Problemi ad affrontare l'atto sessuale

salve,
ultimamente ho u problema che mi sta distruggendo, Vico con il mio fidanzato, una persona fantastica con cui vado molto d'accordo, e con cui ho avuto sin da subito una fantastica intesa sessuale. Purtroppo, ultimamente da quando le cose si sono fatte un po' più serie la sera quando andiamo a letto e lui tenta un approccio mi invento una serie di scuse come lui stesso mi ha fatto notare metto in atto un "gioco" per cui lui le tenta tutte e io faccio di tutto perché perda le speranze. Ma non perché non abbia voglia perché poi quando mi lascio andare mi piace tanto... Però lui ci rimane male e io non voglio perché nella mia vita non mi è mai capitato un uomo che mi desiderasse così, e non voglio spegnere la sua passione verso di me. Cosa devo fare?
[#1]
Dr. Sergio Sposato Psicologo 147 6 18
Gentile signora,

L'appagamento sessuale è legato a diversi fattori e gli aspetti psicologici giocano spesso un ruolo fondamentale. Lei scrive che in passato l'intesa sessuale con il suo attuale partner era buona, ma che attualmente tende a mettere in atto delle strategie volte a dissuaderlo dall'avere rapporti con lei, anche se nel momento in cui tali rapporti avvengono riferisce di sentirsi appagata. Il problema non sembra dunque legato all'atto sessuale in sé, ma piuttosto al momento che lo precede, ovvero all'intervallo tra le manifestazioni d'interesse del suo partner e il compimento dell'atto sessuale vero e proprio. Sarebbe utile cercare di capire da quanto tempo si verifica questa situazione e cosa sia cambiato tra il periodo in cui i suoi rapporti sessuali erano desiderati e la situazione attuale. Lei sembra attribuire la causa di questo "rifiuto" al progresso della vostra relazione ("da quando le cose si sono fatte un po' più serie"), per cui può darsi che ci sia qualcosa che la spaventa, ma è difficile stabilire di cosa possa trattarsi attraverso un consulto on-line. Le sue difficoltà potrebbero essere legate a esperienze negative passate, all'assunzione di responsabilità nei confronti del partner, all'incertezza per il futuro, alla paura che la storia possa finire, così come a molti altri fattori. Se quest'uomo le piace così tanto e se pensa di voler costruire un rapporto duraturo con lui, dovrebbe cercare di lasciarsi andare e di vivere i momenti d'intesa sessuale senza pensare a cosa potrebbe accadere in futuro. La strategia dell'evitamento, alla lunga, può rivelarsi inefficace: in primo luogo perché le impedisce di affrontare i problemi sottostanti al suo rifiuto di avere rapporti, in secondo luogo perché rischia di allontanare il suo partner. Provi a parare con lui dei suoi dubbi e gli chieda di sostenerla e aiutarla a superarli. Magari col tempo riuscirete nuovamente ad avere una vita sessuale soddisfacente. Se però la situazione non dovesse cambiare, potrebbe prendere in considerazione l'idea di richiedere una consulenza di coppia (o individuale, se preferisce) in modo da valutare la natura delle sue difficoltà e trovare una soluzione adeguata ai suoi problemi.


Cordialità

Dr. Sergio Sposato MSc, CPsychol, AFBPsS
Practitioner Clinical and Counselling Psychologist
EuroPsy Certificate (Clinical and Health Psychologist

[#2]
Dr.ssa Paola Scalco Psicologo, Psicoterapeuta, Sessuologo 4,1k 94 43
<<io faccio di tutto perché perda le speranze. Ma non perché non abbia voglia>>

E allora, per quale motivo cerca di dissuaderlo?
Come mai ha catalogato il suo consulto come "problemi di relazione" e non in "problemi in area sessuale"?
Se dovesse indicare una percentuale, nella vostra relazione quanto c'è di razionale e quanto di passionale?

Cordialmente,


Dr.ssa Paola Scalco, Psicologa
specialista in Psicoterapia Cognitiva e perfezionata in Sessuologia Clinica
ASTI-3315246947-paola.scalco@gmail.com

[#3]
dopo
Utente
Utente
Il motivo per cui cerco di dissuaderlo è quello che vorrei scoprire! L'analisi del suo collega potrebbe essere esatta, ossia paura di lasciarmi andare paura di soffrire! In passato sono stata traumatizzata da esperienze negative dai tradimenti ad "abbandoni" repentini, e quindi in tante cose mi rendo conto che faccio fatica a crederci davvero...
Ho catalogato questo consulto come "prolemi di relazione" perché il mio non è un problema durante l'atto ma un meccanismo di relazione verso di lui. Se dovessi indicare un percentuale dire 50% e 50%, l'unica cosa forse poco razionale è che lui è straniero americano, e fra due anni dovrà tornare in patria...
[#4]
Dr.ssa Paola Scalco Psicologo, Psicoterapeuta, Sessuologo 4,1k 94 43
<<lui è straniero americano, e fra due anni dovrà tornare in patria... >>

Beh, questo dato, scritto quasi "sottovoce", mi pare assolutamente degno di nota: cosa ne sarà di voi tra due anni? Lei lo seguirà?


[#5]
dopo
Utente
Utente
Progettare da qui a due anni con una persona con cui si è cominciata una storia da 6 mesi
è un tantino prematuro, anche perché si tratta di affrontare l'argomento matrimonio, visto che la differenza di cittadinanza non permetterebbe altra scelta.
La domanda è io lo seguirei? lascerei tutto per lui/noi? Si, ma solo perché si tratta di lui non per inseguire il sogno americano, e solo perché sicuramente lui con il suo lavoro ha molto più da perdere che io nella mia precarietà italiana, lo seguirei anche se non dovesse tornare in America e se non fosse americano, la domanda forse è lui vorrebbe che io lo seguissi? E forse il mio inconscio vuole scoprire...e mi gioca brutti scherzi!
[#6]
Dr.ssa Paola Scalco Psicologo, Psicoterapeuta, Sessuologo 4,1k 94 43
<<nella mia vita non mi è mai capitato un uomo che mi desiderasse così>>
<< la domanda forse è lui vorrebbe che io lo seguissi?>>

Quindi il problema è riuscire a pensare di meritarselo un uomo, che per Lei è così importante?
Riuscire a fidarsi dei suoi sentimenti ed affidarsi alle sue braccia?

Stia attenta a non mettere in atto comportamenti di "autosabotaggio" della sua felicità: più che scoprire quanto lui tenga a Lei, rischia di allontanarlo perché magari si mostra poco convinta (per vari motivi) della relazione e proprio per questo anche lui potrebbe decidere di non investirci su più di tanto.
Inoltre, a fronte di un futuro che non è comunque prevedibile, non si vive a pieno un presente che di per sé sarebbe positivo.

Forse le potrebbe essere utile approfondire le sue riflessioni di persona con un nostro Collega, in modo da salvaguardare questo bel rapporto e ritrovare serenità e soddisfazione anche nella sessualità di coppia.

Saluti.

[#7]
Dr. Carla Maria Brunialti Psicologo, Psicoterapeuta, Sessuologo 14,5k 451 103
Talvolta si perde l'oggi pensando al domani. E poi si perde anche il domani...

Dr. Carla Maria BRUNIALTI
Psicoterapeuta perfezionata in Sessuologa clinica, Psicologa europea.
www.linkedin.com/in/brunialtisessuologaclinica/

Ansia: sai riconoscerla? Scoprilo con il nostro test