La mia ex mi ha lasciato, ma voglio riconquistarla

Ciao a tutti,
ho una storia un pó complicata con la mia purtroppo ex ragazza.
Cerco di riuscire a scrivere tutto.
Siamo stati insieme 5 anni, poi io per trovare un lavoro migliore sono andato all'estero a lavorare (800km dalla mia cittá). Dopo 5 mesi ci siamo lasciati perchè lei era sempre nervosa e sembrava non provare sentimenti abbastanza forti, alché mi sono spazientito anche io ed ho detto ok va bene, rimanendo comunque in buoni rapporti, anche se ho covato del risentimento per il suo comportamento.
Lei ha continuato a cercarmi nei mesi successivi, ma non le davo troppo retta. Nel frattempo abbiamo avuto entrambi una breve avventura.
Ritorno nella mia cittá e lei si presenta a casa mia, capisco che vuole tornare con me, ma io non volevo. Alla fine peró ci ricasco, mi fa capire che vuole stare con me sul serio, ecc, ma io rimango freddo. L'ho portata comunque un pó di giorni con me dove lavoro e siamo stati molto bene alla fine, anche se non ho voluto espormi troppo. Lei voleva ritornare con me e migliorare il rapporto, ma io non le davo ascolto.
Poi lei é andata via ed ho capito che l'amavo, ma il danno l'avevo fatto ormai. All'inizio tutto bene, poi é andata a fare uno stage e li ha incontrato uno che la fatta uscire fuori di testa (1000 km di distanza). Lei mi ha lasciato di nuovo e all'inizio sono impazzito poi mi sono calmato, ho cercato di capire la situazione, ma lei era partita con la testa ormai.
Sono tornato poi di nuovo in italia, ho cercato di passare del tempo con lei e sembravamo fidanzati, tanta nostalgia da parte sua immagino anche. L'ho portata a cena, fuori dalla cittá, ci siamo tenuti per mano, abbiamo fatto l'amore una volta, ma lei non riusciva e non voleva sbloccarsi. In quei giorni le ho fatto anche un pó di pressione per la cosa, sbagliando, ma volevo che capisse i miei sentimenti.
Prima di andarmene le ho lasciato una lettera, non smielata dedicandogli una canzone carina, dove le facevo capire cosa provavo e che anche se rispetto la sua scelta, questa non la condivido.
Mi ha scritto poi che la lettera le é piaciuta e giorni dopo della canzone mi ha scritto una faccina col cuoricino che non aveva capito subito cosa doveva fare.
A parte questi due messaggi (10 giorni oggi) dove ho risposto breve ed ho chiuso subito la conversazione al secondo messaggio, non ci stiamo piú sentendo.
Lei so che é convinta di questa decisione che ha preso ora, non so se é presa, innamorata, se vuole scoprire meglio se stessa, non capisco. Sembra tornata adolescente. Su facebook mette strani stati e non capisco a chi li rivolge, ma non do peso e penso ai cavoli miei per il momento.
Pensavo di aspettare qualche settimana e di scriverle solo un ciao come stai, e provare a ristabilire piano piano un contatto via sms.

Vi chiedo a voi esperti, se secondo voi c'é una possibilitá ancora che lei possa tornare con me, visti i comportamenti avuti. So che mi vuole molto bene, ma voglio riconquistarla e forse non mi amerá davvero piú. Cosa ne dite?
[#1]
Dr.ssa Laura Rinella Psicologo, Psicoterapeuta 6,3k 119 7
Gentile Utente,
spesso le distanze complicano, allontanano, a volte creano nuove consapevolezze.
Per tornare insieme bisogna volerlo in due. Per ora la volontà sembrerebbe essere solo sua...
Non possiamo sapere cosa abbia la sua ragazza in testa, quali possibilità voglia concederle in futuro, cosa potrà accadere.

Non essere pressante, ma discreto come lei ha detto, è rispettoso dei bisogni della sua ex ragazza e non controproducente.
Non esistono strategie specifiche per riconquistare...l'amore è un'alchimia fatta di molte cose.
Quanto accadrà davvero non lo possiamo sapere...dia tempo al tempo che aiuterà entrambi a comprendere meglio.

Cari auguri

Dr.ssa Laura Rinella
Psicologa Psicoterapeuta
www.psicologiabenessereonline.it

[#2]
dopo
Utente
Utente
Grazie per la veloce risposta.

Purtroppo é vero che la distanza non aiuta. Ovviamente stando da solo a scoperto anche lati di se stessa (come me anche) che prima non conosceva, anche perchè aveva 15 anni ed io 20 quando abbiamo iniziato la relazione.
Dire strategie suona male, cerco solo di evitare di fare errori che possano peggiorare le cose.
Ora le lascio i suoi spazi rispettoso dei suoi bisogni, credo abbia bisogno di capire cosa vuole davvero, ma deve farlo da sola evidentemente.
É meglio sparire ed aspettare lei o far raffreddare la situazione qualche settimana e provare a scriverle dei messaggi per reinstaurare, molto lentamente, un legame affettivo? Vorrei che non si sentisse pressata ma allo stesso tempo che capisca che io ci sono e non sparisco.
[#3]
Dr. Magda Muscarà Fregonese Psicologo, Psicoterapeuta 3,7k 146 11
Gentile utente, fa bene a non pressarla, ma deve trovare la misura e il modo per essere presente nella sua vita in modo meno controllato, più caldo e meno anche.. mi consenta.. risentito.. questo periodo di assenza fisica può essere utile appunto per chiarirsi sentimenti emozioni, possibili alchimie.." vorrei che capisca che io ci sono e non sparisco" ci dice , ma più che capire questa ragazza deve " sentire"il calore dell'amore..Non crede ?
Tenga anche conto che vi siete messi insieme molto giovani, quindi le oscillazioni delle emozioni e dei sentimenti sono possibili e frequenti..
Restiamo in ascolto..

