Tradimento

Ho una storia da due anni e da qualche mese convivo l anno scorso c eravamo lasciati per qlk mese continuandoci comunque a vedere perche lui diceva chr non gli lasciavo i suoi spazi tornati insieme tutto bene e felici qualche tempo fa scopro che dopo circa una settimana che non stavamo insieme lui e andato a letto con un altra e l ha vista comunque x un po messo davanti al fatto lui subito a negato poi m ha detto lo so ho sbagliato in quel periodo ero fiorito ma da quando ho deciso di tornare con te avevo chiiso tutto ho capito che sei quella giusta se sono venuto ad abitare con te e xke ho deciso d vokere un futuro con te voglio costruire una famiglia voglio invecchiare con te mettiamoci una pietra sopra...lui ha detto tutte queste cose pero cioe questa xsona l ha conosciuta quando stavamo insiene e le ha lasciato il telefono lui a qst ha risposto lonso ha sbagliato infatti poi t ho lasciata premesso che ai tempi divendomi ti lascio xke non mi lasci i miei spazi m stai tr addosso sei gelosa io ho passato dei mesi bruttissimi cercando di lavorare su me stessa e prima d tornare insieme lui m diceva vogkio vedere se sei veramente cambiata poi la colpa invece era tutta sua visto che c rivedavamo e intanto andava con quella la ma poi ha capito che m amava erano scuse quelle che ha usato per lasciarmi...io lo amo vivo ccon lui adesso non lo lascerei mai lui m ha dato dimostrazione che quella e stata una sbandata xo io non riesco a non pensarci ed ora nn m fido lo controllo continuamente. Grazie
[#1]
Attivo dal 2014 al 2015
Psicologo, Psicoterapeuta, Sessuologo
Gentile ragazza,
comprendo il suo dolore e la sua costernazione...

Il tradimento rappresenta un dolore troppo grande, una sconfitta, una ferita alla nostra autostima, ma dal momento in cui, però, decide di perdonarlo e di fidarsi di lui, dovrebbe realmente farlo... questo perché le impedirebbe di vivere nell'ansia e nel tormento continuo.

Questo controllo e questo pensiero, direi, quasi "ossessivo" potrebbero indurla a non essere serena sia nel campo relazionale che sessuale.

Riesce a lasciarsi andare in questa relazione? Ad essere se stessa?

Provi a riflettere, anche sul perché io fatico a rimanere "ancorata" a questo dubbio..

Dice di aver lavorato su di se'... nel senso che ha fatto un percorso di sostegno o psicoterapia?


Siamo in ascolto.

Un caro saluto
[#2]
dopo
Utente
Utente
Io avevo cercato di capire in csa avevo sbagliato cercando d migliorare senza l aiuto d nessuno ma poi scoprendo che le motivazioni che m erano state date quando ero stata lasciata erano bugie non sa la delusione lui giura e spergiura che ha troncato tt qnd eravamo ritornati insieme xke aveva capito qnt ero importante io lo amo vorrei solo dei consigli x cercare d provare a superare questo brutto momento
[#3]
Attivo dal 2014 al 2015
Psicologo, Psicoterapeuta, Sessuologo
Gentilissima,

perdonare un tradimento sembra possa essere impossibile (perché si infrange la fiducia nell'altro), ma si può provare a superarlo.

Fondamentale è non aggiungere "ansia" al rapporto, nel senso di diventare "ossessive" con le richieste (conoscere i "dettagli" dell'altra storia; eccessiva intimità; analizzare ogni piccolo gesto, soprattutto in ambito sessuale, etc.), ma dipanare questo groviglio di emozioni negative, che mi impediscono di vivere il presente.

Avrà perdonato, realmente, quando questa angoscia non la accompagnerà più nel suo quotidiano e riuscira' ad essere se stessa!

Certo si tratta di riuscire ad elaborare questo vissuto, così proprio come un lutto.

I fattori che contribuiscono al tradimento possono essere diversi, e diverse le modalità con cui si reagisce.

Come può immaginare si individuano dinamiche molteplici e complesse, che andrebbero individuate, chiarificate ed elaborate in un setting strutturato, dove la coppia ad es. potrebbe confrontarsi e riuscire a ripristinare un suo equilibrio, ristrutturando la sua idea di rapporto.

Se questo suo malessere dovesse persistere, accolga la riflessione di un confronto con un professionista, almeno individualmente!


Siamo in ascolto.


Un caro saluto

[#4]
Dr.ssa Valeria Randone Psicologo, Sessuologo 17,4k 317 668
[#5]
dopo
Utente
Utente
Nella vita faccio la commessa in un panificio qst x me è un anno difficile il24marzo è mancata la mia mamma mio papà ha un altra compagna molto piu giovane d lui da cui ha avuto due gemelli e non lo vedo da mesi e l amore e l unika csa che m resta su cui contare e questo che voglio superare qst csa
[#6]
Attivo dal 2014 al 2015
Psicologo, Psicoterapeuta, Sessuologo
Accolgo con empatia il suo grande dolore ...


La perdita di una madre e, metaforicamente, anche quella di un padre...

Comprensibile il suo attaccamento all'amore!


Un saluto affettuoso.


[#7]
Dr.ssa Valeria Randone Psicologo, Sessuologo 17,4k 317 668
L'amore è l'unica cosa che le resta, ma non può doventare un bisogno....deve rimanere sempre un piacere.

Si fermi un attimo a pensare, un aiuto sarebbe utile, visto anche quello che ha appena scritto di lei....così tanti dolori e perdite.

Ansia: sai riconoscerla? Scoprilo con il nostro test