Disposofobia

Sono 2 anni che la situazione sta degradando a casa.

Più ci penso, più mancano le energie per risolvere la cosa.

Da dove posso iniziare? Grazie.
[#1]
Dr.ssa Elisabetta Scolamacchia Psicologo, Psicoterapeuta 740 20 3
Gentile utente,
Può dirci qualcosa di più rispetto a quello che sta succedendo a casa? In che senso la situazione 'sta degradando'? Quale 'cosa' vorrebbe risolvere? Se non ci dice qualcosa di più preciso, difficilmente possiamo esserle di aiuto.
Un cordiale saluto

Dr.ssa Elisabetta Scolamacchia
Psicologa. Psicoterapeuta. Analista Transazionale

[#2]
Dr.ssa Valeria Randone Psicologo, Sessuologo 17.4k 317 528

Gentile Utente,
anche io, come la Collega le chiedo maggiori ragguagli.
Chi soffre di disposofobia?
Lei, i suoi cari?

La disposofobia è l'accumulo patologico, caratterizzato da un bisogno ossessivo/compulsivo di acquistare una notevole quantità di oggetti, anche se sono inutili, doppioni o addirittura nocivi per se e per l'ambiente

L'accaparramento compulsivo provoca ovviamente parecchi disagi al vivere in casa....

Cordialmente.
Dr.ssa Valeria Randone,perfezionata in sessuologia clinica.
https://www.valeriarandone.it

[#3]
Dr.ssa Angela Pileci Psicologo, Psicoterapeuta, Sessuologo 19.8k 508 41
Gentile signora,

magari potrebbe iniziare da un aiuto di persona e spiegare la situazione e ciò che soggettivamente La fa soffrire e Le fa dire che non ce la fa più.

In ogni caso, se lo desidera, ascoltiamo il Suo racconto.

Cordiali saluti,

Dott.ssa Angela Pileci
Psicologa,Psicoterapeuta Cognitivo-Comportamentale
Perfezionata in Sessuologia Clinica

[#4]
Utente
Utente
Gentilissime Dottoresse tutte,

grazie del Vostro cortese interessamento. Ho scritto complice LA STAMPA on line, per un suo articolo che rinviava al sito in cui Vi leggo.
Di disposofobia autodiagnosticata (mi sono riconosciuto in tantissimi racconti di altre persone) sono io: 53, laureato, single, omosessuale, impiegato privato.
Da sempre patito dell'accumulazione di carta (appunti, giornali, libri), pur sapendo che non potrò mai leggerla totalmente, consapevole che mi è nociva, ho aggiunto da qualche anno, confezioni di yogurt (ho problemi di peso eccessivo mai risolti), buste di minestre improbabili, anche perché non so cucinarmi.

Posso dare qualche esempio rispetto a quello che sta succedendo a casa: devo uscire di fretta, ho i minuti contati per l'entrata in ufficio o una riunione con amici e... non trovo le chiavi. Inizia una ricerca affannosa fra libri sul pavimento, carta (tantissima), custodie di cd, scarpe (spaiate), lettere non aperte di bollette. Succede spesso e sembra non voglia imparare mai la lezione.
Altro esempio: riempio sacchetti, separando rigorosamente la spazzatura. I sacchetti rimangono nell'ingresso per "tempo scaduto". Infatti, ho sempre qualcosa di piu' importante da fare fuori casa (ho milleuno interessi diversi)

Cosa soggettivamente mi fa soffrire è che la mia libertà viene progressivamente limitata, sia mentalmente che fisicamente: per raggiungere alcune stanze devo camminare su "cose" (più o meno importanti) indistintamente lasciate abbandonate a terra. Non posso invitare a casa nessuno. Penso spesso a come troveranno casa mio fratello e i miei nipoti (che frequento poco), quando dovranno entrarne in possesso (mi immagino di non risvegliarmi più una mattina... arrivo a pensare che il tutto avvenga fra qualche mese per l'ipertensione ereditaria).

