Utente
Buongiorno, sono un ragazzo di 26 anni, la scorsa domenica ho avuto un episodio di aura visiva (o fotopsie, non saprei dire la differenza) al che mia nonna ha voluto misurarmi la pressione, penso di essere abbastanza suscettibile ad analisi in generale, comunque sia la pressione risultava 150/90, le auree sono andate via nell'arco di 20 minuti piu o meno, il giorno dopo mia nonna ha voluto misurarmi dinuovo la pressione che risultava sa volta 160/80 e il giorno dopo ancora 170/100, al che ho deciso di andare dal medico di famiglia che dopo avermi misurato la pressione mi ha detto che era tutto nella norma (mi ha detto che avevo la febbre sono tenendomi il polso durante la misura della pressione) e mi ha prescritto per una settimana clavulin compresse ogni 8 ore, prednisone 1 compressa dopo pranzo e xanax 7 gocce tre volte al giorno, ho iniziato la cura martedì di questa settimana e premetto di essere stato riluttante a prendere le gocce fino a venerdì mattina che ho iniziato a svegliarmi con palpitazioni che mi portavano pressione allo sterno centrale, niente iperventilazione, questa cosa mi fa spaventare parecchio come se dovessi avere un infarto da un momento all'altro, non ho sintomi di stanchezza di nessun tipo e soprattutto sparisce nell'arco della giornata, ho deciso di iniziare a prendere lo xanax da venerdì mattina e un pochettino mi fa stare meglio specie pomeriggio e sera, la mia domanda ora è, sono attacchi di ansia / panico?
E molto difficile capirlo quando mi succede
P. S. sono uno sportivo costante da 3 anni, mi alleno 5 volte al giorno, ma da una settimana ho paura di andare ad allenarmi e quindi sono fermo a casa, devo oltretutto ammettere di essere stato un abituale consumatore di cannabis

[#1]  
Dr. Francesco Saverio Ruggiero

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
AVELLINO (AV)
ISCHIA (NA)
TARANTO (TA)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2003
Prenota una visita specialistica
Una serie di episodi in questo lasso di tempo in cui la sua condizione di salute non è ottimale non è significativa.


Attenda un po’ di tempo e se permangono si rivolga ad uno specialista in psichiatria.



Dr. F. S. Ruggiero


http://www.francescoruggiero.it
https://www.instagram.com/psychiatrist72/
https://wa.me/3908251881139
https://swite.com/psychiatrist72

[#2] dopo  
Utente
Ottimo, quindi posso continuare a svolgere la mia normale attività fisica e scongiurare un infarto secondo lei? In poche parole dovrei cercare di fregarmene e vedere come si sviluppa? La cosa che non capisco e come può essere che a casa avevo pressione alta e dal medico di famiglia no, in ogni caso grazie mille per la risposta tempestiva

[#3]  
Dr. Francesco Saverio Ruggiero

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
AVELLINO (AV)
ISCHIA (NA)
TARANTO (TA)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2003
Fregarsene non è proprio un atteggiamento giusto.

Può essere che a casa sua nonna non sia stata in grado di misurare la pressione in modo corretto?
https://www.instagram.com/psychiatrist72/
https://wa.me/3908251881139
https://swite.com/psychiatrist72

[#4] dopo  
Utente
Non saprei, l'ha misurata anche lei e la aveva 110/60 e mio nonno 140 la alta e la minima non ricordo, ma mio nonno soffre di ipertensione, in ogni caso e come se percepissi una costante paura che mi attanaglia il petto

[#5]  
Dr. Francesco Saverio Ruggiero

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
AVELLINO (AV)
ISCHIA (NA)
TARANTO (TA)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2003
Attenda qualche tempo e poi si rivolga ad uno specialista in psichiatria.
https://www.instagram.com/psychiatrist72/
https://wa.me/3908251881139
https://swite.com/psychiatrist72

[#6] dopo  
Utente
Farò così ... l'unica cosa che non capisco e se i sintomi di un infarto possano presentarsi e poi sparire così, a 26 anni non posso farmi prendere da queste paranoie ne sono consapevole, nel frattempo cercherò di non preoccuparmi troppo, grazie ancora