Non vivo più da quasi un anno

Buonasera, sono a scrivere perché spero di poter ricevere almeno un consiglio
Da febbraio dell’anno scorso non vivo più nella convinzione di essere malata.
Dopo quel giorno ho iniziato a stare male fisicamente con problemi intestinali mai avuti, ansia e panico sempre presenti.

Ci sono dei momenti in cui sono razionale e penso anche alle conferme che ho avuto di non essere malata, ma la mia testa lavora in continuazione l’idea che io sto male senza fermarsi praticamente mai e facendomi stare sempre peggio ad esempio coi sintomi intestinali.

Onestamente non so più che cosa fare.
Utilizzo il lexotan quando ho ansia e panico ma appena ad esempio vado in bagno subito inizio a stare male e alla fine arrivo ad avere mal di pancia.

Solo di notte sto abbastanza bene e riesco a dormire senza pensare a nulla ma come mi sveglio il cervello si attiva e comincio a stare male.

Restando in attesa di un Vostro gentile riscontro porgo cordiali saluti.
[#1]
Dr.ssa Alessandra Gabrielli Psicologo 2
Carissima,
Io credo tu sia ben consapevole di avere un malessere per il quale non sia sufficiente il fai-da-te ma, al contempo, tu non sappia bene da che parte cominciare.
L’ansia della quale parli ritengo sia un sintomo di altro disturbo (e che quindi tu non soffra di Disturbo d’Ansia): per questo motivo il Lexotan, pur alleviando temporaneamente i sintomi, non ha alcun effetto terapeutico.
Il suggerimento è quello di rivolgerti a qualcuno: il tuo medico di base, oppure uno specialista. La maggior parte di noi fa un primo colloquio esplorativo gratuito, quindi potresti consultare qualche profilo e prendere appuntamento per valutare un progetto che ti possa essere utile.

Dr.ssa Alessandra Gabrielli

[#2]
dopo
Utente
Utente
Gentilissima Dottoressa,
La ringrazio per la Sua risposta.
Purtroppo so che il fai da te non aiuta in questi casi infatti sto pensando proprio di decidermi ad avere un sostegno.
Ho solo una domanda : a che disturbo si riferisce quando dice che l’ansia che provo non è sintomo di disturbo d’ansia ma di altro disturbo?
La ringrazio molto e resto in attesa di una Sua gentile risposta.
Cordiali saluti.

Quali argomenti vorresti approfondire su Medicitalia? Partecipa al sondaggio