Utente
Buonasera,
frequento un corso di laurea triennale, abbastanza complesso. Premettendo che ho tentato il test di medicina e non sono riuscita a passarlo per ben 3 volte, ho comunque trovato una via di scampo, sono riuscita ad iscrivermi a questo corso di laurea... ma anche qui ho trovato problemi, perchè ho subito un ripescaggio, esattamente nella prima sessione d'esame, sballandomi tutto l'anno scolastico.
Di lì a poco, ho pensato di dare gli esami attinenti al secondo semestre, ma ero in uno stato confusionale, non riuscivo a concentrarmi, ad ordinare la mia mente. Alla fine, non ho superato nessun esame, tant'è che sono al secondo anno, e nonostante tutto ho cercato di dare del mio meglio, ma ne ho dati davvero pochi e con scarsi risultati.
Proprio oggi ho dato un esame, e non l'ho passato per l'ennesima volta; pensare che erano esercizi davvero stupidi, in tranquillità li avrei svolti al meglio. Invece non ci sono riuscita. Per di più, dopo la notizia, alcuni hanno trovato il mio insuccesso come qualcosa su cui ridere.
Il giudizio degli altri mi da fastidio, mi pesa, non riesco ad accantonarlo, perchè mi circonda ad ogni ora del giorno...
A casa non mi aiutano, mi dicono di studiare di più ma sono sempre allo stesso punto: l'esame mi mette ansia e non riesco a superarlo.
Quelli che ho passato erano davvero facili, e li ho passati quasi per inerzia.
Questa università mi distrugge, faccio davvero fatica a farmi valere, non riesco nemmeno ad essere competitiva (perchè un pizzico di competizione ci vuole).
Eppure mi ritrovo a fare davvero fatica, a piangere ogni volta vada male...
I miei genitori si aspettano tanto da me, questo si aggiunge a tutti i problemi che ho.
Vorrei puntualizzare che mi piace studiare, sono molto curiosa. Ho voglia di studiare, di applicarmi, ma non riesco a gestire l'ansia, e questo mi deconcentra dall'esame che sto per affrontare.
Chi mi capisce è il mio ragazzo, nella stessa situazione universitaria e una mia amica che è riuscita a passare questa situazione.
Non so come fare, avreste un consiglio da darmi?
Come posso concentrarmi durante gli esami? Come posso incanalare la grinta che so di possedere, ma che non applico alla vita reale?

[#1]  
Dr.ssa Laura Rinella

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
12% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2010
<A casa non mi aiutano, mi dicono di studiare di più ma sono sempre allo stesso punto: l'esame mi mette ansia e non riesco a superarlo.
I miei genitori si aspettano tanto da me, questo si aggiunge a tutti i problemi che ho.>

Gentile Ragazza,
una quota di ansia eccessiva è nemica della concentrazione, dello studio e di buone performance.
Il comportamento dei suoi genitori, come anche ha riferito in un precedente consulto, sembra non aiutarla ma, anzi sostenere involontariamente il problema.

Aspettative elevate dei suoi e anche sue, il timore del giudizio e di un possibile fallimento, concorrebbero ad alimentare il problema.

Le suggerisco di rivolgersi direttamente a un nostro collega, solo ansia come le viene detto non significa nulla se non sottovalutare il suo disagio, occorre gestirla, affrontarla in modo efficace, risolverla.

Si può rivolgere a un professionista privato oppure al servizio pubblico, ad esempio al Consultorio Familiare ASL del suo territorio.

Un caro saluto
Dr.ssa Laura Rinella
Psicologa Psicoterapeuta
www.psicologiabenessereonline.it

[#2] dopo  
Utente
La ringrazio, ho già provato a parlare con i miei genitori ma non ha funzionato, l'ho fatto più volte...

[#3]  
Dr.ssa Laura Rinella

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
12% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2010
Certo, il problema va risolto allora in un modo differente, lei è maggiorenne e può decidere in modo autonomo di rivolgersi a un nostro collega.

Se crede ci potrà far sapere com'è andata.

Dr.ssa Laura Rinella
Psicologa Psicoterapeuta
www.psicologiabenessereonline.it

[#4]  
Dr. Antonio Vita

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
0% attualità
20% socialità
RECANATI (MC)

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2007

Gentile Utente,

Ai miei tempi l'Università era una brutta bestia. I professori ascoltavano, spesso, soltanto se stessi. Oggi è possibile abbordarla e seguire le lezioni.
Dopo avere studiato, e magari, dopo aver fatto appunti e schemi, faccia degli esercizi di ripasso a VOCE ALTA, come se stesse davanti al suo professore.
Reciti, e ripassi, giorno dopo giorno, a casa sua, e si faccia ascoltare da qualcuno. Questa è una buona preparazione per gli esami orali.

OK?

Provi e ne riparleremo.

Auguri e buon lavoro.
Dott. Antonio Vita
62019 - Recanati (Mc)
antonio.vita@psicovita.it
sito web: www.psicovita.it

[#5] dopo  
Utente
La ringrazio davvero molto.
Comunque vi faccio sapere volentieri, ho infatti pensato di andare al consultorio, una mia amica me l'ha consigliato.
Vi ringrazio davvero molto, siete stati ottimi consiglieri.

[#6]  
Dr.ssa Laura Rinella

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
12% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2010
Lieta di averla ascoltata unitamente al Collega, ci farà piacere ricevere sue nuove.

Un grande in bocca al lupo
Dr.ssa Laura Rinella
Psicologa Psicoterapeuta
www.psicologiabenessereonline.it

[#7]  
Dr. Antonio Vita

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
0% attualità
20% socialità
RECANATI (MC)

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2007



Va bene, si faccia vedere. Ma la determinazione dipende da lei, non dimentichi, e così l'esercizio a rispondere.
Dott. Antonio Vita
62019 - Recanati (Mc)
antonio.vita@psicovita.it
sito web: www.psicovita.it