MAGDA MUSCARA FREGONESE
Psicologo, Psicoterapeuta psicodinamico per problemi familiari, adolescenza, depressione - magda_fregonese@libero.it

[#4]
dopo
Utente
Utente
Purtroppo ieri c'é stato uno sviluppo inaspettato. La madre le ha detto che non stavo molto bene, per via di alcuni atteggiamente che ho avuto di cui é venuta a sapere, li ha detti alla figlia, e giustamente lei mi ha chiamato per sapere cosa stava succedendo, dicendomi che la madre la sta facendo impazzire e mi chiedeva se stessi impazzendo o per morire (ero solo un pó arrabbiato con la madre).
Io ho cercato di rimanere calmo con lei, anche se alzando un pó la voce, ma non mi stavo arrabbiando con lei, e le ho detto alla fine stavo bene ed ero tranquillo, che avevo parlato solo con i miei genitori e bom. Le ho detto ci sentiamo piú avanti quando la situazione si calma ed ho detto a sua mamma di farsi gli affari suoi.

Ora lei mi vedrá come un bimbo piagnucoloso, non lo so questo, dopo ieri non vedo piú nessuna via d'uscita :(
[#5]
Dr.ssa Laura Rinella Psicologo, Psicoterapeuta 6,3k 119 7
<La madre le ha detto che non stavo molto bene, per via di alcuni atteggiamente che ho avuto di cui é venuta a sapere...ed ho detto a sua mamma di farsi gli affari suoi.>

Cioè che è accaduto? Come avrebbe saputo? Ha chiamato lei la madre?

Coinvolgere le famiglie per quanto riguarda un rapporto di coppia e il suo andamento spesso non fa altro che complicare le cose.
[#6]
dopo
Utente
Utente
Ho avuto uno sfogo con mia madre, che ha parlato con la madre della mia ex, che ha chiamato la figlia per dirgli che stavo impazzendo.
L'unica cosa che volevo fare era sfogarmi e parlarne, assolutamente non volevo coinvolgere nessun altro delle famiglie, sopratutto per evitare queste cose.

La mia ex oramai sa che non sono del tutto a posto e che sto soffrendo, anche se ho smentito in gran parte dicendo che fino a poco prima di quello sfogo stavo comunque bene, non avevo nessun tipo di problema (che é vero tra l'altro). La sentivo comunque che non vedeva l'ora di staccare la telefonata, anche perchè l'effetto che le faccio stando lontano é di completa indifferenza credo, oltre al fatto che sta vivendo sicuramente un'infatuazione, se non giá una storia, con qualcuno.

Ora mi sono ritirato in silenzio, per un pó non parleró con nessuno e cerco di risollevarmi un pó il morale, che é tornato sotto terra. Sono di nuovo nella fase in cui tutto ha perso valore.
[#7]
Dr.ssa Laura Rinella Psicologo, Psicoterapeuta 6,3k 119 7
<Ho avuto uno sfogo con mia madre, che ha parlato con la madre della mia ex, che ha chiamato la figlia per dirgli che stavo impazzendo.>

Allora bisognerebbe tenere bene in conto l'effetto che gli sfoghi con sua madre (forse di segno forte?), provocano. Come può constatare in questo modo le cose si complicano. Com'è il rapporto con sua madre?
Quanto sarebbero implicate le vostre rispettive famiglie nel vostro rapporto? Sfogo di che tipo?Ha forse difficoltà a gestire la rabbia?

<Sono di nuovo nella fase in cui tutto ha perso valore.> Comprensibile data la recente rottura e i fatti poi accaduti, una perdita è comunque un lutto da elaborare.

Isolarsi non aiuta a distrarsi, dare aria alla propria vita, uscendo, vedendo amici, un po' di sport ...
Com'è la sua vita al di fuori di questo rapporto?
[#8]
dopo
Utente
Utente
Le nostre famiglie erano molto coinvolte, infatti adesso ho deciso di non parlare piú con loro, altrimenti troppe informazioni, a volte errate o ingigantite, provocano un effetto molto negativo ho visto.
Lo sfogo era di rabbia, ma non verso la mia ex, ma verso sua mamma che peggiora troppo le cose ogni giorno (sentendo la mia ex ieri ho capito questo).
Purtroppo sua mamma é una presenza molto forte, attacca la figlia continuamente, sia sulle scelte che sui suoi modi di fare, é questo sento che sta incidendo gravemente sui suoi sentimenti nei miei confronti. Non riesce ad avere con lei un colloquio da madre a figlia insomma.

Aldilá di tutto, faccio sport, lavoro molto ed ho qualche amico. Non ho problemi a relazionarmi, quando posso esco con loro ecc. Da qualche giorno avevo ripreso a vivere la mia vita senza pensare ad altro...

Quali argomenti vorresti approfondire su Medicitalia? Partecipa al sondaggio