Masturbazione eccessiva e problemi di erezione

sono un ragazzo di 22 anni, da quando ne avevo 10 mi masturbo tutti i giorni.
Purtroppo e' una cosa pesante, spesso il pene mi faceva male se superavo i 5-6 orgasmi per un po' di giorni, ma comunque il giorno dopo anche se mi fa' male non riesco a non masturbarmi di nuovo per 2 o 3 volte spesso con fuoriscita di sperma minimo e totalmente trasparente.
Nei ultimi anni ho diminuito il numero di volte, ma comunque ogni giorno devo masturbarmi dalle 2 alle 4 volte, e nei ultimi mesi sono riuscito addirittura a saltare dei giorni.
Purtroppo ho iniziato ad avere un problema che cercavo di non considerare ma ormai mi sembra l'ora di chiedere aiuto a qualcuno.
Ho cercato di leggere il piu' possibile su altre consulenze, le risposte sono che la masturbazione non fa male, pero' non vedo altre soluzioni.
La prima volta che ho avuto un rapporto sessuale, anche se sono un bel ragazzo in viso e ho un bel fisico(ma non sapevo come parlarci con le ragazze dopo alcuni rifiuti da piccolo) e' stato a 18anni, e fin dalla prima volta ho avuto problemi di erezione, al contrario di quando mi masturbo la ragazza si e' dovuta impegnare veramente tanto, ma comunque era la prima volta, quello che mi ha un poco preoccupato e' che fino a pochi mesi fa avevo erezioni spontanee continue, durante l'estate con il caldo, soprattutto se sono seduto contavo anche 15 erezioni spontane, e quando uscivo con una ragazza(dopo la prima volta ho avuto rapporti continui e con molte ragazze diverse) era normale, che avessi erezioni continue.....ma questo valeva solamente per le prime volte, perche' in alcune occasione quando sapevo per certo che stavo andando da lei perche' volevamo avere un rapporto mi si bloccava tutto, oppure avevo l'erezione e nel momento in cui doveva avvenire la penetrazione perdevo l'erezione.
Questo problema era una cosa occasionale e non sempre ci pensavo, e fino ad ora non mi preoccupava, ma purtroppo nei ultimi 6 mesi circa(vivo da 3 anni all'estero e fino a 1 anno e mezzo fa non avevo rapporti sessuali con nessuno) ho riscontrato che uscendo con una ragazza al primo appuntamento ho leggere erezioni e dopo le prime uscite, piu' il clima si fa' eccitante piu' ho difficolta' ad avere un'erezione, e pure a casa, anche se mi sento molto eccitato non ho erezioni, a meno che non mi masturbi.
Invece quando mi astengo anche solo per 1-2 giorni, torno come prima, mi sento pieno di energie e ho erezioni spontanee e durature anche per ore, ho anche riscontrato che provo un orgsmo molto piu' forte, mentre invece con il passare degli anni e senza interrompere la maturbazione a volte non provo niente o quasi nel rapporto sessuale, non come orgasmo, ma durante l'attivita' stessa(ma sono eccitatissimo).
Quindi, non e' che la continua masturbazione abbia diminuito la sensibilita' del pene stesso causando a tratti l'impotenza? Al di la se fa male o no la masturbazione vorrei un rimedio per smettere, perche' questa NON e' vita.

PS faccio uso di pornografia e immaginazione
[#1]
Dr. Sergio Sposato Psicologo 147 6 18
Gentile ragazzo,

La masturbazione è una tappa fisiologica dello sviluppo sessuale. Durante l'adolescenza, l'incremento del livello di ormoni provoca un aumento del desiderio sessuale e, di conseguenza, le erezioni spontanee e il desiderio di masturbarsi si presentano con maggiore frequenza. Crescendo però sia il numero di erezioni spontanee, sia la frequenza della masturbazione, decrescono. Ciò potrebbe spiegare perché, rispetto a quando era adolescente, presenta un numero minore di erezioni spontanee e riesce a non masturbarsi tutti i giorni. La masturbazione, come lei stesso scrive, non ha conseguenze dannose per la salute, a meno che non si ecceda. In tal caso si possono causare escoriazioni epidermiche sull'asta peniena che possono provocare dolore. Lo sfregamento eccessivo può dunque risultare doloroso. Inoltre, la continua secrezione di flusso supermatico ne riduce temporaneamente la quantità, la portata e può causare la riduzione del desiderio sessuale. Si tratta di condizioni temporanee che si risolvono spontaneamente sospendendo la masturbazione per il tempo necessario all'organismo per produrre un nuovo pull di spermatozoi. È dunque molto difficile che la masturbazione possa aver ridotto in maniera cronica la sua sensibilità genitale. Ovviamente, se lei sospende la masturbazione per qualche giorno potrà favorire l'aumento del desiderio. Ciò potrebbe contribuire ad accrescere i tempi di erezione e a rendere più appagante il coito. Per quanto riguarda il suo desiderio di masturbarsi, come già sta avvenendo, dovrebbe diminuire progressivamente col passare del tempo. Se così non fosse e se la cosa dovesse causarle ulteriori disagi, la invito a richiedere una consulenza diretta presso uno specialista della sua zona. In tal modo avrà la possibilità di analizzare accuratamente le dinamiche psicologiche sottostanti al suo desiderio di masturbarsi e di individuare le strategie più adeguate per affrontarle.