Quale 'cosa' vorrei risolvere è la domanda più scabrosa. Non sono sicuro di volerne uscire, l'ordine mi deprime, eppure sono una persona razionale (una laurea) e caritatevole... sono contro gli sprechi... ma perdo una marea di tempo e sto rovinando la casa in cui abito. Non cambio stile di vita, nonostante il rischio "salute" sia elevato.
Tra l'altro dovrei anche andare dal medico e spiegare che ho perso gli esami del 2010, del 2011,ecc. Non avvicino il dentista, perchè non trovo gli esami del sangue appena richiesti ed effettuati... Non trovo il coraggio di comprare pantaloni nuovi a fronte di taglie enorme mai pensate raggiungibili.
Eppure, mi ci trovo bene.
E' il mio modo di protestare verso un Dio cattivo, di fare il clochard restando a casa.

Vi chiedo scusa. La richiesta di aiuto è autentica... ma poi ci ricamo sopra.

Grazie davvero.



[#5]
Dr.ssa Valeria Randone Psicologo, Sessuologo 17.4k 317 528
Gentile Signore,
quando si inizia ad avere coscienza di avere un problema, si è verso la strada della guarigione...
Se ha avuto il coraggio di scriverci e di guardarsi dentro, forse può trovare la forza di rivolgersi ad un nostri Collega per risolvere la sua problematica
[#6]
Dr.ssa Angela Pileci Psicologo, Psicoterapeuta, Sessuologo 19.8k 508 41
"Eppure, mi ci trovo bene."

Io direi che apparentemente ci si trova bene in questa situazione e Le spiego il perchè. Apparentemente questa situazione sembra rasserenarLa e far scendere una quota d'ansia che altrimenti dovrebbe gestire in altro modo.

Probabilmente per Lei la gestione del problema adesso è troppo complicata o così Le pare. Al di là del significato del sintomo (accumulare serve a qualcosa...), è prioritario intervenire per spezzare questo meccanismo in prima battuta, risolvendo poi la situazione.

Fare il clochard è una scelta indubbiamente, ma a Lei a cosa serve?
Probabilmente dietro questa "apparenza" ci sono difficoltà e timori di affrontare la vera vita, che non è fatta solo dalle responsabilità (es. lavoro) dalla razionalità (laurea) ecc... ma anche da una parte emotiva e affettiva che probabilmente ha nascosto sotto l'accumulo di carta...

Ritengo perciò che l'aiuto di persona di un Collega potrebbe davvero darLe una mano ad uscire dalla sofferenza patologica.

Che ne dice?
[#7]
Utente
Utente
Vi ringrazio molto.In questo momento non me la sento. Qualcosa mi allontana, ma resto vigile. Per adesso Vi ringrazio di cuore.G.
[#8]
Dr.ssa Angela Pileci Psicologo, Psicoterapeuta, Sessuologo 19.8k 508 41
Come Le ho già detto spezzare questa modalità è possibile, ma comprendo le Sue difficoltà e perplessità in quanto col tempo questi disturbi tendono a cronicizzarsi...

Cordiali saluti,
[#9]
Utente
Utente
Eccomi qua. Ringrazio nuovamente tutte le dottoresse. In particolare, alla Dr Pileci, ci tenevo a comunicare che ho seguito il suo consiglio.
Sto ancora male, soprattutto in termini fisici (temo siano insorte anche forme di allergie da polvere e acari), ma spero bene. Grazie ancora.
[#10]
Dr.ssa Angela Pileci Psicologo, Psicoterapeuta, Sessuologo 19.8k 508 41
Se ha contattato uno psicologo psicoterapeuta di persona ha fatto molto bene; spero riesca a fare luce e risolvere le problematiche quanto prima.

Cordiali saluti,
Ansia

Cos'è l'ansia? Tipologie dei disturbi d'ansia, sintomi fisici, cognitivi e comportamentali, prevenzione, diagnosi e cure possibili con psicoterapia o farmaci.

Leggi tutto