Utente
Buongiorno.
Vi scrivo perché mi trovo in una situazione che nn riesco più a sopportare. Ho 35 anni sono assieme a mio marito da 10anni, sposati da quasi 2. 10 anni fatti di sacrifici, poche gratificazioni, io ho sempre accettato questo, ma da due mesi a questa parte mi è crollato tutto addosso. Nn voglio più stare con lui, sto male se ce l'ho vicino, mi agito, ho un groppo continuo allo stomaco. Sono dimagrita drasticamente. Quello che mi ha fatto crollare tutto addosso è il senso di oppressione che mi sento addosso, io vengo da una situazione famigliare difficile, genitori divorziati, io e mio fratello abbandonati, mio marito quando mi ha conosciuta ha saputo tirarmi su, proteggermi, e farmi sentire più sicura, talmente tanto protetta che adesso che vorrei decidere se continuare a stare con lui o vivere, ho paura del dopo, di sentirmi ancora abbandonata, di non farcela! Alterno momenti in cui sto benissimo da sola e ho le idee chiare, poi arriva lui e mi smonta tutte le mie convinzioni, mi abbraccia e piango, mi sfiora il viso e piango, come devo fare? Il sentimento x lui è diminuito moltissimo, io ho voglia di respirare, ma ho paura che con lui io nn riesca più a farlo... nn riconosco più noi due, non vedo più quello che eravamo io e lui assieme prima. Gli ho chiesto una pausa ed infatti lui torna a casa solamente il sabato e domenica, durante la settimana sono da sola e sto benissimo, sono più calma, sorrido di più, vedo la vita a colori..
Poi torna lui e divento buia, piena di agitazione, piango all improvviso. Lui mi dice che si può recuperare tutto volendo, ma quello che si è logorato in 10 anni nn è che si recupera così...
Vi ringrazio.

[#1]  
Dr. Giuseppe Ciardiello

20% attività
12% attualità
0% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 32
Iscritto dal 2012
Gentile utente, a parte l'esigua quantità di informazioni nella sua domanda, quello che traspare dall'afflato con cui è composta è una urgenza di comprendere dinamiche affettive emozionali profonde e che forse vengono da lontano.

In questo contesto non è proprio possibile cogliere le motivazioni che configurano questi complessi e contraddittori vissuti. Le suggerisco una consulenza di coppia.
Dr. Giuseppe Ciardiello