Utente 473XXX

Buongiorno cari specialisti.
Sono uno studente universitario e avrei bisogno di un aiuto...

Recentemente sono entrato molto "in confidenza" con una mia collega, inizialmente si parlava di semplici preliminari ma una notte mi ha chiesto di penetrarla... Inutile dire che ho immediatamente e irrimediabilmente perso l'erezione un secondo prima dell'atto.

Ci abbiamo riprovato dopo una settimana, con altrettanto scarso risultato. Per circa un mese e mezzo abbiamo avuto solo "preliminari" ma questa notte abbiamo deciso di riprovare... Un altro fallimento.

È il problema è sempre uguale... Poco prima delle penetrazione perdo completamente l'erezione. Non so se attribuire questa mia problematica ad una causa psicologica o fisica, dato che dopo la prima manifestazione del problema è come se non riuscissi più ad avere una forte erezione.

Lei mi piace davvero molto, e sono molto preoccupato per le conseguenze che un tale problema potrebbe avere nella dinamiche del nostro rapporto. Lei ogni volta che succede è palesemente dispiaciuta e scontenta...non so come risolvere questo problema...

Vi ringrazio anticipatamente della cortese risposta...

[#1]  
Dr.ssa Laura Koelliker

20% attività
12% attualità
0% socialità
NAPOLI (NA)

Rank MI+ 32
Iscritto dal 2017
Caro utente,
da quello che scrive è in grado di avere un erezione e di riuscire a mantenerla fino all’atto della penetrazione, questo mi fa pensare che non si tratti di un problema organico.

Lei scrive: “Lei mi piace davvero molto, e sono molto preoccupato per le conseguenze che un tale problema potrebbe avere nella dinamiche del nostro rapporto. Lei ogni volta che succede è palesemente dispiaciuta e scontenta...”

Questa persona Le piace molto, dalle Sue parole mi sembra di capire che viva quel momento, con una notevole ansia da prestazione. Adesso si è focalizzato sulla reazione dispiaciuta di lei, aumentando notevolmente il Suo stress.


Le consiglio comunque delle analisi mediche per scagionare qualsivoglia causa organica, una volta appurato che il problema è di natura psicologica, le consiglio una psicoterapia che la possa aiutare nell’analisi di aspetti psicologici più profondi, al Suo modo di costruire relazioni, alle Sue idee e convinzioni relative alla sessualità, ed alla Sua storia di vita.
Dr.ssa Laura Koelliker - Napoli (Na)

[#2]  
Dr. Carla Maria Brunialti

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
ROVERETO (TN)
TRENTO (TN)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2012
Gentile utente,

la sessualità non è un esame,
e la penetrazione "su richiesta" della compagna può assomigliare ad un esame.
E poi, con preservativo o senza?
Quale era il luogo in cui si svolgeva la cosa?
Non ci dice inoltre se Lei è al primo rapporto sessuale penetrativo,
o - se invece già ce ne sono stati -
come è andata.

Ci sarebbe un'infinità di altre domande da rivolgerLe per poterLa aiutare,
ma ciò si può fare solo vis-à-vis, di persona con un nostro Collega psicologo psicoterapeuta, possibilmente perfezionato in sessuologia (ALBO fissonline.it).

Con l'occasione una approfondita visita uro/andrologica sarebbe opportuna.
Dr. Carla Maria BRUNIALTI
Psicoterapeuta perfez. Sessuologia clinica, Psicologa europea.
www.linkedin.com/in/brunialtisessuologaclinica/

[#3]  
Dr.ssa Valeria Randone

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
12% attualità
20% socialità
CATANIA (CT)
ROMA (RM)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2010
Caro utente,
La diagnosi dovrà essere differenziale e di tipo andrò-sessuologico, come da linee guida internazionali.

Fatto ciò, si procederà cona scelta del protocollo terapeutico più adatto a lei, a volte può essere bastevole anche un counseling psico- sessuologico.

Le allego una video intervista, un canale salute redatto a quattro mani con un collega andrologo, e delle letture


https://m.youtube.com/watch?v=8FfJfOPxMak

https://www.valeriarandone.it/disfunzioni-sessuali-maschili/sessuologia-andrologia/
https://www.medicitalia.it/salute/andrologia/111-disfunzione-erettile.html
https://www.medicitalia.it/minforma/psicologia/1225-deficit-erettile-un-problema-di-coppia-il-ruolo-della-partner.html
https://www.medicitalia.it/minforma/psicologia/1225-deficit-erettile-un-problema-di-coppia-il-ruolo-della-partner.html-
https://www.medicitalia.it/blog/psicologia/6154-il-ruolo-delle-donne-nel-deficit-erettivo-dell-uomo.html

Nel mio sito personale troverà tanto altro.
Cordialmente.
Dr.ssa Valeria Randone,perfezionata in sessuologia clinica.
https://www.valeriarandone.it