Brintellix

Buongiorno dottori e grazie in anticipo per la disponibilità.

Sono stata dallo psichiatra per una depressione ansiosa con qualche pensiero ossessivo (sono seguita da 6 mesi da una psicoterapeuta).

Lo psichiatra mi avrebbe prescritto un farmaco come la paroxetina ma, viste le mie paure legate all'assunzione di psicofarmaci e al fatto che al primo segnale di problemi sessuali smetterei subito il farmaco, mi ha prescritto il brintellix spiegandomi che è un farmaco nuovo e non è testato su grossi numeri di persone quanto i medicinali classici.
Inoltre, visti i miei problemi di reflusso, mi ha prescritto anche il pantoprazolo per la nausea che dà.

Adesso ovviamente sono in dubbio pensando che per lo psichiatra il farmaco di prima scelta sarebbe stato un altro, con una storia molto più solida, che il brintellix sia più debole e non indicato per l'ansia e che è poco testato.

Le mie paure sono giustificate?

Grazie!
[#1]
Dr. Matteo Pacini Psichiatra, Psicoterapeuta, Medico delle dipendenze 43.5k 990 248
Ecco, così riceve un farmaco che asseconda le sue ossessioni, così infatti è qui a richiedere da capo rassicurazione. Inoltre, gran confusione: indicato per l'ansia che vuol dire ? Indicato se mai per la sua diagnosi. Se prende la diagnosi, la scompone a pezzi, dopo ci ragiona da solo leggendo qualcosa e quindi è indicato per la depressione, per l'ansia, per i sintomi corporei etc. Un modo di inquadrare le cose che non porta da nessuna parte, e non ha fondamento.

E' stato visitato, ha fatto la diagnosi, dopo di che ha spinto per ottenere una cura che non era quella individuata dal medico. Senza risolvere alcunché, visto che naturalmente se prima era l'effetto collaterale sessuale (non vedo poi il problema, se avesse un effetto del genere .... basta, chiuso, non ci sono altre mosse da fare secondo Lei ?), ora sono i ragionamenti sull'efficacia.

Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it
Libri: https://www.amazon.it/s?k=matteo+pacini

[#2]
dopo
Utente
Utente
Buonasera dottore,

Sicuramente è vero che troverei sempre qualcosa che non va e inizierei una cura farmacologica con gran fatica (essendo anche ipocondriaca).
Ma per me avere un calo della libido e faticare a raggiungere l'orgasmo non è cosa da poco a 37 anni.
Quali soluzioni ci sarebbero, visto che sono donna?
Grazie
[#3]
Dr. Matteo Pacini Psichiatra, Psicoterapeuta, Medico delle dipendenze 43.5k 990 248
Per nessuno è cosa da poco un effetto collaterale. Infatti in genere si cambiano le cure proprio per cercare di migliorare aspetti del genere. Ma questo è un ragionamento su un effetto che uno sta avendo, su quelli potenziali c'è effetto ed effetto, ci sono quelli da evitare perché controindicati e altri che si gestiscono se compaiono.

Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it
Libri: https://www.amazon.it/s?k=matteo+pacini

[#4]
dopo
Utente
Utente
La ringrazio dottore, la risposta è molto chiara.
Ora, avendo in mano la prescrizione del brintellix e sapendo che la risposta è soggettiva, come mai questo farmaco è tanto bisfrattato da quello che leggo in line, anche da alcuni psichiatri?
Lei cosa ne pensa?
Grazie
[#5]
Dr. Matteo Pacini Psichiatra, Psicoterapeuta, Medico delle dipendenze 43.5k 990 248
Non importa. Le cose che contano sono i dati. Il problema di questo farmaco, a quanto vedo, è che gran parte delle prescrizioni non avvengono secondo l'indicazione, così da rendere poi confusa sia la gestione della cura, sia la valutazione dei risultati.

Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it
Libri: https://www.amazon.it/s?k=matteo+pacini

Allergia ai farmaci

Allergia ai farmaci: quali sono le reazioni avverse in seguito alla somministrazione di un farmaco? Tipologie di medicinali a rischio, prevenzione e diagnosi.

Leggi tutto