Grazie mille

[#3]  
Dr.ssa Franca Scapellato

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
PARMA (PR)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2007
Dal momento che la terapia con ssri è lunga si cerca di mantenere il dosaggio minimo efficace; la tiroidite autoimmune va indagata prima di qualunque modifica terapeutica, perché bisogna essere sicuri che il processo infiammatorio sia sotto controllo.
Franca Scapellato

[#4] dopo  
Utente
Ok va bene. Ma per quanto riguarda la terapia dopo 4 mesi si può sperare di avere ulteriori miglioramenti?
Grazie

[#5]  
Dr.ssa Franca Scapellato

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
PARMA (PR)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2007
E' possibile, soprattutto se la concomitante terapia cognitiva è efficace, perché cambia la percezione del disturbo ansioso e migliora la gestione dell'ansia. Però è anche possibile che occorra aumentare il dosaggio, una volta accertata la situazione della tiroide.
Franca Scapellato