Cordialmente

Dr. Sergio Sposato MSc, CPsychol, AFBPsS
Practitioner Clinical and Counselling Psychologist
EuroPsy Certificate (Clinical and Health Psychologist

[#2]
Dr. Carla Maria Brunialti Psicologo, Psicoterapeuta, Sessuologo 14,3k 446 103

Gentile utente,
Come correttamente dice Lei, "Al di la se fa male o no la masturbazione" Lei vorrebbe essere libero di decidere se avere una vita sessuale di coppia e di "funzionare".
La ricetta l'ha individuata:
"Invece quando mi astengo anche solo per 1-2 giorni, torno come prima, mi sento pieno di energie e ho erezioni spontanee e durature anche per ore, ho anche riscontrato che provo un orgasmo molto piu' forte". Corretto.

Qui più che di masturbazione, il problema è di compulsione, e della conseguente impossibilità di decidere cosa fare di questo comportamento sessuale (ad es. sospenderlo temporaneamente) dato che ormai è fortemente radicato nell'abitudine.
Tuttavia quando si ha un obiettivo preciso è più facile modificare le proprie abitudini, in questo caso l'obiettivo è il "funzionamento con le ragazze".

Dr. Carla Maria BRUNIALTI
Psicoterapeuta perfezionata in Sessuologa clinica, Psicologa europea.
www.linkedin.com/in/brunialtisessuologaclinica/

[#3]
dopo
Utente
Utente
Grazie tante per le vostre risposte, voglio chiedere quindi, le escoriazioni epidermiche sull'asta peninea sono permanenti? E seasi esistono rimedi??

Spesso avevo dolori molto forti al glande tanto da non riuscire a camminare normalmente, può avere qualche ripercussione con gli anni o non devo preoccuparmi??

Riferendomi alla risposta della Dr. Carlamaria Brunialti di mettermi come obbiettivo il funzionamento con le ragazze, il problema è che nel ultimo periodo con quello che mi è successo cerco di evitare di vedere una ragazza senza prima astenermi per un paio di giorni, solo che è difficile combinare appuntamenti con il desiderio di masturbarmi quindi in genere salto gli appuntamenti o faccio brutte figure, o almeno, in genere perchè il vero piacere è dare piacere, quindi senza erezioni totali non mi soddisfa dal mio e suo punto di vista.

Ultima cosa, so che sembrerà una domanda stupida, ma non esistono medicinali in grado di "calmare"?? Se come credo non esistono, che altri rimedi ci sono oltre alle sedute dallo psicologo??
[#4]
Dr. Carla Maria Brunialti Psicologo, Psicoterapeuta, Sessuologo 14,3k 446 103
Riguardo alle escoriazioni e dolore, una visita urologica non sarebbe male... ci si va con l'impegnativa del proprio medici o privatamente.


"cerco di evitare di vedere una ragazza senza prima astenermi per un paio di giorni, solo che è difficile combinare appuntamenti con il desiderio di masturbarmi quindi in genere salto gli appuntamenti".

Intendevo dire proprio questo con la parola "compulsivo", non riuscire ad astenersi.

Per i medicinali occorre rivolgersi ad un medico, può girare qs richiesta all'urologo qui in MEDICITALIA. Tenga conto però che una consulenza con il Sessuologo le permette di capire dove sta il problema e perchè, e non solo di "calmarlo".
[#5]
Dr. Andrea Epifani Psicoterapeuta 123 2
Gentile Utente,
come ha scritto la collega Brunialti, qualora non riuscisse a decidere spontaneamente se e quando masturbarsi, mostrando quindi segni di un comportamento compulsivo, il consiglio è quello di effettuare una consulenza psicologica. I comportamenti compulsivi possono essere trattati con metodologie di tipo comportamentale e possono essere compresi nei loro significati meno espliciti. Intanto potrebbe provare a ridurre il numero di masturbazioni autonomamente e gradualmente, al di là del concreto appuntamento con una ragazza.

Cordialmente,

Dr. Andrea Epifani - Bologna
http://BolognaPsicologo.net

[#6]
Dr. Sergio Sposato Psicologo 147 6 18
Gentile ragazzo,

Le escoriazioni non sono permanenti. Si risolvono spontaneamente evitando la masturbazione per qualche giorno. Per il dolore invece, la visita urologica consigliata dalla collega resta la migliore alternativa.


Cordialmente
[#7]
Dr.ssa Valeria Randone Psicologo, Sessuologo 17,4k 316 668
Gentile Utente,
Mi associo ai collegi nella risposta.
È di fondamentale importanza, dopo una visita andrologica, comprendere il perché del suo autoerotismo compulsivo e soprattuto comprendere le cause del suo disagio sessuologico, il passaggio dal " piacere solitario " a quello " condiviso" non è sempre facile...

Le allego delle letture



https://www.medicitalia.it/minforma/psicologia/1225-deficit-erettile-un-problema-di-coppia-il-ruolo-della-partner.html

https://www.medicitalia.it/blog/psicologia/1150-autoerotismo-e-sensi-di-colpa.html
https://www.medicitalia.it/minforma/psicologia/1350-la-masturbazione-ed-il-concetto-di-piacere.html-

Cordialmente.
Dr.ssa Valeria Randone,perfezionata in sessuologia clinica.
https://www.valeriarandone.it

[#8]
dopo
Utente
Utente
Quindi può essere una soluzione al posto dell'astinenza totale, eseguire la masturbazione senza l'utilizzo di qualsiasi materiale pornografico?? (Comunque rimane molto difficile pure questa)

Se si, devo considerare vietato pure i video e foto da me fatte con la mia ragazza??

Quali argomenti vorresti approfondire su Medicitalia? Partecipa al sondaggio