Utente
Salve dottori
Come già spiegato in maniera più dettagliata nel consulto precedente dal 22 settembre sono in terapia con escitalopram, dal 14 novembre la dose mi è stata aumentata a 15 gocce.

Dall'inizio della terapia sicuramente ci sono stati miglioramenti, prima della terapia la quotidianità era diventata invivibile non riuscendo nemmeno più a mangiare.
Ora già da 1 mesetto gli attacchi di panico sono spariti e anche i momenti di ansia intesa, Man mano sto recuperando anche il piacere di mangiare, è sparita la nausea nervosa, mi percepisco molto più lucido soprattutto dal punto di vista emotivo e le uscite nonostante l'agorafobia sono più tranquille.
Diciamo che l'ansia fa parte ancora della mia vita ma almeno riesco a conviverci pacificamente, ho ancora quel timore di allontanarmi e una certa paura che possa venirmi da vomitare ma molto meno rispetto ad inizio terapia.

Stamani ho contattato lo psichiatra telefonicamente per aggiornarlo sulla situazione, secondo lui attualmente un aumento di dosaggio è inutile poiché la terapia va avanti da poco e sintomi come l'agorafobia fisiologicamente impiega più tempo a rientrare quindi conviene aspettare e vederci di persona dopo natale per fare il punto della situazione.

Volevo un vostro parere sulla vicenda e capire se questi risultati in poco più di 2 mesi di terapia possano ritenersi soddisfacenti

[#1]  
Dr. Francesco Saverio Ruggiero

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
AVELLINO (AV)
ISCHIA (NA)
TARANTO (TA)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2003
Prenota una visita specialistica
Il risultato della terapia è visibile dalla quarta settimana in poi non ha una scadenza specifica temporale per cui deve attendere e sottoporsi ai controlli come programmato.



Dr. F. S. Ruggiero


http://www.francescoruggiero.it
https://www.instagram.com/psychiatrist72/
https://wa.me/3908251881139
https://swite.com/psychiatrist72

[#2]  
Dr. Paolo Carbonetti

28% attività
20% attualità
16% socialità
VITERBO (VT)
TERNI (TR)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2008
Sono ottimi risultati, direi.
Il suo dottore ha ragione riguardo al fatto che per avere un miglioramento dell'agorafobia occorrano tempi più lunghi.
Il motivo è che l'agorafobia è la reazione psicologica ("normale" direi io) agli attacchi di panico, i quali sono il vero motore del disturbo, e comincia ad alleggerirsi dopo che sono scomparsi sia gli attacchi di panico veri e propri, sia eventuali fenomeni abortivi.
Dr. Paolo Carbonetti
Specialista in Psichiatra
Specialista in Psichiatria Forense
Viterbo-Terni-