Utente 682XXX
spero sia la sezione giusta. Riguarda il mio desiderio sessuale nei confronti della mia partner. io ho 42 anni lei 36, ci conosciamo da circa 4 mesi , io single da 3 anni ma praticante, e lei single da 3 mesi dopo una relazione di 16 anni. Premetto che abbiamo attitudini e emancipazione diverse dal punto di vista sessuale. Sta di fatto che da alcune volte, durante il rapporto perdo desiderio, cioè sono eccitato ma dopo preliminari a causa di alcuni fattori scatenanti come posizioni o richieste della partner, perdo eccitazione e conseguente erezione, calando il desiderio, anche se ho comunque voglia di abbracciarla, toccarla e accarezzarla. Ho notato che mi blocca o mi stranisce la richiesta da parte sua di dirgli cosa voglio, e cosa mi faccia o lei pratichi. Vi ringrazio, se richiesto posso dare maggiori chiarimenti a riguardo.

[#1] dopo  
Dr. Carla Maria Brunialti

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
ROVERETO (TN)
TRENTO (TN)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2012
Gentile utente,

la Vostra è una coppia recente
e la sessualtà di coppia si costruisce
nel tempo,
nella confidenza,
nella fiducia.

Le ha parlato di questa Sua difficiltà a causa delle "parole" nel pieno dell'atto sessuale?
non si meravigli di tale comportamento della Sua partnere:
per altri uomini esse rappresentano un fattore di eccitazione.

Cala l'eccitazione, l'erezione, il desiderio;
le tre cose sono collegate e dunque..
Prime della nuova partner,
Lei non aveva mai avuto defaillances?
Una visita andrologica non andrebbe male.

Se la comunicazione tra Voi non è sufficiente a mettere a fuoco e risolvere il problema,
potere chiedere aiuto ad uno/o psicologa/p psicoterapeuta perfezionato in sessuologia clinica.

Saluti cordiali.
Dr. Carla Maria  BRUNIALTI
Psicoterapeuta perfez. in Sessuologia Clinica, Psicologa europea, Rovereto (TN)
www.webalice.it/centrodipsicologia

[#2] dopo  
Utente 682XXX

A dire il vero c'è stata un, molto leggero, calo di eccitazione con altre ragazze, ma ho pensato al fatto che fosse dovuto al lungo rapporto. Anche perché, non so se sia positivo ma durante il rapporto, al momento del coito mi fermo, facendo calmare lapice del piacere, per poi riprendere il rapporto subito dopo, questo per prolungare la prestazione. Vorrei anche aggiungere che in questi tre anni ho avuto solo rapporti occasionali e questi erano basati solo sul sesso, quindi la ricerca di situazioni trasgressiva e forti basato tutto sull eccitazione e piacere fisico. Ora invece è diverso e, secondo la mia scarsa conoscenza, non sono più abituato al rapporto più sentimentale e mentale nella coppia. Forse dico cose fuori luogo.

[#3] dopo  
Dr. Carla Maria Brunialti

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
ROVERETO (TN)
TRENTO (TN)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2012

Nessuna "cosa fuori luogo",
riflessioni appropriate.

L'abbinamento di sesso e amore cambia le carte in tavola
e dunque anche il funzionamento del corpo;
importantissima la comunicazione nella coppia
come dicevo in #1.

Ma anche i chiarimenti con se stesso.
La percepisco dotato di una considerevole capacità di introspezione.

Dr. Carla Maria  BRUNIALTI
Psicoterapeuta perfez. in Sessuologia Clinica, Psicologa europea, Rovereto (TN)
www.webalice.it/centrodipsicologia

[#4] dopo  
Dr.ssa Valeria Randone

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
12% attualità
20% socialità
CATANIA (CT)
ROMA (RM)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2010
Buongiorno,
la diagnosi dovrà sarà Andro-sessuologica.

Cambia, ed anche di molto, se lei ha una problematica di desiderio che si ripercuote a cascata sulla sua erezione (seconda fase della risposta sessuale), o se ha un deficit erettivo - cause da diagnosticare - che le crea poi una deflessione del desiderio.

Cambia ancora se la sua sessualità è caratterizzata da una scissione tra affettività e sessualità e se adopera la trasgressione come afrodisiaco per paura dell’amore


Ma di questo se ne può parlare solo dopo!

Fatto ciò: diagnosi ed etiologia, si stabilirà come curarla.

Nel mio sito personale. Blog e canale you tube troverà tanto materiale a riguardo da poter consultare.
Cordialmente.
Dr.ssa Valeria Randone,perfezionata in sessuologia clinica.
https://www.valeriarandone.it

[#5] dopo  
Utente 682XXX

Grazie tante delle informazioni. Come potrei procedere, maggiore dialogo, aprirsi di più al problema senza farne un dramma?

[#6] dopo  
Dr.ssa Valeria Randone

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
12% attualità
20% socialità
CATANIA (CT)
ROMA (RM)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2010
Come procedere, si chiama terapia, e dipende dalla diagnosi.

Non fattibile online.
Cordialmente.
Dr.ssa Valeria Randone,perfezionata in sessuologia clinica.
https://www.valeriarandone.it