x

x

La depressione viene prescritto

Salve, ho 17 anni. È da tempo che conosco questo sito e dato che lo trovo molto utile, ho deciso di iscrivermi. Vi sto contattando perché vorrei sapere alcune cose, se possibile. Quasi un anno fa sono stato al pronto soccorso per ingestione a scopo suicidario di psicofarmaci, quali benzodiazepine, SSRi, antidepressivi triciclici e antiepilettici. Mi hanno reindirizzato da una psichiatra. Dopo quell'esperienza ero stato meglio, andavo a scuola, stavo con gli amici e non stavo più così tanto male. Circa tre mesi fa però, tutto è cominciato a crollare. La mattina non riuscivo a scendere dal letto per l'ansia e per la paura di affrontare le cose, stavo da solo, non volevo vedere nessuno, ho smesso di andare a scuola perché il solo pensiero di entrare in classe e vedere tutti, mi faceva stare male. Dopo molto tempo ho ricominciato a procurarmi dei tagli molto profondi, a non parlare e a desiderare di morire, tanto che in certi momenti sono quasi riuscito a farlo. Ho contattato la mia psichiatra e ho richiesto un colloquio. Mi ha prescritto Sertralina 50 mg al mattino, insieme a Carbolithium 300 mg al mattino e Carbolithium 300 mg + 150 mg alla sera (dosaggio stabilito dopo analisi della litiemia). Avrei delle domande... Quale sarebbe lo scopo del Litio che è un antipsicotico? Perché per la depressione viene prescritto?
Inoltre soffro di grande ansia per tutto il giorno, sto provando ad usare medicinali naturali almeno per quella, ma non funziona nulla. La Sertralina in teoria dovrebbe agire anche per l'ansia (non che per la depressione mi faccia stare particolarmente meglio), ma non sembra avere effetto. Dormire è sempre molto difficile, assumo integratori di melatonina, ma mi sto convincendo sempre di più che con un farmaco benzodiazepinico, anche se per poco tempo, potrò stare meglio. Dormire e/o fare cose è sempre molto difficile per me.
Che ne pensate?
Grazie mille in anticipo.
[#1]
Dr. Carla Maria Brunialti Psicologo, Psicoterapeuta, Sessuologo 16.2k 524 109


Cara ragazza,

Lei è già in terapia farmacologica dalla Psichiatra.

Ne siamo contenti,
dato che vorremmo veramente risponderLe
ma questo servizio è riservato alle persone maggiorenni.

Non perchè i minorenni non ne abbiano bisogno,
quanto perchè è indispensabile un ascolto di persona;
La incoraggio dunque a parlare apertamente - come ha fatto con noi - con la Sua Psichiatra, anche riguardo ai farmaci di cui gli psicologi non si occupano,
e per chiederle se è il caso di un appoggio psicologico.

Ciao.

Carlamaria Brunialti

Dr. Carla Maria BRUNIALTI
Psicoterapeuta Sessuologa clinica, Psicologa europea.
https://www.centrobrunialtipsy.it/

[#2]
dopo
Attivo dal 2018 al 2018
Ex utente
Sono un maschio, signora. Comunque avendo letto altri consulti di ragazzi della mia età, su questo sito, credevo fosse disponibile. Arrivederci.

Cos'è l'ansia? Tipologie dei disturbi d'ansia, sintomi fisici, cognitivi e comportamentali, prevenzione, diagnosi e cure possibili con psicoterapia o farmaci.

Leggi tutto