Ansia impressionante, diarrea e mal di stomaco

Buongiorno

È da qualche giorno che mi sento una morsa al petto che non va via, credo sia ansia causato da un litigio con il mio ragazzo. Ora dopo 2 gg mi ritrovo ad avere diarrea senza mal di pancia e bruciori allucinanti allo stomaco...
Premetto che ho messo a posto le cose con il mio ragazzo ma ho ancora questa ansia che mi assale, di notte mi continuo a svegliare e a pensare a quello che ci siamo detti..
Ora che è tutto a posto perchè ho ancora questi sintomi ?
Non li ho mai avuti prima, sono una ragazza ansiosa questo si ad esempio mi faccio tutte le paranoie del mondo se ad esempio non porto in borsa alcune medicine, se sto male da un momento all'altro cosa faccio?
E se sono con gli amici in vacanza e non riesco ad andare in bagno?

Cosa mi consigliate ?

Grazie mille
[#1]
Dr.ssa Franca Esposito Psicologo, Psicoterapeuta 7k 154
Gentile Signorina,
Purtroppo il nostro Sistema Nervoso Vegetativo (definito anche Autonomo in quanto lavora indipendentemente dalla nostra volonta') impiega un po' di tempo a normalizzarsi dopo che e' stato attivato da preoccupazioni o ansie come e' accaduto per Lei a causa della Sua lite.
Se soffre di tali sintomi somatici converrebbe contattare uno psicoterapeuta che operi con metodologie psicosomatiche.
Gli organi bersagio sono simbolici e nel caso dello stomaco o diarrea Le dicono proprio che c'e' qualcosa di *venefico* che lei ha in corpo e di cui ha bisogno di liberarsi!
Ora occorrerebbe correlare le cause con gli effetti.
La lite col fidanzato cosa riguardava? Lei ha dovuto *inghiottire* cose sgradite e venefiche per la Sua psiche? Come l'ha assorbita? E' riuscita a farlo?
Ed ora e' riuscita a liberarsene/evacuarle?
Il malessere avra' fine quando il processo sara' completato!
Spero di essere riuscita a illustrarLe il meccanismo psicosomatico!
Ci faccia sapere come va fra qualche giorno!
Buon week end!

Dott.a FRANCA ESPOSITO, Roma
Psicoterap dinamic Albo Lazio 15132

[#2]
Dr.ssa Pamela Gotti Psicologo, Sessuologo 4
Gentile signorina,
lo stato d'ansia in cui si trova può comportare una serie di disturbi psicosomatici quali appunto un senso di costrizione al petto, disturbi gastrici intestinali, oltre che aumento della sudorazione, tachicardia,...
Ciò avviene soprattutto quando non si sono metabolizzate le cause dell'ansia, rimuovendole dalla mente, cosa che poi finisce per ripercuotersi sul corpo.
Non è stata quindi tanto la lite in sé a provocare l'ansia, quanto tutto ciò che lei non è riuscita ad accettare e a superare e che ancora permane, sottoforma di sintomo. Ciò probabilmente, da quanto lei racconta, si somma a uno stato ansioso generalizzato e costante che mantiene attive certe dinamiche anche laddove non ci siano degli eventi scatenanti specifici.
Come ha spiegato molto bene la mia collega, dr Esposito, la "scelta" dell'organo colpito dal disturbo ha dei significati simbolici che andrebbero indagati all'interno di una terapia che la accompagni a comprendere, in primis, le ragioni che la portano a sviluppare ansia e bisogno di controllo e successivamente a un irrobustimento della sua autoconsapevolezza.
Cordiali saluti

Dr.ssa pamela gotti

[#3]
dopo
Utente
Utente
Buona sera a tutti

Grazie mille per la vostra risposta...
Volevo dirvi che quella pesantezza che avevo mi è passata ho fatto pace con il mio ragazzo w lo amo ancora di più.... Solo che ora avverto altri disturbi...
Durante il giorno, lavorando, andando in palestra mi sento bene... Venerdì scorso sono uscita con amici premetto che avevo litigato il gg prima con lui w quella sera mi sono sentita male, avevo brontolii di pancia (nessun dolore) e sono andata in bagno 4 volte... Dopo di che intenta ad andarmene a casa mi è passato ma mi sentivo questi brontolii fino al gg dopo...
Stasera dopo che non uscivo da venerdì con i miei amici sono uscita a mangiare con loro w li ancora brontolii e sono andata in bagno due volte, in più da un momento all'altro non riuscivo più a mangiare mi nauseava solo a sentire l'odore ... Non capisco cosa possa essere, oggi stavo bene... Ho iniziato a stare così una volta uscita di casa dopo di che dopo qualche ora q ristorante mi è passato tutto...
Perché è un periodo in cui ogni volta che esco di casa X andare q divertirmi o comunque passare del tempo in compagnia iniziò a stare male?
Ora che sono q casa sto bene ....
Dite che è sempre ansia? Tra pochi giorni andrò in ferie con amici... Ho paura che dovrò passare ogni gg così...
Cosa ne dite?

Grazie mille veramente !!!
[#4]
dopo
Utente
Utente
Buongiorno
Ho bisogno di un vs consulto... Domani ho un matrimonio e sono preoccupara di stare male...

Fino ad oggi stavo benissimo, in casa, al lavoro, in palestra, in macchina da sola...

Mezzogiorno lavorando insieme a mio padre siamo andati in un ristorante dove ci andiamo molto spesso in pausa pranzo... appena arrivata ho avvertito un senso di calore, e mi è ricominciato il mal di pancia senza bisogno di andare in bagno, mi è passata la fame.
Fortunatamente abbiamo finito in fretta e ci siamo diretti al centro commerciale, camminando mi sentivo meglio ma sempre qualche brontolio, non appena ritornata in ufficio mi è scomparso il tutto.

Mi dovrei preoccupare per dmani al matrimonio essendo tutto il giorno seduti a mangiare?

Attendo vs cortese riscontro
grazie
[#5]
Dr.ssa Franca Esposito Psicologo, Psicoterapeuta 7k 154
Gentile Signorina,
Per domani non si fa in tempo a fare nulla di *strutturale*
Quindi occorre agire a livello sintomatico con una camomilla, oppure chieda al Suo medico curante un farmaco di *prontissimo effetto* da assumere per questa occasione.
Poi se vorra' fronteggiare questa sintomatologia psicosomatica in modo serio dovra' mettere in programma un intervento strutturato.
Auguri!
[#6]
dopo
Utente
Utente
Grazie dottoressa

Purtroppo oggi non faccio più in tempo a passare dalla mi dottoressa... Sono passata in farmacia e mi ha dato della pastiglie alle erbe contenente valeriana camomilla...
Vorrei tanto capire il perché ho questi sintomi quando esco di casa... Leggendo su internet di altre persone con questi sintomi è xk c'è stato un motivo nella loro vita che gli hanno fatti scatenare ad esempio università, morte di qualcuno di importante, cuore spezzato...
Io ho una bella famiglia, un bravo ragazzo un bel lavoro e non riesco a capire quale sia il motivo di questi attacchi...
Spero di risolvere questa cosa...

Grazie mille ancora dottoressa
[#7]
Dr.ssa Franca Esposito Psicologo, Psicoterapeuta 7k 154
Comprendere le cause e' l`obiettivo dei colloqui che potra` svolgere con uno psicoterapeuta o psicoanalista! Non sono accessibili tramite il pensiero!
Auguri per domani!
[#8]
dopo
Utente
Utente
Grazie

Saluti

Quali argomenti vorresti approfondire su Medicitalia? Partecipa al sondaggio